Scritto: Giovedì, 17 Settembre 2015 05:13 Ultima modifica: Giovedì, 17 Settembre 2015 05:32

La Luna è stressata dalla Terra!


Nuovi risultati basati sui dati rilevati dalla sonda della NASA Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) mostrano che la forza gravitazionale della Terra ha influenzato, e continua ad influenzare, l'orientamento di migliaia di caratteristiche sulla superficie della Luna.

Rate this item
(0 votes)
Reconnaissance Orbiter Camera (LROC): "scarpate lobate" Reconnaissance Orbiter Camera (LROC): "scarpate lobate" Credit: NASA/LRO

Nel 2010, i ricercatori che studiano le immagini della fotocamera NAC (Narrow Angle Camera) a bordo della sonda annunciarono la scoperta di 14 nuove "scarpate lobate" (tipo quelle nell'immagine in apertura) che si andavano ad aggiungere alle 70 circa già note, fotografate dall'Apollo Panoramic Camera. Considerata la loro distribuzione casuale, il team aveva supposto che la Luna si stesse restringendo.

Queste scarpate sono lunghe in genere sui 10 chilometri per qualche metro di altezza e si sono probabilmente formate quando l'interno del satellite si stava raffreddando, causando una contrazione globale.

Ora, dopo oltre 6 anni in orbita, la Lunar Reconnaissance Orbiter Camera (LROC) a bordo di LRO ha ripreso quasi tre quarti della superficie lunare ad alta risoluzione, permettendo la scoperta di oltre 3.000 strutture topografiche simili. Ciò le ha rese automaticamente una caratteristica distintiva e diffusa sulla superficie del nostro satellite.
L'analisi degli orientamenti di queste piccole scarpate ha sorprendentemente mostrato che la loro disposizione è influenzata dalle forze di marea esercitate dalla Terra.

Mappa di 3.200 scarpate lobate

Credit: NASA/LRO

Se la loro formazione fosse legata esclusivamente ad un processo di contrazione globale, non esisterebbe un modello ben definito perché le forze contraenti agiscono in egual misura in tutte le direzioni.
Ma "questo non è quello che abbiamo trovato", ha detto Thomas Watters del National Air and Space Museum in Washington. "C'è un modello negli orientamenti delle migliaia di caratteristiche che suggerisce che qualcosa di diverso sta influenzando la loro formazione, qualcosa che le sta riallineando e sta agendo su una scala globale". Watters è l'autore principale dello studio pubblicato sulla rivista Geology.

Sulla Luna agiscono quindi altre forze che non provengono dal suo interno ma dalla Terra: sono le forze di marea.
Quando queste ultime si sovrappongono alla contrazione globale, la combinazione delle due causa proprio gli orientamenti osservati.

Processo di formazione delle scarpate lobate sulla Luna

Credit: NASA/LRO

"Grazie all'alta definizione di LROC continuiamo a scoprire caratteristiche inedite e questo è davvero notevole", ha detto Mark Robinson dell'Arizona State University, principale scienziato per LROC e co-autore del documento.

Le scarpate sono molto giovani, così giovani che si stanno formando ancora oggi.
I modelli dimostrano che le sollecitazioni di picco avvengono quando la Luna è all'apogeo e di conseguenza, anche i terremoti lunari potrebbero essere più frequenti quando la Luna è più lontana dalla Terra.

Altre informazioni su questo articolo

Read 2285 times Ultima modifica Giovedì, 17 Settembre 2015 05:32
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 25 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 25 Febbraio) Hot!

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 25/2/20 - Sol 443] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS