Scritto: Domenica, 16 Agosto 2015 05:55 Ultima modifica: Domenica, 16 Agosto 2015 08:02

ATLAS è operativo: ci proteggerà dagli asteroidi


Sulla cima del vulcano Haleakala, sull'isola hawaiana di Maui, è operativo il primo sistema di allerta terrestre contro gli asteroidi pericolosi.

Rate this item
(0 votes)
ATLAS#1 ATLAS#1 Credit: ATLAS Team

Si chiama Asteroid Terrestrial-impact Last Alert System (ATLAS) e fa parte di un progetto in fase di sviluppo presso l'Università delle Hawaii, finanziato dalla NASA.

Una volta completato, entro quest'anno, ATLAS sarà formato da due telescopi, posti a 62 chilometri di distanza l'uno dall'altro, che saranno in grado di scansionare l'intero cielo in poco più di una notte, alla ricerca di oggetti in movimento. La presenza di due telescopi separati consentirà di ricavare istantaneamente una misura di parallasse e quindi una stima immediata della distanza di possibili impattatori.

Ciascun telescopio, con uno schema ottico "Wright-Schmidt", ha un diametro di 50 cm e un campo di vista molto ampio, 15 volte il diametro della luna piena; questo è il suo principale punto di forza rispetto ad altri sistemi di ricerca, come il Pan-STARRS. Con i suoi 110 megapixel, Atlas è capace di raggiungere la magnitudine 20 con soli 20 secondi di esposizione, riprendendo la stessa regione di cielo due volte ogni notte a distanza di mezz'ora.

ATLAS promette di fornire un avvertimento di un giorno per un asteroide killer da 30 chilotoni, di una settimana per uno da 5 megatoni e di tre settimane per uno da 100 megatoni (100m di diametro); questi tempi dovrebbero essere sufficienti ad evacuare la popolazione dalle regioni minacciate.

Il telescopio ATLAS#1, che ora avrà bisogno di qualche messa a punto, "sta lavorando bene e producendo immagini utili", si legge nell'ultimo comunicato sul sito web ufficiale.

ATLAS#2 sarà situato, invece, sul Mauna Loa, un vulcano dell'isola principale delle Hawaii, mentre una terza unità potrebbe essere installata in Sud Africa.

Read 2312 times Ultima modifica Domenica, 16 Agosto 2015 08:02
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 9/7/20 - Sol 574] - Meteo...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista