Scritto: Mercoledì, 20 Febbraio 2013 06:37 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Raccolti diversi frammenti del meteorite russo: ancora interrogativi sulla vera natura dell'oggetto


Da quando il 15 febbraio scorso un palla di fuoco ha attraversato i cieli della Russia nella regione degli Urali esplodendo a bassa quota e precipitando a Terra con diversi frammenti, è iniziata una vera e propria corsa ai souvenir.

Il raro evento inaspettato si era verificato proprio lo stesso giorno di un altr'altra grande circostanza astronomica: il flyby ravvicinato dell'asteroide 2012 DA14.

Rate this item
(0 votes)

Meteorite russo 15 febbraio 2013

Credit: RIA Novosti.

Da quando il 15 febbraio scorso un palla di fuoco ha attraversato i cieli della Russia nella regione degli Urali esplodendo a bassa quota e precipitando a Terra con diversi frammenti, è iniziata una vera e propria corsa ai souvenir.

Il raro evento inaspettato si era verificato proprio lo stesso giorno di un altr'altra grande circostanza astronomica: il flyby ravvicinato dell'asteroide 2012 DA14.

Diversi frammenti sono stati raccolti nei pressi del lago ghiacciato nella regione di Chelyabinsk, dove gli effetti della meteora sono stati più violenti provocando diversi danni alle strutture e molti feriti.

La provenienza extraterrestre dei primi 53 reperti è stata confermata nelle prime ore di questo lunedì dalla Urals Federal University.

Meteorite russo 15 febbraio 2013

Credit: Denis Panteleev

Viktor Grokhovsky, membro dell'Accademia Russa delle Scienze, capo delle operazioni scientifiche, è convinto che questi ritrovamenti costituiscono solo una minima parte dei frammenti sparsi nell'area di impatto di almeno 100 chilometri quadrati.

Subacquei militari hanno trascorso già diversi giorni sul fondo del lago alla ricerca di parti del meteorite, ancora senza risultato, ostacolati dalla scarsa visibilità.

Tra i frammenti recuperati finora nessuno ha un diametro maggiore di 1 centimetro e suggeriscono che il meteorite era composto da un 10% di ferro, con tracce di solfiti e olivina.
Ma, nonostante ancora non sia stato rinvenuto, Grokhovsky è convinto che debbano esistere frammenti di almeno 50 centimetri.

Meteorite russo 15 febbraio 2013

Credit: RIA Novosti. Chelyabinsk regional department of the Russian Interior Ministry

"E' stato un meteorite roccioso che appartiene a una classe di condriti ordinarie", ha detto Grokhovsky, comunque, l'oggetto più grosso a colpire la Terra negli ultimi 100 anni.

Tuttavia, all'interno della comunità scientifica sembra esserci una certa divergenza di opinioni sull'esatta natura dell'oggetto.
Alcuni esperti sostengono infatti, che possa essersi trattato di una cometa.

"La sua massa doveva essere principalmente ghiaccio, di cui non rimane traccia", sostiene Alexander Bagrov dell'Accademia Russa delle Scienze.

E così la storia di Tunguska sembra ripetersi anche sotto questo aspetto: per decenni gli scienziati sostennero che l'esplosione era stata causata da una piccola cometa e non da un meteorite, a causa dell'assenza di un evidente cratere da impatto.

Il meteorite russo probabilmente sarà chiamato Chebarkul dal nome del lago e dell'omonima cittadità, nella regione di Chelyabinsk, dove è caduto.

Letto: 3432 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista