Martedì 21 Novembre 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Herschel osserva la fusione di due enormi galassie

Nonostante la missione dell'Osservatorio Spaziale Herschel dell'Agenzia Spaziale Europea sia terminata, i dati a disposizione continuano a fornire incredibili scoperte e a svelare i misteri dell'Universo.
Herschel è riuscito ad osservare una rara e massiccia fusione di due galassie: una collisione chiamata HXMM01, ad 11 miliardi di anni luce dalla Terra, risalente a quando il nostro Universo aveva 3 miliardi di anni.

Herschel - fusione di due galassie ellittiche

Credit: ESA/NASA/JPL-Caltech/UC Irvine/STScI/Keck/NRAO/SAO

Nonostante la missione dell'Osservatorio Spaziale Herschel dell'Agenzia Spaziale Europea sia terminata, i dati a disposizione continuano a fornire incredibili scoperte e a svelare i misteri dell'Universo.
Herschel è riuscito ad osservare una rara e massiccia fusione di due galassie: una collisione chiamata HXMM01, ad 11 miliardi di anni luce dalla Terra, risalente a quando il nostro Universo aveva 3 miliardi di anni.

Le immagini raccontano la storia di due galassie lontane che, unite insieme, diventano una fabbrica di stelle.

Lo studio è stato pubblicato il 22 maggio sulla rivista Nature.

Quando il nostro Universo aveva tra i 3 e i 4 miliardi di anni, era popolato da grandi galassie ellittiche, composte da vecchie stelle.
Gli scienziati si sono chiesti per diverso tempo se quelle galassie si fossero formate lentamente inglobando galassie più piccole oppure si fossero formate rapidamente con violente collisioni.

I risultati, ora, aiutano a svelare il mistero e i dati ora a disposizione suggeriscono proprio quest'ultima opzione.

"Stiamo osservando la fase più giovane nella vita di queste galassie - uno scoppio adolescenziale di attività che non durerà molto a lungo", ha detto Hai Fu dell'Università della California a Irvine, che è autore di un nuovo studio.

"Queste galassie che si fondono sono piene di nuove stelle, completamente nascoste dalla polvere", ha detto il co-autore Asantha Cooray, sempre della University of California a Irvine. "Senza i rivelatori nel lontano infrarosso di Herschel, non saremmo stati in grado di vedere attraverso la polvere".

Herschel ha lavorato per quasi otto anni ed era stato progettato proprio per osservare l'Universo nelle lunghezze d'onda dell'infrarosso: recentemente ha finito il liquido refrigerante necessario per raffreddare gli strumenti ma mentre la sua missione è terminata, agli astronomi resta ancora una notevole mole dei dati da analizzare.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

Immagine del giorno

Log: Missioni e Detriti

Dallo spazio attorno alla Terra

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 20 Novembre.

Sole

Attività solare - Crediti NASA/ESA/SOHO

STEREO Ahead - Crediti NASA

SOHO LASCO C2 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

 

 

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.