Scritto: Sabato, 19 Dicembre 2015 06:11 Ultima modifica: Sabato, 19 Dicembre 2015 20:08

Da LRO una foto strepitosa: la Terra che sorge vista dalla Luna


La sonda della NASA Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) ha recentemente catturato questa vista unica della Terra che sembra sorgere dalla superficie lunare.

Rate this item
(0 votes)
Da LRO una foto strepitosa: la Terra che sorge vista dalla Luna Credit: NASA/Goddard/Arizona State University

In realtà la foto è stata scattata dall'orbita.
Lungo la sua abituale traiettoria, infatti, la sonda vede la Terra spuntare da dietro la Luna ben 12 volte al giorno ma generalmente è troppo impegnata in altre attività scientifiche per cogliere questi momenti. Le occasioni migliori si presentano nel corso delle osservazioni della debole atmosfera lunare o quando LRO punta le fotocamere verso lo spazio per eseguire una calibrazione degli strumenti: in tal caso, può capitare che occasionalmente la Terra o altri pianeti passino nel campo visivo, regalando immagini mozzafiato.

Questa foto è composta da una serie di immagini scattate il 12 ottobre, quando la sonda era circa 134 chilometri sopra il cratere Compton, sul lato nascosto della Luna.
Catturare le immagini con la Lunar Reconnaissance Orbiter Camera (LROC), la fotocamera a bordo della sonda, è piuttosto complicato mentre viaggia ad oltre 1.600 metri al secondo rispetto alla superficie lunare.

LROC

Credit: lroc.sese.asu.edu

LROC è un sistema di imaging formato da due Narrow Angle Cameras (NAC) e da una Wide Angle Camera (WAC), che ha un campo visivo (FOV) molto ampio, 90 gradi per le riprese monocromatiche e 60 gradi in modalità multispettrale. Si tratta di fotocamere "push-frame" (come quella che è a bordo della sonda Juno che arriverà nel sistema di Giove nel 2016), ossia riprendono singoli frame da 9856 pixel che poi vengono assemblati insieme per ottenere immagini molto più grandi. La foto in apertura, perciò, a richiesto un bel po' di lavoro, spiega il report, per ottenere un risultato così suggestivo: in questo caso il team ha utilizzato i dati NAC per la risoluzione e quelli WAC per le informazioni colore.

"L'immagine è semplicemente sbalorditiva", ha commentato Noah Petro, scienziato del progetto LRO al Goddard Space Flight Center della NASA.
"Questa foto evoca la famosa 'Blue Marble' ripresa dall'astronauta Harrison Schmitt dell'Apollo 17, 43 anni fa, che mostra sempre l'Africa in primo piano", ha commentato. In questa vista si nota il deserto del Sahara in alto a destra e poco più in là, l'Arabia Saudita. Le coste atlantiche e pacifiche del Sud America sono visibili a sinistra, mentre il centro è occupato dal mare a largo della Liberia.

"Dalla Terra il sorgere ed il tramontare quotidiano della Luna sono sempre momenti di ispirazione", ha detto Mark Robinson dell'Arizona State University di Tempe, scienziato principale di LRO.
"Tuttavia, gli astronauti lunari vedranno qualcosa di molto diverso. Vista dalla superficie lunare, la Terra non sorge e non tramonta mai. Dal momento in cui la Luna è in rotazione sincrona, la Terra si trova sempre nello stesso posto sopra l'orizzonte, spostandosi solo leggermente a causa dell'oscillazione della Luna. Ma anche se la Terra non si muove attraverso il cielo la sua vista non è statica. Gli astronauti vedranno i continenti ruotare e le nubi passare, almeno sul lato verso la Terra. La Terra non è mai visibile sul lato nascosto. Immaginate un cielo senza Terra o senza Luna: cosa penseranno gli esploratori del lato opposto senza la Terra sopra la testa?"

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 3436 volta/e Ultima modifica Sabato, 19 Dicembre 2015 20:08
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 21 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista