Scritto: Venerdì, 24 Luglio 2015 05:55 Ultima modifica: Venerdì, 24 Luglio 2015 06:55

Una ricetta spaziale per la vitamina B3


Secondo uno studio finanziato dalla NASA, la vitamina B3, che troviamo comunemente in latte, verdure e cereali, si sarebbe in buona parte formata nello spazio per poi arrivare sulla Terra tramite meteoriti e comete.

Rate this item
(0 votes)
Depositi chimici formatesi su una superficie di alluminio ghiacciata. Depositi chimici formatesi su una superficie di alluminio ghiacciata. Credits: Karen Smith/NASA Goddard

Nota anche come niacina o acido nicotinico, è un precursore del NAD (nicotinamide adenine dinucleotide), una biomolecola essenziale per il metabolismo che ha probabilmente un'origine molto antica.

Il nuovo lavoro si basa sulle precedenti ricerche sui meteoriti ricchi di carbonio, durante le quali erano stati analizzati 8 diversi campioni di condriti carbonacee di tipo 2 in cui il team aveva scoperto tracce di B3 in concentrazioni tra 30 e 600 parti per miliardo (ppb da parts per billion).
Questi esperimenti preliminari avevano dimostrato che la B3 potrebbe formarsi dalla semplice aggregazione di blocchi di una molecola organica chiamata piridina, nell'anidride carbonica ghiacciata in condizioni simili a quelle presenti nello spazio.

Ora, con i nuovi esperimenti sono stati resi più realistici con l'aggiunta di ghiaccio d'acqua al composto, aggiustando le dosi in modo da renderle simili alla composizione del ghiaccio interstellare e delle comete. I risultati sono stati sorprendenti perché hanno dimostrato che la vitamina B3 può formarsi in un range di proporzioni tra gli elementi molto variabile.

"Abbiamo scoperto che i tipi di composti organici nei ghiacci prodotti nei nostri laboratori, corrispondono molto bene a quello che si trova nei meteoriti", ha detto Karen Smith del Goddard Space Flight Center della NASA, di Greenbelt nel Maryland.
"Questo risultato suggerisce che i composti organici importanti presenti nei meteoriti, possono originarsi da semplici molecole ghiacciate nello spazio. Questo tipo di chimica può essere rilevante anche per le comete che contengono grandi quantità di acqua ed anidride carbonica congelate.
Gli esperimenti dimostrano che la vitamina B3 ed altri composti organici complessi possono formarsi nello spazio e che impatti di meteoriti e comete potrebbero aver rifornito la Terra antica".

"Questo lavoro è parte di un ampio programma di ricerca della NASA in astrobiologia. Stiamo lavorando per capire le origini di molecole biologicamente importanti e come si sono formate in tutto il Sistema Solare e sulla Terra", ha detto Perry Gerakines del Goddard.
"Gli esperimenti condotti nel nostro laboratorio dimostrano un importante collegamento tra le molecole organiche complesse formate nel freddo spazio interstellare e quelle trovate nei meteoriti".

I ricercatori hanno simulato il freddo spazio cosmico con una piastra in alluminio raffreddata a circa -423 gradi Fahrenheit (-253 gradi Celsius), utilizzata per simulare la superficie gelida di un grano di polvere interstellare.
La piastra è stata raffreddata in una camera sottovuoto per riprodurre le condizioni nello spazio, mentre un gas contenente acqua, anidride carbonica e piridina è stato rilasciato congelandosi sulla sua superficie. La piastra è stata poi bombardata con protoni a circa 1 milione di volt per simulare la radiazione spaziale.

Una prima analisi è stata eseguita con la spettroscopica in infrarosso per identificare i modelli di assorbimento; successivamente la piastra è stata riscaldata a temperatura ambiente per analizzare il ghiaccio in modo più approfondito: le analisi hanno mostrato una grande varietà di molecole organiche complesse, tra cui la vitamina B3.

La missione del'ESA Rosetta potrebbe convalidare questi esperimenti identificando le stesse molecole organiche nei gas rilasciati per sublimazione dalla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, soprattutto ora che è in prossimità del perielio e sta entrando nella fase di maggiore attività.

Letto: 1751 volta/e Ultima modifica Venerdì, 24 Luglio 2015 06:55
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 20 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista