Scritto: Mercoledì, 06 Luglio 2016 09:14 Ultima modifica: Mercoledì, 06 Luglio 2016 14:58

Le lune di Marte nate da una grande collisione


Come si sono formate le due lune di Marte Fobos e Deimos? La risposta arriva con due studi indipendenti.

Rate this item
(0 votes)
1: Marte viene colpito da un protopianeta; 2: si forma un disco di detriti nel giro di poce ore. Le componenti elementari di Fobos e Deimos (grani più piccoli di un micrometro) condensano direttamente dal gas nella parte esterna del disco; 3:  il disco di detriti produce una luna grande proprio vicino a Marte; 4: l'influenza della grande luna provoca un accumulo di detriti più lontano formando due line più piccole, Fobos e Deimos; 5: sotto l'effetto di marea di Marte, la luna più grande cade sul pianeta entro entro circa cinque milioni di anni; 6: le lune più piccole, Fobos e Deimos, si spostano nella loro posizione attuale nei miliardi di anni successivi. 1: Marte viene colpito da un protopianeta; 2: si forma un disco di detriti nel giro di poce ore. Le componenti elementari di Fobos e Deimos (grani più piccoli di un micrometro) condensano direttamente dal gas nella parte esterna del disco; 3: il disco di detriti produce una luna grande proprio vicino a Marte; 4: l'influenza della grande luna provoca un accumulo di detriti più lontano formando due line più piccole, Fobos e Deimos; 5: sotto l'effetto di marea di Marte, la luna più grande cade sul pianeta entro entro circa cinque milioni di anni; 6: le lune più piccole, Fobos e Deimos, si spostano nella loro posizione attuale nei miliardi di anni successivi. Crediti: Antony Trinh / Royal Observatory of Belgium

Per molto tempo l'origine delle due lune Fobos e Deimos è rimasta un mistero.
A causa delle loro piccole dimensioni e della forma irregolare, in principio si pensava che fossero asteroidi catturati dalla gravità marziana ma nessuno era in grado di spiegare come il Pianeta Rosso avrebbe potuto trascinare nel suo dominio due rocce spaziali, trasformandole in satelliti con orbite quasi circolari ed equatoriali. Un'altra possibilità era che Fobos e Deimos fossero nate insieme al pianeta ma in tal caso la loro composizione e densità sarebbe dovuta essere simile. Un'ulteriore idea prospettava, invece, che, verso la fine della sua formazione, Marte avesse subito una collisione gigante. Tale teoria è stata ripresa in due nuovi documenti pubblicati rispettivamente sulle riviste The Astrophysical Journal e Nature Geoscience.

Il primo, redatto dai ricercatori del CNRS e dell'Aix-Marseille Université, esclude la cattura di asteroidi basandosi su argomentazioni statistiche fondate sulla diversità compositiva della cintura di asteroidi e dimostra che l'unico scenario compatibile con le proprietà della superficie di Fobos e Deimos è quello di un grande impatto; nel secondo, un gruppo di francesi, belgi e ricercatori giapponesi hanno utilizzato simulazioni computerizzate per dimostrare come questi satelliti si sono potuti formare dai detriti e dalle macerie rilasciate da una enorme collisione tra Marte e un protopianeta grande un terzo della sua dimensione, tra i 100 e gli 800 milioni di anni dopo la sua formazione.

Una delle domande fondamentali in questa storia è: se è vero che la teoria della collisione è la più probabile, come mai l'impatto ha creato due piccole lune invece che un unico grande satellite come è successo per la Terra?

Secondo i ricercatori, i detriti di questa collisione formarono un vasto disco intorno a Marte, costituito da una parte interna densa composta di materia in fusione ed una parte esterna molto sottile principalmente formata da gas. Nella parte più interna del disco si sarebbe formata una luna mille volte più grande di Fobos, poi scomparsa. Le interazioni gravitazionali create nel disco esterno da questo satellite massiccio avrebbero agito da catalizzatori per la raccolta di detriti, formando altre lune più lontane e più piccole. Dopo qualche migliaio di anni Marte appariva circondato da una decina di piccole lune e una luna grande. Un paio di milioni di anni più tardi, una volta dissipato il disco di detriti, gli effetti mareali prodotti dal pianeta avrebbero portato la maggior parte dei satelliti a schiantarsi sulla superficie, compresa la grande luna. Solo le due lune più lontane, Fobos e Deimos, sarebbero sopravvissute.

Nel primo studio, inoltre, il team dimostra che lo spettro emesso da Fobos e Deimos è incompatibile con quello della materia primordiale che ha formato Marte (come le condriti ordinarie, le condriti enstatiti e le angriti). Anzi, tali dati dimostrano che i due satelliti sono formati da polvere a grana fine (più piccola di un micrometro), supportando lo scenario della collisione. La stessa grana fine potrebbe essere responsabile di un'elevata porosità interna che spiegherebbe la loro bassa densità.

La teoria dell'impatto dovrebbe anche chiarire come mai l'emisfero nord di Marte è ad una quota inferiore rispetto a quello meridionale: il bacino Borealis, che con i suoi 8500 chilometri di diametro occupa circa il 40% della superficie del pianeta, sarebbe appunto il risultato di una collisione gigante, come quella che avrebbe prodotto le due lune.

Infine, la formazione di questo sistema marziano multi-satellite, a differenza della Terra, sarebbe dipesa dalla velocità di rotazione del pianeta, molto più lenta per il Pianeta Rosso.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 2174 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 06 Luglio 2016 14:58
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « FAST: il ciclope cinese L'ultimo ricordo da Hitomi »

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista