Sabato 25 Novembre 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Forse c'è acqua su 3 delle 7 meraviglie TRAPPIST-1

Il sistema TRAPPIST-1
Il sistema TRAPPIST-1 Crediti: NASA/JPL-Caltech

Grazie al Telescopio Spaziale Hubble, gli scienziati ritengono che l'acqua possa esistere su alcuni dei pianeti del sistema TRAPPIST-1, uno dei più intriganti scoperti finora.

2MASS J23062928-0502285 è una nana ultrafredda (più o meno delle dimensioni di Giove e molto più fredda del nostro Sole) nella costellazione dell'Acquario
Si trova a soli 40 anni luce dalla Terra ed è conosciuta come TRAPPIST-1, dal nome del telescopio da 60 centimetri con cui fu inizialmente studiata, il "TRAnsiting Planets and PlanetesImals Small Telescope–South" installato presso l’Osservatorio ESO alla La Silla in Cile che a maggio 2016 aveva scoperto i primi tre pianeti del sistema. Questi vennero convalidati con diverse osservazioni di follow-up: lo Spitzer ne riconfermò due e ne individuò altri cinque, portando il numero di mondi conosciuti a sette.

TRAPPIST-1 è un sistema solare in miniatura che potrebbe entrare comodamente entro l'orbita di Mercurio (vedi l'approfondimento di Marco Di Lorenzo "I 7 pianeti di Trappist-1") ma uno dei fatti più intricanti è che tutti i pianeti conosciuti risiedono nella fascia abitabile, cioè nella zona orbitale in cui potrebbe esistere acqua allo stato liquido sulle loro superfici, e sembrano essere rocciosi. Altro punto a favore della vita è l'età della loro stella madre che, secondo un recente documento, oscillerebbe tra i 5.4 ed i 9.8 miliardi di anni, che è quasi il doppio dell'età del Sole.

Se c'è vita su questi pianeti deve essere resistente perché è sopravvissuta a scenari potenzialmente terribili per miliardi di anni

ha dichiarato nella press release Adam Burgasser, astronomo dell'Università della California a San Diego.

Ora si aggiunge un altro tassello: un nuovo studio aumenta le aspettative di abitabilità almeno per tre dei mondi del sistema.
Utilizzando lo Space Telescope Imaging Spectrograph (STIS) del Telescopio Spaziale Hubble, Vincent Bourrier dell'Università di Ginevra (Svizzera) e colleghi hanno analizzato la radiazione UV che, generata dalla stella, investe i sette pianeti.
Comprendere l'entità di tale dato è molto importante perché le radiazioni ultraviolette a bassa energia rompono le molecole d'acqua secondo un processo chiamato "fotodissociazione", mentre i raggi ultravioletti estremi (EUV o XUV, dall'inglese Extreme ultraviolet radiation) ed i raggi X, scaldano l'atmosfere planetarie favorendo la fuga degli elementi più leggeri cone l'idrogeno.

Le radiazioni ultraviolette emesse da TRAPPIST-1 suggeriscono che i pianeti più interni avrebbero potuto perdere giganteschi volumi d'acqua nel corso della loro storia, paragonabili ad oltre 20 volte tutta l'acqua degli oceani terrestri. Ma TRAPPIST-1e, f e g sarebbero stati più fortunati e potrebbero conservare acqua ancora oggi.

Tuttavia, al momento, le informazioni acquisite non consentono di trarre conclusioni definitive ma i risultati suggeriscono che questi pianeti extrasolari saranno i migliori candidati dove cercare con il telescopio James Webb.

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

Immagine del giorno

Log: Missioni e Detriti

Dallo spazio attorno alla Terra

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 24 Novembre.

Sole

Attività solare - Crediti NASA/ESA/SOHO

STEREO Ahead - Crediti NASA

SOHO LASCO C2 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

 

 

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.