Scritto: Giovedì, 07 Luglio 2016 17:12 Ultima modifica: Venerdì, 08 Luglio 2016 07:54

L'ultimo ricordo da Hitomi


Il satellite giapponese ASTRO-H (“Hitomi”) è riuscito a raccogliere dati preziosi su un ammasso di galassie a 250 milioni di anni luce di distanza, poco prima di finire in pezzi.

Rate this item
(0 votes)
Immagine del del cluster Perseo presa dal satellite della NASA Chandra X-ray, con sovrapposti i dati rilevati da Hitomi che mostrano i raggi X emessi da ferro e nichel nel gas caldo tra le galassie Immagine del del cluster Perseo presa dal satellite della NASA Chandra X-ray, con sovrapposti i dati rilevati da Hitomi che mostrano i raggi X emessi da ferro e nichel nel gas caldo tra le galassie Crediti: Hitomi Collaboration / JAXA / NASA / ESA / SRON / CSA

Lanciato il 17 febbraio 2016 alle 9:45 ora italiana dal Tanegashima Space Center nel sud-ovest del Giappone, Hitomi aveva smesso di comunicare il 25 marzo 2016, poco prima di entrare nel vivo delle operazioni scientifiche. In un primo momento l'Agenzia Spaziale Giapponese JAXA aveva tentato un recupero ma, dopo aver analizzato la situazione, ha dovuto rinunciare lasciando che il satellite da quasi 300 milioni di dollari bruciasse rientrando in atmosfera.

ASTRO-H era un gioiello dedicato alle osservazioni astronomiche, dotato di quattro telescopi in raggi X (due per gli Hard X-ray che operavano tra i 500 e gli 80.000 elettronvolt e due per i Soft X-ray che operavano tra i 300 e i 12.000 elettronvolt) e un rilevatore di raggi gamma (Soft Gamma-ray Detector, fra i 4.000 e i 600.000 elettronvolt). Per le sue peculiarità, dopo il lancio era stato ribattezzato "Hitomi" che in giapponese significa occhio, pupilla. Nella sua vita operativa, avrebbe dovuto osservare una vasta gamma di fenomeni: dai forti campi magnetici, alla materia oscura e l'evoluzione dei buchi neri super-massicci. Purtroppo nulla è avvenuto secondo i piani ma non tutto è andato perso.

Mentre il satellite metteva a punto i suoi strumenti, è riuscito ad osservare, con un tempo di esposizione 2,7 giorni l'ammasso di galassie di Perseo e quei dati sono stati salvati dagli scienziati poco prima della sua scomparsa.

Perseo contiene più di un migliaio di galassie, il che lo rende una delle più imponenti strutture dell'Universo.
Hitomi ha studiato il gas gorgogliante tra le galassie, i suoi moti caotici e turbolenti. Le informazioni rilevate, analizzate da un gruppo di astronomi guidati dall’Università di Waterloo e pubblicate sulla rivista Nature, mostrano che i gas caldi tra le galassie all'interno del cluster viaggiano ad una velocità inferiore, 540.000 chilometri orari, ed in modo meno turbolento di quanto si pensasse.

Questa è una buona notizia per i cosmologi che osservano gli ammassi per studiare l'evoluzione dell'Universo nel corso del tempo: la dimensione del cluster viene stimata misurando la luminosità del suo gas in raggi X ed assumendo una turbolenza trascurabile, come mostrato da Hitomi almeno in questo caso. Ma i bassi livelli di turbolenza significano anche che c'è ancora qualcosa che manca dalla nostra comprensione delle regioni interne dell'MMaao di Perseo.

Pensiamo che i buchi neri supermassicci agiscano come termostati, regolando la crescita delle galassie", ha detto Brian McNamara, a capo dello studio. "Ogni volta che un po’ di gas cade in un buco nero, questo rilascia un’enorme quantità di energia. È così che si creano le bolle che rendono caldo il plasma attorno alle galassie".

Queste, però, per Hitomi erano osservazioni di test e quindi il satellite non ha misurato l'energia su tutta la gamma delle sue capacità: lo spettro pubblicato su Nature si estende solo da 5.5 keV a 8.5 keV.
Particolarmente interessante sarebbe stata la parte dello spettro a circa 3.5 keV dove un gruppo di ricerca ha recentemente identificato un segnale spettrale misterioso che potrebbe venire dalla materia oscura.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1442 times Ultima modifica Venerdì, 08 Luglio 2016 07:54
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 18 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 17 Febbraio) 

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 18 Febbraio [Last update: 02/18/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 18 Febbraio [Last update: 02/18/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 16/2/20 - Sol 434] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS