Scritto: Domenica, 10 Gennaio 2016 21:02 Ultima modifica: Lunedì, 11 Gennaio 2016 05:51

Reliquie cosmiche: un'antica nube di gas potrebbe essere ciò che resta delle prime stelle dell'Universo


Un'antica nube di gas nello spazio profondo potrebbe essere ciò che resta delle prime stelle dell'Universo.
La scoperta arriva da un gruppo di scienziati australiani e statunitensi che, grazie al Very Large Telescope in Cile, sono riusciti a decifrare la composizione dell'oggetto formatosi 1,8 miliardi di anni dopo il Big Bang.

Rate this item
(0 votes)
Reliquie cosmiche: un'antica nube di gas potrebbe essere ciò che resta delle prime stelle dell'Universo Credit: Britton Smith, John Wise, Brian O'Shea, Michael Norman, and Sadegh Khochfar

La nube di gas ha una piccolissima percentuale di elementi pesanti, come carbonio, ossigeno e ferro, meno di un milionesimo della frazione osservata nel Sole, che potrebbero essere le briciole della prima generazione di stelle nate ed esplose nell'Universo primordiale.

"Gli elementi pesanti non sono stati prodotti durante il Big Bang ma sono stati formati successivamente dalle stelle", ha spiegato il Dr Neil Crighton del Swinburne University of Technology's Centre for Astrophysics and Supercomputing, autore principale dello studio pubblicato sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society Letters.
"Le prime stelle erano fatte di gas completamente incontaminato e gli astronomi pensano che si siano formate in modo diverso dalle stelle di oggi".

Tutte le stelle osservate, alcune più alcune meno, possiedono una certa percentuale di metalli, ma durante il Big Bang furono prodotti solo idrogeno, elio e qualche traccia di litio e berillio. Per cui, la presenza di metalli nelle stelle di oggi (dove in astronomia, il termine metallo è usato per indicare qualsiasi elemento con peso atomico maggiore dell'elio, per cui anche l'ossigeno) è un bel dilemma da spiegare.
Gli astronomi ritengono che la prima generazione di stelle, note come Popolazione III, fosse completamente priva di metalli ma che ne produsse nella fase finale del ciclo vitale e li diffuse esplodendo in supernove. Quelle nuvole di materia crearono la chimica per le prime stelle, che può essere letta oggi come un'impronta digitale.

"Le nubi di gas osservate precedentemente mostrano un livello di arricchimento di elementi pesanti più elevato, quindi erano probabilmente inquinate da generazioni più recenti di stelle", ha detto il Dr Crighton.

"Questa è la prima nuvola che mostra una piccola frazione di elementi pesanti, così come ci si aspetta in una nuvola arricchita solo dalle prime stelle", ha aggiunto il co-autore dello studio, il professor Michael Murphy.

Tuttavia, il professor John O'Meara, altro co-autore del documento, ha spiegato che i rapporti misurati non sono completi e di conseguenza non possono essere considerati una prova definitiva: il modello potrà essere confermato solo trovando altre nuvole simili da studiare.

Possible Population III Remnants at Redshift 3.5 [abstract]

The first stars, known as Population III (PopIII), produced the first heavy elements, thereby enriching their surrounding pristine gas. Previous detections of metals in intergalactic gas clouds, however, find a heavy element enrichment larger than 1/1000 times that of the solar environment, higher than expected for PopIII remnants. In this letter we report the discovery of a Lyman limit system (LLS) at z=3.53 with the lowest metallicity seen in gas with discernable metals, 10−3.41±0.26 times the solar value, at a level expected for PopIII remnants. We make the first relative abundance measurement in such low metallicity gas: the carbon-to-silicon ratio is 10−0.26±0.17 times the solar value. This is consistent with models of gas enrichment by a PopIII star formation event early in the Universe, but also consistent with later, Population II enrichment. The metals in all three components comprising the LLS, which has a velocity width of 400 km s−1, are offset in velocity by ∼+6 km s−1 from the bulk of the hydrogen, suggesting the LLS was enriched by a single event. Relative abundance measurements in this near-pristine regime open a new avenue for testing models of early gas enrichment and metal mixing.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1391 times Ultima modifica Lunedì, 11 Gennaio 2016 05:51
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/10 - Sol 679] - Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Ottobre [updated on Oct,17]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista