Scritto: Martedì, 13 Ottobre 2015 20:18 Ultima modifica: Martedì, 13 Ottobre 2015 21:27

Da Hubble un nuovo ritratto della Grande Macchia Rossa di Giove


Grazie alla serie di osservazioni annuali del programma OPAL (Outer Planet Atmosfere Legacy), dedicato ai pianeti esterni del nostro Sistema Solare, gli scienziati hanno ottenuto nuove mappe di Giove e viste inedite della Grande Macchia Rossa, la tempesta che imperversa sul gigante gassoso da centinaia di anni.

Rate this item
(0 votes)
La rara onda sopra la fascia equatoriale di Giove, osservata dal Telescopio Spaziale Hubble. La rara onda sopra la fascia equatoriale di Giove, osservata dal Telescopio Spaziale Hubble. Credit: NASA/ESA/Goddard/UCBerkeley/JPL-Caltech/STScI

Le nuove immagini hanno mostrato una rara onda a nord dell'equatore ed una struttura filamentosa nel cuore della Grande Macchia Rossa mai notata prima.

"Ogni volta che guardiamo Giove otteniamo indizi emozionanti", ha detto Amy Simon, scienziato planetario della Goddard Space Flight Center della NASA di Greenbelt, Maryland. "Questa volta non fa eccezione", ha commentato nel comunicato.

Simon e colleghi hanno ricavato le due mappe, che consentono una visione completa delle velocità dei venti di Giove, grazie alle alte prestazioni della Wide Field Camera 3 del Telescopio Spaziale Hubble (sul nostro sito trovate un post sempre aggiornato sul tasso di decadimento orbitale del telescopio).

La strana onda sopra la fascia equatoriale (immagine in apertura) era stata vista solo un'altra volta nella storia delle osservazioni del pianeta, dalla sonda Voyager 2 che sorvolò Giove il 9 luglio del 1979. In quelle immagini, l'onda era appena visibile, niente in confronto alle foto ottenute da Hubble.
Questa rara caratteristica viaggia a circa 16 gradi di latitudine nord in una fascia costellata da cicloni e anticicloni.
I ricercatori ritengono che l'onda si formi sotto le nuvole e venga allo scoperto solo di tanto in tanto, quando riesce a propagarsi anche al di sopra di esse.
Onde simili, chiamate onde barocline, a volte compaiono anche nell'atmosfera terrestre nelle zone dove si formano i cicloni.

"Finora pensavamo che l'onda vista dalla Voyager 2 fosse un caso", ha detto il co-autore dello studio Glenn Orton, del Jet Propulsion Laboratory della NASA.

Giove: Grande Macchia Rossa

Credit: NASA/ESA/Goddard/UCBerkeley/JPL-Caltech/STScI

La Grande Macchia Rossa, invece, sta continuando a restringersi diventando più circolare: il suo asse più lungo è 240 chilometri più corto rispetto al 2014. Anche il suo colore è meno intenso, più arancione che rosso e il suo nucleo ha i contorni meno netti del solito.
Un curioso filamento attraversa tutta la larghezza del vortice, ruotando ed avvitandosi su sé stesso per tutte le 10 ore di osservazione, in balia dei venti che soffiano a 150 metri al secondo, o forse anche più.

Il set di immagini, in formato FITS e TIF, è disponibile a questo link.

I risultati sono stati descritti sulla rivista Astrophysical Journal.

FIRST RESULTS FROM THE HUBBLE OPAL PROGRAM: JUPITER IN 2015 [abstract]

The Hubble 2020: Outer Planet Atmospheres Legacy program is generating new yearly global maps for each of the outer planets. This report focuses on Jupiter results from the first year of the campaign. The zonal wind profile was measured and is in the same family as the Voyager and Cassini era profiles, showing some variation in mid- to high-latitude wind jet magnitudes, particularly at +40° and −35° planetographic latitude. The Great Red Spot continues to maintain an intense orange coloration, but also shows new internal structures, including a reduced core and new filamentary features. Finally, a wave that was not previously seen in Hubble images was also observed and is interpreted as a baroclinic instability with associated cyclone formation near 16° N latitude. A similar feature was observed faintly in Voyager 2 images, and is consistent with the Hubble feature in location and scale.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 2578 volta/e Ultima modifica Martedì, 13 Ottobre 2015 21:27
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 19 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista