Scritto: Giovedì, 07 Marzo 2013 06:23 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Le evidenze del vasto oceano di Europa potrebbero trovarsi in superficie


Se si potesse assaggiare un po' della superficie di Europa, satellite di Giove, allora si avrebbe un'idea anche del sapore del mare sottostante.

Un nuovo documento di Mike Brown, astronomo del California Institute of Technology in Pasadena, e Kevin Hand, del NASA Jet Propulsion Laboratory, spiega come il vasto oceano di acqua salata sotto i ghiacci di Europa, si faccia strada ed interagisca con l'esterno.

Rate this item
(0 votes)

Europa - oceano sotterraneo

Credit: NASA/JPL-Caltech

Se si potesse assaggiare un po' della superficie di Europa, satellite di Giove, allora si avrebbe un'idea anche del sapore del mare sottostante.

Un nuovo documento di Mike Brown, astronomo del California Institute of Technology in Pasadena, e Kevin Hand, del NASA Jet Propulsion Laboratory, spiega come il vasto oceano di acqua salata sotto i ghiacci di Europa, si faccia strada ed interagisca con l'esterno.

In un recente post sul blog, Brown si domandava che sapore avrebbe avuto la superficie ghiacciata di Europa se si potesse leccare.

"La risposta potrebbe essere che avrebbe un sapore molto simile a quello dell'ultimo sorso di acqua che accidentalmente avete bevuto quando nuotavate al mare durante la vostra ultima vacanza. Basta non impiegarci troppo tempo ad assaggiare. A quasi 300 gradi F sotto zero, la lingua rimarrebbe attaccata velocemente".

Lo studio si basa sui dati della missione Galileo dal 1989 al 2003 che suggeriscono uno scambio chimico tra l'oceano e la superficie, che renderebbe il mare un ambiente chimico più ricco. Condizione importantissima per la vita.

"Ora abbiamo la prova che l'oceano di Europa non è isolato: l'oceano e la superficie comunicano l'uno con l'altro e scambiano prodotti chimici", spiega Brown.

"Questo significa che l'energia potrebbe andare nel mare, condizione importante in termini della possibilità della vita. Significa che se vuoi sapere cosa c'è in mare, basta andare in superficie a raschiare un po'".

"Il ghiaccio ci fornisce una finestra su questo oceano potenzialmente abitabile", ha aggiunto Hand.

Se così fosse, sarebbe davvero una scoperta importante anche per pianificare missioni future: non ci sarebbe più bisogno di scavare nel ghiaccio per immergersi nell'acqua ma basterebbero un po' di analisi in superficie.

Si suppone che l'oceano di Europa ricopra l'intera luna e possa arrivare anche a 100 chilometri di profondità, ricoperto da un sottile strato di ghiaccio.

Fin dai tempi delle missioni della NASA Voyager e Galileo gli scienziati hanno discusso sulla composizione della superficie di Europa.

Dei sali erano stati rilevati dalla sonda Galileo.
Questo punto di partenza, spiega Brown, era molto allettante in quanto poteva far pensare implicitamente che l'acqua dell'oceano sottostante arrivasse in superficie, evaporando e lasciando dei sali. Ma potevano esserci anche altre spiegazioni, come ad esempio il fatto che la sua superficie è costantemente bombardata dallo zolfo dei vulcani di Io.

Tuttavia, lo spettrometro infrarosso della sonda Galileo non era in grado di fornire una risposta e i dettagli necessari per identificare definitivamente alcuni dei materiali presenti.

Ora, usando il telescopio da 10 metri Keck II a Mauna Kea, nelle Hawaii e il suo spettrometro OSIRIS, Brown e Hand hanno identificato una caratteristica spettroscopica sulla superficie di Europa che indica la presenza di un minerale chiamato epsomite, un sale di solfato di magnesio, che potrebbe essersi formato dall'ossidazione un minerale proveniente dall'oceano sottostante.

Brown e Hand hanno iniziato la loro ricerca mappando la distribuzione del ghiaccio d'acqua pura rispetto a qualsiasi altra cosa sulla superficie del satelite di Giove. Poi, alle basse latitudini dell'emisfero posteriore, ossia nell'area con la maggior concentrazione di acqua non ghiacciata, i ricercatori hanno notato un brusco calo nelle linee dello spettro, mai osservato prima.

Nel laboratorio del JPL dove si cerca di simulare gli ambienti presenti sui mondi ghiacciati, i due ricercatori hanno effettuato test di laboratorio con elementi diversi ma alla fine della giornata, era la firma del solfato di magnesio l'unica a persistere.

Mentre il solfato di magnesio dovrebbe essere generato dall'irradiazione di zolfo espulsa dal satellite di Giove Io, gli autori credono che il cloruro di magnesio sia originario dell'oceano di Europa. I cloruri, come quello di sodio e di potassio, non sono in generale facilmente rilevabili perché non hanno chiare caratteristiche spettrali infrarosse, a differenza del solfato di magnesio.

Brown e Hand sostengono che la composizione dell'oceano di Europa sia molto simile a quella degli oceani salati terrestri.

Europa è considerato uno degli obiettivo più importante per la ricerca della vita oltre la Terra.

Un gruppo di studio finanziato dalla NASA e guidato dal JPL e dalla Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory ha lavorato per valutare le migliori opzioni per esplorare il satellite di Giove.

"Se abbiamo imparato qualcosa dalla vita sulla Terra, è che dove c'è acqua allo stato liquido, generalmente c'è anche la vita", ha detto a Hand. "E, naturalmente, il nostro oceano è un bell'oceano salato. Forse anche l'oceano salato di Europa è un posto meraviglioso per la vita".

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Astronomical Journal.

Read 2453 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 4 Aprile

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 4 Aprile sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 4 Aprile [Last update: 04/04/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 3 Aprile [Last update: 04/03/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 2/4/20 - Sol 478] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS