Scritto: Giovedì, 15 Dicembre 2016 07:52 Ultima modifica: Giovedì, 15 Dicembre 2016 08:32

Proxima b potrebbe sostenere la vita


Scoperto lo scorso agosto, Proxima b, un pianeta extrasolare che orbita nella fascia abitabile della stella Proxima Centauri a soli 4,2 anni luce da noi, potrebbe avere condizioni adatte a sostenere la vita.

Rate this item
(0 votes)
Proxima b potrebbe sostenere la vita Crediti: ESO

Un team di scienziati, guidato dall'astrobiologo Dimitra Atri, ha pubblicato i risultati delle simulazioni sulla rivista Monthly Notices della Royal Astronomical Society.

L'esopianeta fu individuato da un team internazionale, guidato da Guillem Anglada-Escudé della Queen Mary University di Londra.
I primi dati suggerivano che è quasi sicuramente roccioso ed è 1,3 volte più massiccio della Terra; orbita attorno alla sua stella madre, una nana rossa, ad una distanza di 7,5 milioni di chilometri (cioè molto più vicino di Mercurio rispetto al Sole) ogni 11,2 giorni terrestri.

Inoltre, Proxima b è probabilmente in rotazione sincrona, ossia mostra sempre la stessa faccia a Proxima Centauri ma si trova nel bel mezzo della fascia abitabile, cioè alla giusta distanza dalla stella perché possa esistere acqua allo stato liquido sulla sua superficie.
Il primo aspetto, un tempo considerato sfavorevole alla vita, oggi sembra non essere un problema perché alcuni studi suggeriscono che nei mondi in rotazione sincrona i venti potrebbero distribuire il calore mitigando le temperature estreme, troppo calde o troppo fredde dei due emisferi. E se questo pianeta fosse davvero abitabile, la vita avrebbe tutto il tempo di evolversi perché le nane rosse rimangono stabili per per centinaia di miliardi di anni, a differenza di stelle come il Sole che muoiono dopo 10 miliardi di anni o giù di lì. Eppure, nonostante i dati sembrino promettenti, Proxima b potrebbe non essere così ospitale: non conoscendo l'esistenza o meno di un campo magnetico protettivo, il pianeta potrebbe sperimentare una bella dose di raggi ultravioletti e raggi X ad alta energia proveniente dai frequenti e potenti brillamenti emessi dalla stella.

Quindi per valutare se il pianeta sia o meno in grado di sostenere la vita, il team ha dovuto tener conto di tre fattori principali nelle simulazioni: il tipo e la dimensione dei brillamenti stellari, i diversi spessori di un'eventuale atmosfera e la forza del campo magnetico.
I modelli hanno mostrato che se Proxima b avesse una spessa atmosfera o un campo magnetico simile a quello terrestre, potrebbe ospitare la vita.

Modelling stellar proton event-induced particle radiation dose on close-in exoplanets [abstract]

Kepler observations have uncovered the existence of a large number of close-in exoplanets and serendipitously of stellar superflares with emissions several orders of magnitude higher than those observed on the Sun. The interaction between the two and their implications on planetary habitability are of great interest to the community. Stellar proton events (SPEs) interact with planetary atmospheres, generate secondary particles and increase the radiation dose on the surface. This effect is amplified for close-in exoplanets and can be a serious threat to potential planetary life. Monte Carlo simulations are used to model the SPE-induced particle radiation dose on the surface of such exoplanets. The results show a wide range of surface radiation doses on planets in close-in configurations with varying atmospheric column depths, magnetic moments and orbital radii. It can be concluded that for close-in exoplanets with sizable atmospheres and magnetospheres, the radiation dose contributed by stellar superflares may not be high enough to sterilize a planet (for life as we know it) but can result in frequent extinction level events. In light of recent reports, the interaction of hard-spectrum SPEs with the atmosphere of Proxima Centauri b is modelled and their implications on its habitability are discussed.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1592 times Ultima modifica Giovedì, 15 Dicembre 2016 08:32
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 1 Aprile

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 1 Aprile).

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Marzo [Last update: 03/30/2020]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 5/3/20).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Marzo [Last update: 03/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 31/3/20 - Sol 476] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS