Scritto: Martedì, 26 Febbraio 2013 20:27 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Nel 2014 una cometa potrebbe colpire Marte


Non c'è che dire, a livello astronomico questo 2013 è iniziato in maniera piuttosto movimentata, tra asteroidi e comete!

Dopo il passaggio di 2012 DA14, l'inaspettato meteorite russo, l'annunacio della "Cometa del Secolo" ISON (C/2012 S1) e della prossima C/2011 L4 (PANSTARRS) che forse potremmo vedere ad occhio nudo, ecco che sul sito universetoday.com viene annunciato un altro importante evento.

Rate this item
(0 votes)

Simulation of the close approach of C/2013 A1 to Mars in Celestia using the latest MPC elements

Credit: Ian Musgrave/Astroblog

Non c'è che dire, a livello astronomico questo 2013 è iniziato in maniera piuttosto movimentata, tra asteroidi e comete!

Dopo il passaggio di 2012 DA14, l'inaspettato meteorite russo, l'annunacio della "Cometa del Secolo" ISON (C/2012 S1) e della prossima C/2011 L4 (PANSTARRS) che forse potremmo vedere ad occhio nudo, ecco che sul sito universetoday.com viene annunciato un altro importante evento: c'è una remota possibilità che una cometa scoperta da poco collida con Marte nel mese di ottobre 2014.
Gli astronomi ne stanno ancora determinando l'esatta traiettoria.

Denominata C/2013 A1 (Siding Spring) arriverà per lo meno abbastanza vicino al Pianeta Rosso, di questo ne siamo già certi. Anche se non ci sarà un impatto, si potrà vedere abbastanza bene da Terra ma sarà spettacolare da Marte, dove probabilmente potrà essere osservata con una magnitudine di -4.

La cometa è stata scoperta ad inizio 2013 dal cercatore di comete Robert McNaught al Siding Spring Observatory in New South Wales, Australia.

In base a quanto riportato in un forum di astronìmia amatoriale, non appena è stata individuata, gli astronomi del Catalina Sky Survey in Arizona hanno ricontrollato le loro osservazioni precedenti, trovando una prima immagini risalente all'8 dicembre 2012. Grazie a questi ultimi dati, sarebbe stata aggiornata la traiettoria e risulterebbe che la cometa sarebbe in collisione con Marte il 19 ottobre 2014.

Tuttavia, oggi dopo 74 giorni di osservazione da parte degli specialisti, i calcoli propenderebbero per un massimo avvicinamento su Marte di 109.200 km (0.00073 AU). Se così fosse potrebbe essere un'occasione unica: magari i rover in superficie o le sonde in orbita potrebbero avere un punto di vista privilegiato.

Ma il periodo di osservazione è ancora troppo breve per prevedere la posizione precisa nel giro di 20 mesi: la cometa C/2013 A1 potrebbe passare ad una distanza di sicurezza di 0.008 AU ma allo stesso modo il suo flyby potrebbe coincidere con l'orbita di Marte.

Comunque vadano le cose, dato che è una cometa iperbolica e si sposta in un'orbita retrograda, la sua velocità rispetto al pianeta sarà molto elevata: viaggerà a circa 56 chilometri al secondo.

Con la stima attuale la magnitudine assoluta del nucleo sarebbe M2=10.3, che indicherebbe un diametro fino a 50 km, per un'energia di impatto equivalente a 2×1010 megatoni!

Un impatto di questa portata potrebbe lasciare un cratere di 500 chilometri di diametro e 2 chilometri di profondità. Forse allora, potrebbe non essere un buon giorno per Marte, per i rover e le sonde e per chi sogna di poter organizzare una missione umana.

Gli astronomi continueranno a tenere d'occhio questa cometa e a migliorne le simulazioni.
E' comunque possibile seguire i parametri orbitali dal sito del JPL, Solar System Dynamics.

Aggiornamento
La cometa 2013 A1 (Siding Spring) avrà sicuramente un incontro ravvicinato con Marte ad ottobre 2014.
Ieri, 5 marzo 2013, sul sito NASA è stato pubblicato un articolo in merito all'ultima traiettoria calcolata dall'Earth Object Program Office del NASA Jet Propulsion Laboratory a Pasadena, California.
Le stime attuali, basate sulle recenti osservazioni, prevedono un flyby a 300.000 chilometri da Marte ma Siding Spring potrebbe passare molto più vicino.

Cometa 2013 A1 (Siding Spring)

Credit: NASA/JPL-Caltech 

I calcoli verranno affinati ulteriormente e, benchè la possibilità di un impatto non può essere esclusa, attualmente è meno di uno su seicento. Vista da Marte raggiungerà probabilmente una magnitudine pari a 0 o superiore.

Il video che segue, invece, si basa sulle precedenti stime calcolate da Leonid Elenin che valutavano un passaggio a 58.000 chilometri dalla superficie del Pianeta Rosso.

Read 3447 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 31 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 31 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS