Scritto: Giovedì, 01 Settembre 2016 10:53 Ultima modifica: Giovedì, 01 Settembre 2016 11:47

Dietrofront degli scienziati russi: il segnale "alieno" da HD 164595 ha probabilmente un'origine terrestre


Il misterioso segnale rilevato dal radiotelescopio RATAN-600 lo scorso anno ha probabilmente un'origine terrestre. A dirlo sono gli stessi scienziati russi a pochi giorni di distanza dall'eclatante annuncio.

Rate this item
(0 votes)
Dietrofront degli scienziati russi: il segnale "alieno" da HD 164595 ha probabilmente un'origine terrestre Crediti: Bursov et al.

L'astronomo Yulia Sotnikova ha pubblicato ieri un aggiornamento per conto dello Special Astrophysical Observatory della Russian Academy of Sciences:

Il 30 agosto 2016, sui mass media sono apparsi diversi report sul possibile rilevamento di un segnale radio dal RATAN-600 associato con l'attività di una civiltà extraterrestre; a questo proposito riteniamo necessari alcuni commenti ufficiali.

Negli ultimi anni gli astronomi dello Skobeltsyn Institute of Nuclear Physics della Lomonosov Moscow State University, insieme ai colleghi dello Special Astrophysical Observatory della Russian Academy of Sciences (SAO RAS) hanno condotto uno studio di oggetti astronomici nell'ambito del programma SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence). Il programma è orientato verso la ricerca di segnali di possibile origine artificiale.

Gli studi sono effettuati con il RATAN-600 che usa frequenze tra 1-22.7 GHz. Tali osservazioni sono possibili grazie alla sua ampia area di raccolta di migliaia di metri quadrati e l'elevata sensibilità del telescopio ci consente la ricerca dei segnali estremamente deboli nell'Universo, di cui fanno parte anche gli oggetti SETI. Gli oggetti di ricerca all'interno di questo programma sono stelle simili al Sole, con pianeti e le stelle simili al Sole, con possibili pianeti non rilevati.

Nell'ambito di questo programma un interessante segnale radio alla lunghezza d'onda di 2,7 centimetri è stato rilevato in direzione del sistema stellare HD 164595 nel 2015.
La successiva elaborazione ed analisi del segnale rilevato mostra una sua più probabile origine terrestre.
Per quanto riguarda gli altri oggetti dell'indagine RATAN-600, è troppo presto per rivendicare eventuali risultati scientifici affidabili.

A quanto pare, il segnale anomalo potrebbe essere stato causato da un satellite militare russo.
Alexander Ipatov, dell'Institute of Applied Astronomy alla Russian Academy of Sciences, ha dichiarato all'agenzia di stampa TASS:
"Abbiamo, infatti, scoperto un segnale insolito. Tuttavia, un ulteriore controllo ha mostrato che proveniva da un satellite militare sovietico che non era stato inserito nei cataloghi dei corpi celesti".
D'altra parte il SETI aveva prontamente puntato l'Allen Telescope Array su HD 164595 il 28 ed il 29 agosto, senza trovare alcun riscontro.

La notizia era stata diffusa dal sito centauri-dreams.org.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 1979 volta/e Ultima modifica Giovedì, 01 Settembre 2016 11:47
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista