Scritto: Lunedì, 07 Settembre 2015 05:18 Ultima modifica: Lunedì, 07 Settembre 2015 06:27

L'azoto: un potenziale indicatore della vita sui pianeti extrasolari


Le osservazioni dell'atmosfera terrestre dallo spazio, stanno aiutando gli astrofisici nella ricerca della vita sui altri mondi.
Identificare e misurare i livelli di azoto su un pianeta extrasolare, potrebbe essere fondamentale per valutare la sua abitabilità.

Rate this item
(0 votes)
La Terra ripresa dalla Polychromatic Imaging Camera a bordo del satellite Deep Space Climate Observatory (DSCOVR) della NASA. La Terra ripresa dalla Polychromatic Imaging Camera a bordo del satellite Deep Space Climate Observatory (DSCOVR) della NASA. Credit: NASA

L'azoto è il componente principale dell'atmosfera terrestre ed è probabile che sia un gas importante anche per le atmosfere di altri esopianeti. Quindi, ammesso che siano soddisfatti tutti gli i requisiti e cioè, che il pianeta sia roccioso, delle giuste dimensioni, che si trovi all'interno della cosiddetta zona "Goldilocks" (zona abitabile), questo gas potrà fornire indizi sulla pressione superficiale.
Se l'atmosfera di un pianeta è ricca di azoto, quasi certamente, sulla sua superficie, esiste la giusta pressione per mantenere l'acqua allo stato liquido, una condizione necessaria per la vita.

Ma allora perché non lo abbiamo cercato prima?
Il problema è che l'azoto è difficile da individuare da lontano tanto che spesso viene chiamato "gas invisibile" perché non ha caratteristiche di assorbimento significative, né in luce visibile né in infrarosso. Tuttavia, un nuovo studio, condotto da Edward Schwieterman e Victoria Meadows dell'Università di Washington e pubblicato sulla rivista Astrophysical Journal, apre la strada ad una possibilità: individuare azoto cercando le collisioni tra le sue molecole. Le coppie che si vengono a creare mostrano una firma spettroscopica unica e distinguibile.

DETECTING AND CONSTRAINING N2 ABUNDANCES IN PLANETARY ATMOSPHERES USING COLLISIONAL PAIRS [abstract]

Characterizing the bulk atmosphere of a terrestrial planet is important for determining surface pressure and potential habitability. Molecular nitrogen (N2) constitutes the largest fraction of Earth's atmosphere and is likely to be a major constituent of many terrestrial exoplanet atmospheres. Due to its lack of significant absorption features, N2 is extremely difficult to remotely detect. However, N2 produces an N2–N2 collisional pair, (N2)2, which is spectrally active. Here we report the detection of (N2)2 in Earth's disk-integrated spectrum. By comparing spectra from NASA's EPOXI mission to synthetic spectra from the NASA Astrobiology Institute's Virtual Planetary Laboratory three-dimensional spectral Earth model, we find that (N2)2 absorption produces a ~35% decrease in flux at 4.15 μm. Quantifying N2 could provide a means of determining bulk atmospheric composition for terrestrial exoplanets and could rule out abiotic O2 generation, which is possible in rarefied atmospheres. To explore the potential effects of (N2)2 in exoplanet spectra, we used radiative transfer models to generate synthetic emission and transit transmission spectra of self-consistent N2–CO2–H2O atmospheres, and analytic N2–H2 and N2–H2–CO2 atmospheres. We show that (N2)2 absorption in the wings of the 4.3 μm CO2 band is strongly dependent on N2 partial pressures above 0.5 bar and can significantly widen this band in thick N2 atmospheres. The (N2)2 transit transmission signal is up to 10 ppm for an Earth-size planet with an N2-dominated atmosphere orbiting within the habitable zone of an M5V star and could be substantially larger for planets with significant H2 mixing ratios.

I risultati della ricerca, per ora, sono limitati alla Terra.
Gli scienziati hanno simulato come potrebbe apparire la firma delle collisioni delle molecole di azoto nell'atmosfera terrestre al Virtual Planetary Laboratory dell'Università di Washington ed hanno confrontato i dati con quelli rilevati dalla sonda della NASA Deep Impact, durante la fase EPOXI (Extrasolar Planet Observation / eXtended Investigation of comets) della missione. Lanciata nel 2005, dopo aver completato la fase primaria verso la cometa Tempel 1, la navicella aveva lavorato su due nuovi obiettivi: osservare i pianeti extrasolari e la Terra (Extrasolar Planet Observation and Characterization - EPOCh); studiare la cometa Hartley 2 (Deep Impact Extended Investigation - DIXI).

Grazie al bottino di informazioni catturate dalla sonda, che ha potuto analizzare la Terra come se fosse un mondo distante, il team ha potuto confermare che le molecole di azoto produco un impatto visibile da lontano nello spettro del nostro pianeta. "Questo ci dice che è qualcosa che vale la pena cercare altrove", ha detto Schwieterman.

Altre informazioni su questo articolo

Read 2560 times Ultima modifica Lunedì, 07 Settembre 2015 06:27
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 2 Aprile

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 1 Aprile).

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 3 Aprile sera [Last update: 04/03/2020]

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 3 Aprile sera)

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 3 Aprile [Last update: 04/03/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 2/4/20 - Sol 478] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS