Scritto: Martedì, 21 Luglio 2015 05:29 Ultima modifica: Martedì, 21 Luglio 2015 07:04

Stephen Hawking presenta una nuova campagna alla ricerca di E.T.


Stephen Hawking ha presentato ieri una nuova grande iniziativa da 100 milioni di dollari per la ricerca della vita intelligente nell'Universo.
La campagna durerà 10 anni ed ascolterà i segnali trasmessi da un milione di stelle nella Via Lattea prossime alla Terra, così come quelli provenienti da 100 galassie più vicine.

Rate this item
(0 votes)
Stephen Hawking presenta una nuova campagna alla ricerca di E.T. Credit: Breakthrough Initatives

"Crediamo che la vita sia nata spontaneamente sulla Terra e quindi, in un Universo infinito, ci devono essere altri eventi di vita", ha detto Hawking presso la sede della Royal Society a Londra, dove è stata annunciata l'iniziativa.
"Da qualche parte nel cosmo, forse una vita intelligente sta guardando le luci della nostra, consapevole del loro significato. O forse le nostre luci vagano in un cosmo senza vita, come fari invisibili ad indicare che qui, su una roccia, l'Universo ha scoperto l'esistenza? Non c'è dubbio, non c'è domanda migliore. E' tempo di impegnarsi per trovare la risposta, per cercare la vita oltre la Terra. Siamo vivi. Siamo intelligenti. Noi dobbiamo sapere".

Il nuovo programma, chiamato "Breakthrough Listen", utilizzerà due dei telescopi più potenti del mondo, il Green Bank Telescope da 100 metri nel West Virginia ed il Parkes Telescope da 64 metri nel New South Wales, Australia. Insieme copriranno una porzione di cielo 10 volte superiore, e 100 volte più velocemente, rispetto ai precedenti programmi SETI.

"Esamineremo qualcosa come 10 miliardi di canali radio contemporaneamente", ha detto Geoffrey Marcy, astronomo dell'Università della California, Berkeley.

Se una civiltà extraterrestre stesse trasmettendo con una potenza analoga a quella di un comune radar aereo dalle stelle più vicine, o se la trasmissione arrivasse dal centro della Via Lattea una dozzina di volte più forte, questi telescopi potranno ascoltarla.

"E' una scommessa enorme, naturalmente", ha aggiunto Lord Martin Rees, astronomo Reale del Regno Unito. "Nessuno potrebbe contare sul suo successo ma la vincita sarebbe colossale".

Greenbank e Parkes telescope

Credit: SETI

Tutti i dati di Breakthrough Listen (10GB al secondo) saranno accessibili al pubblico che potrà partecipare agli sforzi attraverso il famoso SETI@home.

Il progetto prevede anche l'aiuto dall'Automated Planet Finder Telescope a Lick Observatory, in California, per cercare trasmissioni laser utilizzando tecniche mille volte più efficaci rispetto precedenti tentativi. Qualora gli alieni dovessero utilizzare una sorta di "Internet galattica", il telescopio sarà in grado di rilevare un laser da 100 watt, che emette la stessa quantità di energia di una normale lampadina domestica, da una stella a 40.000 miliardi di chilometri di distanza.

Breakthrough Listen sarà affiancato da una seconda iniziativa, "Breakthrough Message", che finanzierà un concorso internazionale per determinare il contenuto dei messaggi che l'umanità invierà alle civiltà aliene. Nel concorso, aperto a tutti, i migliori saranno premiati con un milione di dollari. Breakthrough Message non si impegna ad inviare nello spazio i contenuti selezionati ma "è 'un ottimo modo per sviluppare un certo grado di consapevolezza di ciò che significa essere umani, di sé stessi e di essere vivi", ha detto Ann Druyan, creative director all'Interstellar Message su NASA Voyager e moglie del famoso astronomo e astrofisico Carl Sagan.

Ma Hawking avverte: "il contatto con gli alieni potrebbe essere una pessima idea".
"Non sappiamo molto di alieni ma sappiamo abbastanza di esseri umani", ha detto. "Se guardiamo la storia, i contatti tra esseri umani e organismi meno intelligenti sono spesso stati disastrosi da punto di vista di questi ultimi ed incontri tra civiltà avanzate rispetto a quelle con tecnologie primitive, sono andati male per i meno avanzati. Una civiltà in grado di intercettare uno dei nostri messaggi, potrebbe essere miliardi di anni avanti a noi. In tal caso, sarebbe di gran lunga più potente e non ci vedere diversamente da come noi vediamo i batteri".

Ad ogni modo, non tutti condividono le preoccupazioni di Hawking e, come suggerito da Rees, "potrebbero già sapere che siamo qui".
"Potremmo diventare meno violenti e miopi", ha aggiunto Druyan.
"La mia speranza è che le civiltà extraterrestri non siano solo tecnologicamente più abili di noi ma più consapevoli della rarità e della preziosità della vita nel cosmo".

Read 2237 times Ultima modifica Martedì, 21 Luglio 2015 07:04
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

  • Comment Link Livio Mercoledì, 22 Luglio 2015 21:09 posted by Livio

    Carl Sagan disse anche che se mai avremo il privilegio di captare i segnali radio di una civiltà posta in un'altra galassia, questa potrebbe essere già estinta da migliaia se non milioni di anni per via della velocità finita delle onde radio.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 29 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 29 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS