Scritto: Venerdì, 31 Agosto 2018 17:17 Ultima modifica: Domenica, 02 Settembre 2018 09:01

1998 SD9, la staffetta del Sistema Solare interno


L'altroieri questo piccolo asteroide è passato accanto alla Terra; la sua orbita "risonante" con Venere, ora molto ben nota, lo porta a sfiorare spesso i tre pianeti più interni.

Rate this item
(0 votes)
Incontri ravvicinati di 1998 SD9 con i tre pianeti più interni nell'arco di 3 secoli. Quello dell'altro ieri è indicato dalla freccia verde. La scala sulle ordinate è in unità astronomiche. Incontri ravvicinati di 1998 SD9 con i tre pianeti più interni nell'arco di 3 secoli. Quello dell'altro ieri è indicato dalla freccia verde. La scala sulle ordinate è in unità astronomiche. Data Source: NASA/JPL/SSD/CNEOS - Processing: M. Di Lorenzo

 Mercoledi mattina un asteroide di dimensioni medio-piccole (comprese tra 38 e 85 metri, sulla base della luminosità) è passato a circa 4,2 volte la distanza lunare, poco oltre la cosiddetta "sfera di influenza gravitazionale" della Terra. L'incontro cosmico, di per sè, non ha nulla di eccezionale ma l'oggetto in questione merita attenzione perchè è noto da ben 20 anni ed ha un'orbita molto particolare.

 L'oggetto NEO di cui stiamo parlando è 1998 SD9, scoperto il 18/9/1998; all'epoca, si conoscevano meno di 1000 oggetti NEO (oggi sono quasi 19000) e stava iniziando . Rientra nella famiglia degli asteroidi "Ateniesi" (Athens) poichè la sua distanza media dal Sole è inferiore a quella della Terra, anzi è praticamente uguale a quella di Venere (0,702 contro 0,718 unità astronomiche). Il fatto che l'orbita abbia un perielio a 0,348 au, di poco all'interno dell'orbita di Mercurio (come si vede nell'illustrazione seguente) e un'afelio a 1,057 ua, unito alla bassa inclinazione dell'orbita (2,9°) fa si che ci siano frequenti incontri ravvicinati con tutti i 3 pianeti più interni del sistema solare. Come illustrato nell'immagine di apertura, nel corso di 300 anni i sono 183 passaggi entro 0,1 ua da un pianeta; di questi, 50 riguardano la Terra, 90 Mercurio e i rimanenti 43 Venere. Il fatto che, nel caso di Mercurio, la distanza non scenda mai sotto le 0,04 ua è dovuto all'inclinazione orbitale del pianeta.

1998 SD9 orbit

Orbita di 1998 DS9 nel sistema solare interno - Credit: astro.vanbuitenen.nl

 Venere ha un periodo orbitale di 224,7 giorni mentre quello di SD9 è 215,1 giorni (quasi il 96% di Venere). Per questo si può dire che 2018 SD9 è quasi in risonanza con quel pianeta, una situazione che si è probabilmente venuta a creare in milioni di anni di interazioni orbitali frequenti.

 

1998 SD9 traj

Traiettoria sulla volta celeste di 1998 DS9 (in rosso) - Credit: astro.vanbuitenen.nl

1998 SD9 light

Magnitudine apparente di 1998 DS9  - Credit: astro.vanbuitenen.nl - Processing: M. Di Lorenzo

 Prima del passaggio ravvicinato, sulla base di vecchie osservazioni effettuate tra il 1998 e il 2008, l'incertezza nel valore di distanza minima era affetto da un errore contenuto, di poco superiore a 100 km. Poi, con la "riscoperta" dell'oggetto (avvenuta il 18 agosto), l'arco temporale di osservazione è raddoppiato e l'incertezza è scesa subito a 30 km. Adesso, sulla base delle sole osservazioni ottiche, sappiamo che il massimo avvicinamento è avvenuto alle 7:29 UT (9:29 ora italiana) a 1619572±20 km dal centro della Terra.

 Misure così accurate, naturalmente, implicano anche una conoscenza sempre più precisa dell'orbita. Il "Condition Code" pari a 0 è già una chiara indicazione in questo senso, ma se andiamo in dettaglio scopriamo che, ad esempio, l'incertezza sul semiasse maggiore ammonta ora a soli 5,4·10-10 unità astronomiche, ovvero circa 80 metri. Questo valore non è molto diverso da 4,2·10-10 au, relativo al celebre asteroide Apophis che è certamente uno di quelli con l'orbita meglio conosciuta; fanno di meglio solo Bennu (che sta per essere raggiunto dalla sonda OSIRIS-REx) e 1999 FN19, entrambi con incertezze di un ordine di grandezza più basse, valori estremi al limite delle possibilità offerte dalla stessa definizione di unità astronomica. Tuttavia, va sottolineato che i tre asteroidi citati sono stati osservati anche con il radar mentre su 1998 SD9 abbiamo poco più un centinaio di osservazioni ottiche, anche se estese su un intervallo di 20 anni. A dire il vero, dall'ultima schedula di osservazioni con l'antenna di Goldstone, nei giorni 27-28 agosto erano previste osservazioni radar su 1998 SD9 che dovrebbero rendere ancora più precisa la determinazione dell'orbita, portandola forse nell' "Olimpo" della precisione massima insieme a Bennu e pochi altri; tuttavia, per ora, non si conoscono i risultati.

 Tutta questa precisione ha permesso di misurare anche i deboli effetti non gravitazionali che agiscono su questo asteroide, in particolare una lievissima accelerazione trasversale (detta A2, "non-gravitational transverse acceleration") che, alla distanza di 1 au dal Sole, risulta pari a -2,805(±0,065)·10-13 au/d2. Tradotto in unità più familiari, essa corrisponde a circa 6·10-12 m/s2, meno di un millesimo di miliardesimo di accelerazione gravitazionale sulla Terra! Tale accelerazione è presumibilmente da imputare all' effetto Yarkovsky che è causato dalla pressione di radiazione infrarossa riemessa dalla superficie scaldata dal Sole, mentre l'asteroide ruota su se stesso. Alla lunga, questa perturbazione riesce a modificare l'orbita dell'oggetto ma, anche tenendo conto di questo effetto, il rischio di un impatto con la Terra è escluso almeno fino alla fine del 23mo secolo.

 

Riferimenti:
https://ssd.jpl.nasa.gov/sbdb.cgi?sstr=1998%20SD9;old=0;orb=0;cov=0;log=0;cad=1#cad
http://www.astrowatch.net/2018/08/house-sized-asteroid-to-whiz-by-earth.html

Read 1810 times Ultima modifica Domenica, 02 Settembre 2018 09:01
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Latest from Marco Di Lorenzo (DILO)

More in this category: « CHI-MEglio di lui? Arecibo risorge »

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Please enable the javascript to submit this form

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 17 giugno.

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 18 Giugno)

  • Tiangong-2 orbit
    Tiangong-2 orbit

    Evoluzione dell'orbita della seconda stazione spaziale cinese. Aggiornamento del 18/6 [Last update: 06/18]

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 18/6 [Last update: 06/18]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 14/6/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubbe Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 18/6 [Last update: 06/18].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 18/6 - Sol 197]

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 15/6/19).

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 17 Giugno [updated on June,17]

HOT NEWS