Scritto: Mercoledì, 23 Settembre 2015 05:24 Ultima modifica: Mercoledì, 23 Settembre 2015 07:02

28 settembre: sarà eclissi anche per LRO


Quando in molti saranno con il naso all'insù nella notte tra il 27 e il 28 settembre per ammirare l'eclissi totale di superluna, anche la sonda della NASA Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) entrerà nel cono d'ombra della Terra.

Rate this item
(0 votes)
28 settembre: sarà eclissi anche per LRO Credits: NASA

Per il team del Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, ormai è praticamente routine considerato che la sonda è sopravvissuta già a tre eclissi negli ultimi 17 mesi.

"Abbiamo un metodo e funziona bene", ha detto Dawn Myers che pianifica le operazioni al Goddard.
"E' sempre stressante l'avvicinamento di un'eclissi ma seguiamo le stesse procedure ogni volta senza avere alcun problema".

I preparativi iniziano mesi prima perché non tutti i veicoli spaziali sono in grado di sopportare un repentino calo termico e l'assoluta assenza di luce solare.

LRO è già abituata a volare sul lato notturno del nostro satellite ogni due ore, passando circa 45 minuti al buio.
Normalmente, la sonda utilizza l'energia accumulata con i suoi pannelli solari durante i passaggi sul lato diurno per ricaricare le batterie utilizzate durante la notte. Ma tra il 27 e il 28 settembre, quando attraverserà il terminatore si troverà il Sole bloccato dalla Terra e dovrà compiere un'intera orbita prima di vedere di nuovo la luce, contando solo sulle batterie che dovranno durare per circa tre ore.

Tuttavia, LRO non correrà alcun pericolo perché i consumi saranno gestiti con attenzione dal team.
Tutti i suoi strumenti scientifici verranno spenti per risparmiare energia fatta eccezione per il Diviner Lunar Radiometer Experiment (DLRE) che misura la temperatura della superficie e del sottosuolo dall'orbita.

Diviner - prima mappa termicaDurante le ultime eclissi, Diviner ha già scoperto drammatiche oscillazioni di temperatura con escursioni fino a 138 gradi Celsius in pochi minuti.
Anche alcuni sottosistemi vitali, come lo star tracker ed il suo apparato di riscaldamento rimarranno attivi per una migliore navigazione.

A sinistra: la prima mappa termica diurna e notturna della Luna creata con i dati Diviner.
Il dettaglio in basso a destra mostra le variazioni di temperatura durante l'impatto LCROSS
Credit: NASA/Goddard/UCLA

"Il rapido raffreddamento durante l'eclissi ci da una visione di come il suolo si raffredda in modo diverso rispetto alla normale notte lunare", ha detto Noah Petro, scienziato al Goddard.

Ogni eclissi rappresenta una incredibile fonte di dati per gli scienziati dal momento in cui LRO non può fornire una visione globale con un unico passaggio ma analizza solo la fascia di superficie sotto la sua orbita.
Questa eclissi sarà particolarmente importante perché sarà la prima in cui la sonda passerà sopra il mezzogiorno locale, dove potrà rilevare un drastico calo termico proprio nel momento in cui dovrebbe essere più caldo.

Ma dove transiterà esattamente LRO?
Qui sotto due video, tratti dal sito svs.gsfc.nasa.gov, mostrano rispettivamente la Luna e l'orbita di LRO viste dalla Terra e l'eclissi dal punto di vista della sonda.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1633 times Ultima modifica Mercoledì, 23 Settembre 2015 07:02
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 9/7/20 - Sol 574] - Meteo...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista