Scritto: Venerdì, 20 Novembre 2015 05:24 Ultima modifica: Venerdì, 20 Novembre 2015 06:49

GJ 1132b: un nuovo inospitale pianeta Earth-size


Gli astronomi del Massachusetts of Technology (MIT) hanno scoperto un nuovo pianeta extrasolare delle dimensioni della Terra, troppo caldo per sostenere la vita come la conosciamo ma abbastanza fresco per avere una spessa atmosfera.

Rate this item
(0 votes)
Rappresentazione artistica di GJ 1132b Rappresentazione artistica di GJ 1132b Credit: Dana Berry

Subito definito dai media il "gemello di Venere", si trova a soli 39 anni luce dalla Terra il che lo rende il pianeta Earth-size conosciuto più vicino e un ottimo target per puntare i telescopi.

Si chiama GJ 1132b ed orbita attorno ad una piccola stella, una nana rossa molto meno calda e brillante del Sole.
Per ora sappiamo che è probabilmente in rotazione sincrona, cioè metà pianeta vive nel giorno e metà nella notte perenne e la sua temperatura media è intorno ai 200 gradi Celsius, troppo perché possa esistere acqua liquida in superficie. Ma presto potremo scoprire molto di più sulle sue caratteristiche, dalla composizione della sua atmosfera al modello dei venti e perfino il suo colore.

E' stato scoperto dal team guidato da Zach Berta-Thompson al MEarth-South Observatory dell'Università di Harvard, grazie all'array di otto telescopi robotici da 40 centimetri, dedicata alla ricerca di esopianeti attorno a piccole stelle vicine, situata sulle montagne del Cerro-Tololo in Cile.

L'array lavora dal 2014 monitorando la luce delle stelle ogni 25 minuti alla ricerca di transito planetario, ossia cercando una diminuzione nel segnale di luminosità generata dal passaggio dell'ipotetico pianeta.
Un lieve tuffo nella curva di luce della nana rossa GJ 1132 è stato notato il 10 maggio.
Intensificate le osservazioni ad intervalli di 45 secondi ed attivati altri telescopi per confermare i dati, i ricercatori hanno scoperto che la stella veniva regolarmente oscurata dello 0,3% ogni 1,6 giorni, segno di un regolare transito planetario.

In base alla quantità di luce bloccata da GJ 1132b ed al raggio noto della stella, è stato calcolato che il pianeta è circa 1,2 volte la dimensione della Terra. Misurando l'oscillazione gravitazionale della stella, è stata stimata la sua massa pari a circa 1,6 volte quella della Terra. Considerate le dimensioni e la massa, è stata stimata la densità che lascia presupporre si tratti di un pianeta roccioso.

"E' troppo caldo per essere abitabile, non c'è modo perché possa esserci acqua allo stato liquido sulla superficie [eppure il ghiaccio d'acqua è stato scoperto nei crateri perennemente in ombra di Mercurio dalla sonda della NASA MESSENGER. NdR]. Ma è molto più fresco rispetto agli altri pianeti rocciosi che conosciamo", ha detto Berta-Thompson. Questo è un bene da un punto di vista scientifico perché GJ 1132b potrebbe ancora conservare una spessa atmosfera.

Ora, il team spera di poter usare James Webb Space Telescope (JWST), il successore di Hubble che verrà lanciando nel 2018, per identificare il colore e la composizione chimica dell'atmosfera del pianeta, insieme al modello dei venti.
"Questa è la prima opportunità che abbiamo di puntare i nostri telescopi su un pianeta extrasolare roccioso e ottenere quel tipo di dettaglio", ha aggiunto Berta-Thompson.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 1684 volta/e Ultima modifica Venerdì, 20 Novembre 2015 06:49
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 21 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista