Scritto: Lunedì, 21 Settembre 2015 20:12 Ultima modifica: Lunedì, 21 Settembre 2015 21:18

Parte il progetto DESI: svelerà in parte la storia dell'Universo


L'U.S. Department of Energy ha dato il via al progetto DESI, il Dark Energy Spectroscopic Instrument che migliorerà la nostra comprensione del ruolo dell'energia oscura nella storia dell'espansione dell'Universo.

Rate this item
(0 votes)
Parte il progetto DESI: svelerà in parte la storia dell'Universo Credit: R. Lafever and J. Moustakas for the DESI Collaboration, background image by Dark Energy Camera Legacy Survey

Lo strumento, frutto di una collaborazione internazionale che vede coinvolti più di duecento fisici ed astronomi, è destinato al telescopio di 4 metri Mayall situato al Kitt Peak National Observatory.

DESI misurerà i redshift di più di 30 milioni di galassie e quasar con una precisione senza precedenti e questi dati permetteranno di creare un'incredibile mappa tridimensionale dell'Universo che rivelerà come l'energia oscura e la gravità hanno rivaleggiato nel corso del tempo per modellarne la struttura.

Michael Levi, direttore del programma DESI presso la Divisione di Fisica al Berkeley Lab, ha spiegato:
"Studieremo quattro tipi di obiettivi per raccogliere una gamma completa di redshift: galassie vicine brillanti fino a redshift 0.4; galassie rosse luminose fino a redshift 1; galassie con righe di emissione fino a redshift 1.6 e quasar molto distanti fino a redshift 3.5".

Il redshift, che letteralmente significa "spostamento verso il rosso", è lo spostamento dello spettro di un oggetto astronomico lontano verso lunghezze d'onda più lunghe (cioè più rosse) ed è un misura diretta dell' "allungamento" dello spazio, a causa dell'espansione dell'Unverso, mentre la luce viaggia dall'oggetto all'osservatore. Più il redshift è grande e più l'oggetto è vecchio (per un approfondimento consiglio il post di Marco Di Lorenzo "Lo spostamento verso il rosso").

Daniel Eisenstein, della Harvard University, e Risa Wechsler, della Stanford University, portavoci del progetto, hanno dichiarato:
"DESI cercherà di utilizzare l'impronta fossile lasciata dalle onde sonore durante i primi 400 mila anni dell'Universo, ancora visibili sotto forma di piccole variazioni di temperatura presenti nella radiazione cosmica di fondo (CMB)".
Queste minime differenze di temperatura corrispondono alle variazioni primordiali della densità (onde sonore), che successivamente si sono evolute in ammassi di galassie, nel gas intergalattico e nella materia oscura, con intervalli ricorrenti nello spazio. Chiamate "Baryonic Acoustic Oscillations" (BAO, oscillazioni acustiche barioniche), questi raggruppamenti regolarmente distanziati sono coerenti nel tempo e consentono misure dirette dell'effetto dovuto all'energia oscura sull'espansione cosmica, come un righello che ha il CMB ad un'estremità.

Lo studio delle oscillazioni acustiche barioniche sarà solo l'inizio per DESI.
Insieme ad altre indagini, lo strumento potrà "pesare" la massa totale dei neutrini e permetterà anche di mettere a confronto i diversi modelli dell'inflazione cosmica, cioè di quel breve momento di rapida espansione avvenuto subito dopo il Bg Bang.

 

Riferimenti:
- http://phys.org/news/2015-09-desi-ambitious-probe-dark-energy.html

Approfondimenti:
- http://desi.lbl.gov/wp-content/uploads/2014/04/tdr-science-biblatex2.pdf
- http://desi.lbl.gov/wp-content/uploads/2014/04/tdr-instrument-biblatex2.pdf

 

Altre informazioni su questo articolo

Read 1653 times Ultima modifica Lunedì, 21 Settembre 2015 21:18
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 22 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 21 Febbraio) 

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 22 Febbraio [Last update: 02/22/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 22 Febbraio [Last update: 02/22/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 22/2/20 - Sol 440] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS