Scritto: Lunedì, 20 Maggio 2013 05:39 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Il 31 maggio l'asteroide 1998 QE2 ci farà visita


Il 31 maggio l'asteroide di 2,7 chilometri, 1998 QE2, passerà a 5,8 milioni di chilometri dalla Terra, ovvero a 15 volte la distanza Terra - Luna.

1998 QE2 non rappresenta un pericolo per il nostro pianeta ma offrirà una grande opportunità di studio.

Rate this item
(0 votes)

1998 QE2 orbita

Credit: NASA/JPL-Caltech

Il 31 maggio l'asteroide di 2,7 chilometri, 1998 QE2, passerà a 5,8 milioni di chilometri dalla Terra, ovvero a 15 volte la distanza Terra - Luna.

1998 QE2 non rappresenta un pericolo per il nostro pianeta ma offrirà una grande opportunità di studio:

"L'asteroide 1998 QE2 sarà un obiettivo dei radar di Goldstone e Arecibo e ci aspettiamo di ottenere una serie di immagini ad alta risoluzione che potrebbero rivelare la ricchezza delle caratteristiche superficiali", spiega l'astronomo Lance Benner, ricercatore presso il Goldstone per il NASA Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, California.
"Ogni volta che un asteroide si avvicina così tanto, fornisce un'importante opportunità scientifica per studiarlo in dettaglio e capire la sua dimensione, forma, rotazione e caratteristiche della superficie, attraverso le quali possiamo conoscere di più sulle sue origini. Useremo anche le nuove misure radar di distanza e velocità per migliorare il calcolo delle orbite future".

Il massimo avvicinamento si verificherà il 31 maggio alle 20:59 UTC: questo flyby sarà il più vicino che l'asteroide effettuerà verso la Terra per i prossimi due secoli.

E' stato individuato il 19 agosto 1998, dal Massachusetts Institute of Technology con il programma Lincoln Near Earth Asteroid Research (LINEAR), a Socorro, New Mexico.

Per scoprire di più su 1998 QE non ci resta che attendere i giorni tra il 30 maggio e il 9 giugno, quando gli astronomi punteranno le grandi antenne verso l'asteroide.

Le immagini radar dei radiotelescopi di Goldstone potrebbero risolvere le caratteristiche superficiali di un piccolo oggetto di appena 3,75 metri da circa 6,5 milioni di chilometri.

"E' tremendamente eccitante vedere immagini dettagliate di questo asteroide per la prima volta", ha detto Benner.
“Con il radar si può trasformare un semplice punto di luce in un piccolo mondo con le sue caratteristiche. In un certo senso le immagini radar degli asteroidi vicino alla Terra, rappresentano un modo per esplorare un’intera classe di oggetti del Sistema Solare”.

Anche se 1998 QE non è un pericolo per la Terra, la NASA attribuisce grande importanza al programma di monitoraggio e ad oggi le attività statunitensi hanno scoperto il 98% dei NEO (Near-Earth Object) conosciuti.

Nel 2016 la NASA lancerà la missione OSIRIS-REx, una sonda robotica diretta verso l'asteroide potenzialmente pericoloso 101955 Bennu, che farà da apripista per i futuri veicoli spaziali progettati per effettuare ricognizioni su eventuali gli oggetti minacciosi recentemente scoperti.

Letto: 10702 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 19 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista