Scritto: Sabato, 20 Aprile 2013 07:10 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Resti di un'antica supernova trovati in un meteorite


Ecco un vero caso di archeologia spaziale: cercando tra i granelli di polvere portati a Terra dai meteoriti, gli scienziati sono in grado di studiare l'Universo che esisteva ancora prima della formazione del nostro Sistema Solare.
Questa tecnica consente di ottenere informazioni che altrimenti non potrebbero essere rilevate con la tradizionale ricerca astronomica.

Rate this item
(0 votes)

Supernova - Cassiopea A

Credit: NASA/JPL-Caltech/ O.Krause (Steward Observatory)

Ecco un vero caso di archeologia spaziale: cercando tra i granelli di polvere portati a Terra dai meteoriti, gli scienziati sono in grado di studiare l'Universo che esisteva ancora prima della formazione del nostro Sistema Solare.
Questa tecnica consente di ottenere informazioni che altrimenti non potrebbero essere rilevate con la tradizionale ricerca astronomica.

Un team della Washington University di St. Louis, con il supporto del McDonnell Center for the Space Sciences, ha scoperto minuscoli granelli di silicie (SiO2, l'elemento predominante nella sabbia) in meteoriti primitivi.

Questa scoperta è sorprendente perché la silice non è uno dei minerali che dovrebbe condensare nell'atmosfera delle stelle.

Della silice era già stata rilevata in passato ma dalla sua composizione isotopica, si pensava provenisse da stelle AGB (Asymptotic Giant Branch), giganti rosse che si espandono fino ad enormi dimensioni e alla fine della loro vita vengono spogliate della massa dai forti venti stellari.

I grani trovati, invece, provengono probabilmente dal collasso di una supernova, ossia da una stella massiccia esplosa al termine della sua esistenza.
Anche se sono stati rinvenuti in meteoriti diversi, i ricercatori ritengono che siano originati dalla stessa supernova: forse la supernova da cui si formò il nostro Sistema Solare.

Lo studio verrà pubblicato sul numero del 1 maggio della rivista Astrophysical Journal Letters.

Fino al 1960 gli scienziati pensavano che l'ambiente da cui si creò il nostro Sistema Solare fosse troppo caldo affinché i materiali potessero sopravvivere fino a noi.
Ma nel 1987 un gruppo di ricerca dell'Università di Chicago scoprì minuscoli diamanti primitivi in un antico meteorite.

Gli scienziati possono affermare che questi elementi provengono da vecchie stelle, analizzando le loro forme isotopiche.
Stelle diverse producono diverse proporzioni di isotopi ma il materiale da cui si è formato il nostro Sistema Solare era ben miscelato, così tutti i pianeti e il Sole hanno la stessa firma isotopica.

I meteoriti, che generalmente sono frammenti di asteroidi, presentano gli stessi isotopi del nostro Sistema Solare ma al loro interno hanno catturato anche altri campioni.

Il primo grano di silice in un meteorite venne scoperto da Christine Floss, ricercatore presso l'Università di St. Louis e, Frank Stadermann, nel 2009.

Pierre Haenecour, principale autore del nuovo documento, collaborò con Floss e trovò 138 grani di materiale primordiale in un meteorite rinvenuto in Antartide: uno di loro era silice arricchita da ossigeno-18, proveniente dal collasso di una supernova o di una gigante rossa.

Supernova

Credit: Wikipedia

Prima dell'esplosione, la supernova può essere considerata una cipolla gigante, fatta da strati concentrici dominati da diversi elementi. Alcune teorie ipotizzano che la silice potesse essere un prodotto ricco di ossigeno dei strati più vicini al nucleo ma se così fosse, secondo Haenecour, allora i grani dovevano essere arricchiti da ossigeno-16 e non ossigeno-18. Così il ricercatore ha teorizzato che la silice, con quelle caratteristiche, potesse essere riprodotta da piccole quantità di materiale delle zone interne ricche di ossigeno e un po' di ossigeno-18 arricchito di elio e di carbonio proveniente dalla grande sacca di idrogeno che circonda la supernova.

Teorie a parte, è fantastico pensare come in pochi granelli di sabbia siano contenute informazioni epocali, su una storia ancora sconosciuta.

Letto: 2180 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 17 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista