Scritto: Sabato, 06 Agosto 2016 16:52 Ultima modifica: Sabato, 06 Agosto 2016 17:18

Mercurio: l'attività vulcanica finì 3,5 miliardi di anni fa


Secondo una nuova ricerca della North Carolina State University, pubblicata sulla rivista Geophysical Research Letters, la maggior parte dell'attività vulcanica su Mercurio si sarebbe conclusa circa 3,5 miliardi di anni fa.

Rate this item
(0 votes)
Mercurio: l'attività vulcanica finì 3,5 miliardi di anni fa Crediti: NASA/Johns Hopkins Applied Physics Lab/Carnegie Institution of Washington

Ci sono due tipi di attività vulcanica: effusiva ed esplosiva. Quest'ultima è in genere caratterizzata da eventi violenti con grandi eruzioni di ceneri e detriti; il vulcanismo effusivo, invece, si riferisce alle lente colate laviche che si riversano sul paesaggio, un meccanismo chiave nella formazione delle croste dei pianeti. La datazione di questi eventi può essere perciò particolarmente utile per ricostruire la storia geologica di un corpo celeste. Ad esempio, il vulcanismo effusivo fu attivo fino a poche centinaia di milioni di anni fa su Venere, fino ad un paio di milioni di anni fa su Marte e c'è ancora oggi sulla Terra. Ma per Mercurio questa storia non era ancora nota.

Paul Byrne, professore e geologo planetario, con il suo team, ha cercato di determinare quando si è conclusa la formazione della crosta di Mercurio, utilizzando le immagini riprese dalla sonda della NASA MESSENGER. Poiché non ci sono campioni fisici del pianeta che potrebbero essere utilizzati per la datazione radiometrica, i ricercatori hanno utilizzato l'osservazione dei crateri, in cui il numero e la dimensione dei bacini da impatto sulla superficie del pianeta vengono dati in pasto a modelli matematici stabiliti.

Secondo i risultati, la maggior parte del vulcanesimo effusivo su Mercurio si sarebbe fermato circa 3,5 miliardi di anni fa, in netto contrasto con gli altri pianeti rocciosi del Sistema Solare.
"C'è una differenza geologica enorme tra Mercurio e la Terra, Marte o Venere", ha detto Byrne. "Mercurio ha un mantello molto più piccolo, dove il decadimento radioattivo produce calore, rispetto agli altri pianeti, così ha perso il suo calore molto prima. Come risultato, Mercurio iniziò a contrarsi e la sua crosta si sigillò chiudendo eventuali condotti attraverso i quali il magma avrebbe potuto raggiungere la superficie".

Widespread effusive volcanism on Mercury likely ended by about 3.5 Ga [abstract]

Crater size–frequency analyses have shown that the largest volcanic plains deposits on Mercury were emplaced around 3.7 Ga, as determined with recent model production function chronologies for impact crater formation on that planet. To test the hypothesis that all major smooth plains on Mercury were emplaced by about that time, we determined crater size–frequency distributions for the nine next-largest deposits, which we interpret also as volcanic. Our crater density measurements are consistent with those of the largest areas of smooth plains on the planet. Model ages based on recent crater production rate estimates for Mercury imply that the main phase of plains volcanism on Mercury had ended by ~3.5 Ga, with only small-scale volcanism enduring beyond that time. Cessation of widespread effusive volcanism is attributable to interior cooling and contraction of the innermost planet.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 2214 volta/e Ultima modifica Sabato, 06 Agosto 2016 17:18
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 20 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista