Scritto: Sabato, 02 Luglio 2016 16:13 Ultima modifica: Sabato, 02 Luglio 2016 16:53

La superficie di Mercurio: più come un mantello che come una crosta


La superficie di Mercurio è molto eterogenea e ricorda più la composizione di un mantello che quella di una crosta planetaria, dicono gli scienziati, dopo aver ricreato in laboratorio le condizioni che potrebbero aver prodotto la variegata quantità di materiali presenti sul pianeta.

Rate this item
(0 votes)
La superficie di Mercurio: più come un mantello che come una crosta Crediti: NASA

La recente missione della NASA MESSENGER, che si è conclusa il 30 aprile 2015, ha dimostrato che la superficie di Mercurio è tutt'altro che monotona. Tuttavia, puù essere classificata in due regioni principali: la pianure vulcaniche del Nord (NVP - Northern Volcanic Plains), relativamente giovani, di età compresa tra 3,7 e 3,8 miliardi di anni e le pianure tra i crateri ed i terreni fortemente craterizzati (IcP-HCT), di età compresa tra i 4 ed i 4,2 miliardi di anni. Le regioni più antiche contengono caratteristiche particolari e quasi inspiegabili, come una grande macchia di magnesio di 10 milioni di chilometri quadrati che occupa circa il 15% della superficie del pianeta.

Ora, un team di scienziati della NASA, guidato da Asmaa Boujibar, ha sottoposto le condriti enstatiti (E), un tipo di meteorite raro ed insolito che ha una composizione simile a Mercurio e con esso ha in comune anche un alto contenuto di zolfo, a diverse pressioni e temperature elevate. Il risultato è stato che, variando questi valori intorno ai livelli presenti vicino al cuore del pianeta, al confine tra il nucleo ed il mantello, una sola sostanza è riuscita produrre una gamma variegata di materiali simili a quelli visti sulla superficie del pianeta. Ciò indica che i materiali più vecchi si sono formati da fusione ad alte pressioni e temperature al confine con il nucleo, mentre i terreni più giovani sono nati vicino alla superficie.

Tuttavia, trovare rocce formate così in profondità sulla crosta, per Mercurio non è così strano come sembra.
Il suo nucleo, infatti, si trova a soli circa 400 chilometri sotto la superficie e costituisce circa 80 per centro del raggio del pianeta (per questo ci sono alcune teorie secondo le quali Mercurio una volta era molto più grande ed i suoi strati esterni furono strappati via dalle violenti collisioni nel Sistema Solare primordiale).

I risultati sono stati presentati alla Goldschmidt Conference, tenutasi a Yokohama, in Giappone.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 5376 volta/e Ultima modifica Sabato, 02 Luglio 2016 16:53
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « Asteroid Day e Osiris Rex FAST: il ciclope cinese »

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista