Scritto: Lunedì, 29 Agosto 2016 21:10 Ultima modifica: Martedì, 30 Agosto 2016 12:07

Dopo “Wow", un altro segnale entusiasma i cercatori di alieni


Un team internazionale di ricercatori ha annunciato "un segnale forte in direzione della stella HD 164595". La rilevazione è avvenuta con il radiotelescopio RATAN-600, nelle vicinanze della città di Zelenčukskaja (Russia).

Rate this item
(0 votes)
Dopo “Wow", un altro segnale entusiasma i cercatori di alieni Crediti: Bursov et al.

La dichiarazione, come riporta il sito centauri-dreams.org che ha diffuso la notizia, è contenuta in un documento reso pubblico da Alexander Panov, ricercatore senior presso la Moscow State University Skobeltsyn Institute of Nuclear Physics (MSU SINP).

Anche se è stato reso noto soltanto ora, il segnale è stato ricevuto il 15 maggio 2015 alla lunghezza d'onda di 2,7 centimetri (cioè una frequenza di circa 11 GHz), con un'ampiezza stimata di 750 mJy.
La sorgente apparente è la stella HD 164595, simile al nostro Sole per dimensioni, composizione ed età, già nota per ospitare un esopianeta nettuniano caldo. Il sistema si trova a 95 anni luce dalla Terra nella costellazione di Ercole.

Per gli autori della scoperta, guidati da Nikolai Bursov della Russian Academy of Sciences’ Special Astrophysical Observatory, "è necessario il monitoraggio permanente di questo obiettivo".
Nessuno sta dicendo che questo segnale è stato inviato da una civiltà extraterrestre ma è considerato un buon candidato. Tuttavia, interferenze o sorgenti naturali non possono ancora essere escluse. Un gruppo di astronomi francesi, ad esempio, sta prendendo in considerazione la possibilità di un evento di microlensing, in cui HD 164595 ha amplificato una sorgente lontana.

D'altra parte non tutti hanno preso l'annuncio con entusiasmo.
Eric Korpela, astrobiologo e astrofisico, scienziato del progetto seti@home, commenta così su forum dedicato:

Sono sicuro che molti di voi hanno visto la notizia di un "segnale SETI" rilevato dalla stella HD 164595.
Io ero una delle tante persone che hanno ricevuto il messaggio di posta elettronica con oggetto "Candidato SETI segnale rilevato dai russi dalla stella HD 164595 con il radiotelescopio RATAN-600." Dal momento in cui la mail arrivava da noti ricercatori SETI, ho letto oltre la presentazione. Ero indifferente. Una delle 39 scansioni passate sopra la stella aveva mostrato un segnale circa 4,5 volte sopra la potenza del rumore medio con un profilo simile a quello di un fascio. Naturalmente SETI@home ha già trovato milioni di potenziali segnali con caratteristiche simili ma questo non basta per avere un buon candidato. I rilevamenti multipli sono un criterio minimo.

Dato che le scansioni effettuate erano a banda larga, non c'è davvero nulla che permetta di distinguere questo segnale radio naturale transitorio (brillamento stellare, nucleo galattico attivo, microlensing di una sorgente di fondo, etc.). Non c'è neppure nulla che possa distinguerlo da un satellite passato attraverso il campo di vista del telescopio. Tutto sommato, è relativamente poco interessante dal punto di vista SETI.

Ma, naturalmente, è stato annunciato ai media ed i giornalisti non hanno le basi per sapere che non è interessante...

Ed ancora:

Noi lo consideriamo un segnale quando:
- E' persistente. Appare nello stesso punto nel cielo in molteplici osservazioni.
- Proviene solo da un punto specifico-
- Se si ri-osservarva il target, il segnale è ancora lì

Altre cose che aggiungono credibilità sono:
- La frequenza / il periodo / il ritardo non corrispondono ad interferenze note.
- il tasso di spostamento Doppler indica che la sua frequenza è stabile all'interno del centro di massa del sistema solare.
- Le sue proprietà (di larghezza di banda, velocità, codifica) indicano un'origine intelligente.

Sfortunatamente in metodo di osservazione utilizzato dalla squadra russa non soddisfa molti di questi punti:
- Il segnale non era persistente.
- Il segnale era sparito quando il bersaglio è stato osservato di nuovo.
- La frequenza / il periodo / il ritardo non sono stati determinati
- il tasso di spostamento Doppler è sconosciuto.
- Molte fonti di interferenza, compresi i satelliti, sono presenti nella banda osservazione.

La scoperta verrà discussa al 67° International Astronautical Congress (IAC) in Guadalajara, Mexico, il 27 settembre 2016.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 2059 volta/e Ultima modifica Martedì, 30 Agosto 2016 12:07
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

  • Comment Link Ufo Sabato, 11 Marzo 2017 02:18 posted by Ufo

    Bell'articolo, il wow durato 72 secondi, il segnale non fu mai più rilevato in seguito.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 21 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista