Scritto: Venerdì, 05 Aprile 2013 05:29 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

I vulcani di Io? Sono nel posto sbagliato!


La luna di Giove, Io, è uno dei mondi più attivi dei nostro Sistema Solare, con centinaia di vulcani, fontane di lava ed eruzioni fino a 400 chilometri di altezza ma la sua attività vulcanica non si trova nel punto previsto dai modelli, dicono gli scienziati della NASA e dell'Agenzia Spaziale Europea ESA.

Rate this item
(0 votes)

Io - luna di Giove

Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute 

La luna di Giove, Io, è uno dei mondi più attivi dei nostro Sistema Solare, con centinaia di vulcani, fontane di lava ed eruzioni fino a 400 chilometri di altezza ma la sua attività vulcanica non si trova nel punto previsto dai modelli, dicono gli scienziati della NASA e dell'Agenzia Spaziale Europea ESA.

Io si trova in una posizione particolare nell'orbita di Giove, in una sorta di braccio di ferro tra la forte attrazione gravitazionale del gigante gassoso e la più piccola ma sincronizzata influenza delle due lune più vicine, Europa e Ganimede. L'orbita di Io è più veloce rispetto a quella di queste due lune: compie due orbite ogni volta che Europa ne finisce una e quattro orbite per una di Ganimede. La tempistica fa si che l'attrazione gravitazionale si senta maggiormente e l'orbita di Io venga distorta e ovalizzata e questo, a sua volta, porta Io ad essere ulteriormente influenzata quando si muove intorno a Giove, che deforma la luna quando passa nelle sue vicinanze. La flessione dovuta alla gravità provoca un riscaldamento di marea che genera l'enorme calore interno, causa del vulcanesimo sulla luna.

Ma questo riscaldamento, come colpisce l'interno della luna?
Alcuni pensano che avvenga in profondità ma l'opinione più comune è che si verifichi ad un livello poco sotto la crosta, chiamato astenosfera. Qui, la roccia si comporta come stucco, lentamente deformata sotto pressione e calore.

"La nostra analisi supporta l'opinione prevalente che la maggior parte del calore viene generato nell'astenosfera ma abbiamo trovato che l'attività vulcanica si trova dai 30 ai 60 gradi Est da dove ci aspettiamo che fosse", ha detto Christopher Hamilton dell'Università del Maryland, College Park, autore dell'articolo pubblicato il 1 gennaio sulla rivista Earth and Planetary Science Letters. 

Hamilton e il suo team hanno sviluppato il loro lavoro basandosi sulla mappa geologia globale di Io prodotta da David Williams dell'Arizona State University di Tempe, Arizona. La mappa fornisce l'inventario più completo dei vulcani di Io rilevati fino ad oggi.

Supponendo che i vulcani si trovano sopra ai punti in cui si verifica il riscaldamento più interno, il team ha testato una serie di modelli relazionando la posizione dell'attività vulcanica con i modelli di riscaldamento di marea.

"Abbiamo effettuato la prima rigorosa analisi statistica della distribuzione dei vulcani nella nuova mappa globale geologica di Io", dice Hamilton. "Abbiamo trovato uno scostamento sistematico verso est della collocazione dei vulcani osservata e predetta che non può accordarsi con nessun modello di riscaldamento di marea per corpi solidi".

Una possibile spiegazione potrebbe essere che Io ruota più velocemente del previsto, con una struttura interna che permette al magma di correre più velocemente sotto la superficie, dal punto in cui avviene il riscaldamento fino al punto in cui ha la strada per fuoriuscire, oppure potrebbe esistere un ulteriore elemento, finora non considerato.

Il magnetometro della missione Galileo della NASA che rilevato un campo magnetico intorno ad Io, suggerendo la presenza di un oceano magmatico nel sottosuolo.

Orbitando intorno a Giove, Io si muove nel vasto campo magnetico del pianeta e i ricercatori pensano che questo, insieme ad un oceano globale in grado di condurre elettricamente il magma, possa generare il campo magnetico osservato.

"La nostra analisi supporta l'ipotesi di un oceano di magma globale sotto la superficie come una possibile spiegazione per la differenza tra la posizione dei vulcani prevista e quella osservata su Io", dice Hamilton. "Tuttavia, un oceano di magma su Io non sarebbe come gli oceani della Terra. Invece di essere uno strato completamente fluido, l'oceano magmatico di Io sarebbe probabilmente più come una spugna, con almeno il 20 per cento di silicati fusi all'interno di una matrice di roccia lentamente deformabile".

Il riscaldamento di marea è anche ritenuto responsabile degli oceani di acqua liquida che potrebbero esistere sotto le croste ghiacciate di Europa e della luna di Saturno, Encelado.

"L'inaspettato spostamento verso est delle posizioni dei vulcani è un indizio che qualcosa manca nella nostra comprensione di Io", dice Hamilton. "In un certo senso, questo è il nostro risultato più importante. La nostra comprensione della produzione di calore di marea e la sua relazione con vulcanismo di superficie è incompleta".

Read 1984 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 5 Aprile

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 6 Aprile sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 4 Aprile [Last update: 04/04/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 3 Aprile [Last update: 04/03/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 6/4/20 - Sol 483] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS