Scritto: Venerdì, 24 Giugno 2016 08:11 Ultima modifica: Venerdì, 24 Giugno 2016 09:24

Hubble osserva un vortice scuro nell'atmosfera di Nettuno


Nuove immagini scattate dal telescopio spaziale Hubble il 16 maggio 2016 confermano la presenza di un vortice scuro nell'atmosfera di Nettuno. Caratteristiche simili sono state osservate dalla Voyager 2 durante il fly-by del 1989 e sempre da Hubble nel 1994 ma questa è la prima immagine del 21° secolo.

Rate this item
(0 votes)
Nuova immagine nel visibile di Nettuno ripresa dal telescopio spaziale Hubble il 16 maggio 2016.  Il vortice è un sistema ad alta pressione che risulta più visibile nelle lunghezze d'onda del blu (inserto in basso a destra). Il dettaglio in alto a destra dimostra che la caratteristia si trova vicino e sotto un'area di nubi brillanti nell'emisfero meridionale del pianeta. Nuova immagine nel visibile di Nettuno ripresa dal telescopio spaziale Hubble il 16 maggio 2016. Il vortice è un sistema ad alta pressione che risulta più visibile nelle lunghezze d'onda del blu (inserto in basso a destra). Il dettaglio in alto a destra dimostra che la caratteristia si trova vicino e sotto un'area di nubi brillanti nell'emisfero meridionale del pianeta. Crediti: NASA, ESA, and M.H. Wong and J. Tollefson (UC Berkeley)

I vortici scuri di Nettuno sono sistemi di alta pressione generalmente accompagnati da nubi brillanti che si formano da un probabile congelamento in cristalli di ghiaccio del metano quando il flusso d'aria viene perturbato e spinto verso l'alto. "Sembrano enormi montagne gassose a forma di lente", ha spiegato nel report Mike Wong, l'astronomo dell'Università della California che ha guidato l'analisi dei dati. "E le nuvole che li accompagnano sono simili alle cosiddette nubi orografiche che appaiono come caratteristiche persistenti a forma di frittella sopra le montagne della Terra". Si diversificano molto nel corso degli anni in termini di dimensioni, forma e stabilità e vanno e vengono molto più velocemente rispetto agli anticicloni simili visti su Giove che si evolvono nel corso di decenni. Tranne questo, che si sta rivelando una caratteristica di lunga durata.

Voyager 2 - Nettuno

Nettuno ripreso dalla narrow angle amera della Voyager 2 da 7,2 milioni di chilometri, 5 giorni prima del massimo avvicinamento. L'immagine mostra diverse caratteristiche atmosferiche tra cui la "Grande Macchia Scura" al centro.
Crediti: NASA

A partire da luglio 2015 le nuvole brillanti sono state viste da diversi osservatori, da quelli amatoriali a quelli professionali fino al W. M. Keck nelle Hawaii. Ma il vortice scuro è stato individuato solo grazie alla risoluzione di Hubble a lunghezze d'onda blu.
A settembre 2015, il programma Outer Planet Atmospheres Legacy (OPAL) , che frutta il telescopio spaziale per creare mappe annuali globali dei pianeti esterni, aveva rilevato una macchia scura proprio vicino ad una nube luminosa. Tale caratteristica ha resistito fino a maggio di quest'anno quando Hubble ha confermato nuovamente la sua presenza.

Grazie a questa nuova opportunità, gli astronomi cercheranno di capire meglio le origini del fenomeno, le sue oscillazioni, come interagisce con l'ambiente circostante e come si dissipa.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 3186 volta/e Ultima modifica Venerdì, 24 Giugno 2016 09:24
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista