Scritto: Martedì, 09 Aprile 2013 05:30 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

L'atmosfera di Marte? Persa nello spazio ma ancora dinamica


Marte ha perso molta della sua atmosfera originaria ma quella rimasta oggi sembra essere ancora molto dinamica ed attiva: questi, i recenti dati rilevati dal rover della NASA Curiosity e presentati ieri, 8 aprile, a Vienna in occasione della European Geosciences Union 2013 General Assembly (EGU 2013).

Rate this item
(0 votes)

Curiosity: analisi su John Klein

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Marte ha perso molta della sua atmosfera originaria ma quella rimasta oggi sembra essere ancora molto dinamica ed attiva: questi, i recenti dati rilevati dal rover della NASA Curiosity e presentati ieri, 8 aprile, a Vienna in occasione della European Geosciences Union 2013 General Assembly (EGU 2013).

Il Sample Analysis at Mars (SAM) ha assaggiato nuovamente un campione di aria marziana la settimana scorsa e i risultati hanno fornito le misurazioni più precise mai ottenute degli isotopi di argon (gli isotopi sono varianti dello stesso elemento, con diversi pesi atomici), rafforzando l'ipotesi che il pianeta deve aver perso la maggior parte della sua atmosfera diverso tempo fa ed oggi, ne rimane un guscio rado e sottile, l'1% rispetto alla densità dell'atmosfera terrestre al livello del mare.

"Abbiamo trovato probabilmente la firma più chiara ed evidente della perdita atmosferica su Marte", ha detto Sushil Atreya, ricercatore per il SAM presso l'Università del Michigan, Ann Arbor.

Il SAM ha confermato che l'atmosfera marziana oggi presenta un rapporto argon-36 argon-38 significativamente inferiore rispetto a quello presente in origine nel Sistema Solare.
Questo dato elimina ogni incertezza sulle analisi effettuate dal Viking nel 1976 e sui dati rilevati dai diversi meteoriti marziani: su Marte è avvenuto qualche processo che ha favorito la perdita dell'isotopo più leggero rispetto a quello più pesante, rafforzando l'ipotesi che, in mancanza di un forte campo magnetico, l'atmosfera marziana deve essere stata più sensibile all'erosione del forte vento solare della giovane stella.

Rapporto isotopi argon-36 e argon-38

Credit: NASA/JPL

Grazie alla stazione di monitoraggio REMS (Rover Environmental Monitoring Station), Curiosity sta rilevando diversi dati ambientali ed atmosferici: mentre la temperatura giornaliera è salita costantemente rispetto ad otto mesi fa e non sembra avere un andamento strettamente legato alla posizione del rover, l'umidità è sostanzialmente diversa lungo il tragitto di Curiosity: queste sono le prime misurazioni sistematiche dell'umidità su Marte.

Tracce di dust devil non sono ancora mai state osservate direttamente nel cratere Gale ma i sensori del REMS hanno rilevato il modello dei vortici durante i primi cento giorni marziani di missione, anche se non così frequentemente come avvenuto per gli altri rover.

"Un vortice è un evento molto rapido che avviene in pochi secondi e si verifica mediante una combinazione di pressione, temperatura e oscillazioni di vento e, in alcuni casi, una diminuzione della radiazione ultravioletta", ha detto Javier Gómez-Elvira del Centro de Astrobiología, Madrid, principale ricercatore per il REMS.

La polvere distribuita dal vento è stata esaminata dal laser della Chemistry and Camera (ChemCam): l'energia del laser rimuove la polvere superficiale per esporre il materiale sottostante ma durante questo processo arrivano importanti informazioni anche in merito alla polvere stessa.

"Sapevamo che Marte è rosso a causa di ossidi di ferro nella polvere", spiega Sylvestre Maurice dell'Institut de Recherche en Astrophysique et Planétologie di Toulouse, France, principale responsabile per la ChemCam.
"La ChemCam ha rivelato una complessa composizione chimica della polvere che comprende idrogeno, che può essere sotto forma di gruppi ossidrilici o molecole di acqua".

John Klein - SAM 

Il grafico mostra i principali gas rilasciati durante la quarta porzione della polvere della roccia John Klein, cosegnata al SAM.
Credit: NASA/JPL-Caltech

Così, con il Dynamic Albedo of Neutrons (DAN) è stato studiato un possibile scambio di molecole d'acqua tra l'atmosfera e il suolo.

Per il resto del mese di aprile Curiosity sarà a riposo e continuerà solo le analisi ambientali con il REMS e il DAN, in base ai comandi inviati a marzo, mentre non svolgerà alcun tipo di attività scientifica rilevante a causa della congiunzione Marte - Sole che limita le comunicazioni tra la Terra e il Pianeta Rosso.

Dopo la congiunzione è previsto per Curiosity un nuovo utilizzo del trapano su un target ancora da definire.

Read 3688 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 29 Marzo

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 28 Marzo).

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 26 Marzo [Last update: 03/26/2020]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 5/3/20).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 26 Marzo [Last update: 03/26/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 28/3/20 - Sol 473] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS