Scritto: Sabato, 15 Agosto 2015 20:57 Ultima modifica: Domenica, 16 Agosto 2015 17:27

Una salina testimonia le ultime acque di Marte


I ricercatori dell'University of Colorado Boulder hanno scoperto un vasto deposito di sale su Marte, una testimonianza di uno degli ultimi bacini d'acqua esistiti sul pianeta.

Rate this item
(0 votes)
Ricostruzione 3D dei depositi di sali. Ricostruzione 3D dei depositi di sali. Credit: LASP / Brian Hynek

Lo studio, pubblicato sulla rivista Geology, ha esaminato un deposito di cloruro di sodio di circa 30 chilometri quadrati, nella regione Meridiani, vicino al sito di atterraggio del rover Opportunity.

Come avviene sulla Terra, queste saline su larga scala sono considerate prove di antichi bacini d'acqua evaporati.

I modelli digitali del terreno e l'analisi mineralogica delle caratteristiche che circondano il deposito indicano che il fondale del lago non è più vecchio di 3,6 miliardi di anni, ossia, è ben più recente del periodo in cui, finora, Marte è stato pensato un mondo umido, caldo ed accogliente, in grado di sostenere grandi quantità di acqua liquida in superficie.

"E' stato sicuramente un lago longevo", ha dichiarato Brian Hynek ricercatore associato del Laboratory for Atmospheric and Space Physics (LASP) presso la University of Colorado Boulder, primo autore del documento. "Siamo stati in grado di calcolare con precisione la sua età massima", ha aggiunto. "Potremo dire che questo è uno degli ultimi esempio di lago di certe dimensioni esistiti su Marte".

Anche se alcuni fattori come il grado di acidità non sono stati considerati nella ricerca, in base alla portata ed allo spessore dei depositi, i ricercatori stimano che l'indice di salinità era solo l’8% rispetto a quello di un oceano terrestre e pertanto, sarebbe potuto essere ospitale per la vita microbica.

Altre informazioni su questo articolo

Read 3397 times Ultima modifica Domenica, 16 Agosto 2015 17:27
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 30 Giugno [Last update...

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista