Scritto: Martedì, 20 Settembre 2016 15:58 Ultima modifica: Martedì, 20 Settembre 2016 23:24

5 nuovi asteroidi troiani per Nettuno


Un team internazionale di astronomi, guidato da Hsing-Wen Lin della National Central University di Taiwan, ha scoperto cinque nuovi asteroidi troiani di Nettuno, corpi minori che condividono la stessa orbita ed il periodo orbitale con il pianeta attorno al Sole.

Rate this item
(0 votes)
I triangoli bianchi rappresentano gli asteroidi troiani scoperti di recente; i triangoli vuoti sono quelli noti rilevati da PS1. I cerchi blu mostrano le posizioni di Nettuno dal 2010 al 2013 e le croci indicano i punti di Lagrange corrispondenti; si noti la coincidenza di L5 con la direzione del centro galattico (indicato come "GC"). I triangoli bianchi rappresentano gli asteroidi troiani scoperti di recente; i triangoli vuoti sono quelli noti rilevati da PS1. I cerchi blu mostrano le posizioni di Nettuno dal 2010 al 2013 e le croci indicano i punti di Lagrange corrispondenti; si noti la coincidenza di L5 con la direzione del centro galattico (indicato come "GC"). Crediti: Lin et al., 2016

L'indagine è durata ben quattro anni, da maggio 2010 a maggio 2014, con il telescopio Pan-STARRS 1 (PS1), uno dei migliori strumenti di ricerca per questi oggetti.

Quattro asteroidi si trovano nel punto di Lagrange L4, davanti a Nettuno, uno in L5, ossia dietro al pianeta nella sua orbita, e tutti hanno dimensioni da 100 a 200 chilometri di diametro.
Quello in L5 ha attirato maggiormente l'attenzione perché è dinamicamente più instabile rispetto agli altri, indicando che potrebbe essere stato catturato solo di recente nella famiglia nettuniana.

Nel documento pubblicato su arXiv.org, si legge:
"Le nostre simulazioni orbitali mostrano che l'asteroide troiano in L5 libra stabilmente solo da diversi milioni di anni. Ciò suggerisce che l'origine della sua cattura deve essere recente. D'altra parte, gli altri in L4 sono stabilmente in risonanza orbitale con Nettuno 1:1 da più di 1 miliardo di anni. Essi, quindi, possono essere di origine primordiale".

Il team ha anche scoperto che non ci sono asteroidi troiani con inclinazione orbitale tra i 10 ei 18 gradi, di conseguenza sembra che questi oggetti si distribuiscano o sotto o sopra tali valori.
"Vi è una zona dinamicamente instabile tra i 10 ed i 18 gradi gradi di inclinazione ma la vera ragione per cui si formano questi due gruppi è ancora sconosciuta", ha detto Lin.

The Pan-STARRS 1 Discoveries of five new Neptune Trojans [abstract]

In this work we report the detection of seven Neptune Trojans (NTs) in the Pan-STARRS 1 (PS1) survey. Five of these are new discoveries, consisting of four L4 Trojans and one L5 Trojan. Our orbital simulations show that the L5 Trojan stably librates for only several million years. This suggests that the L5 Trojan must be of recent capture origin. On the other hand, all four new L4 Trojans stably occupy the 1:1 resonance with Neptune for more than 1 Gyr. They can, therefore, be of primordial origin. Our survey simulation results show that the inclination width of the Neptune Trojan population should be between 7∘ and 27∘ at > 95% confidence, and most likely ∼11∘. In this paper, we describe the PS1 survey, the Outer Solar System pipeline, the confirming observations, and the orbital/physical properties of the new Neptune Trojans.

Letto: 1623 volta/e Ultima modifica Martedì, 20 Settembre 2016 23:24
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista