Scritto: Giovedì, 09 Luglio 2015 20:39 Ultima modifica: Giovedì, 09 Luglio 2015 21:31

Swift riprende gli echi di V404 Cygni


Un team guidato da Andrew Beardmore, dell'Università di Leicester, Regno Unito, ha puntato il telescopio a raggi X a bordo del satellite della NASA Swift, verso il sistema binario V404 Cygni, formato da un buco nero e da una stella simile al Sole che orbitano uno intorno all'altra. Il risultato sono queste incredibili immagini, dove anelli concentrici simili ad tiro a segno, si estendono nel cielo per circa un terzo della dimensione apparente della Luna piena.

Rate this item
(0 votes)
Il buco nero V404 Cygni ripreso dal satellite Swift a raggi X. Copre una porzione di cielo pari a circa la metà del diametro apparente della Luna piena. Il buco nero V404 Cygni ripreso dal satellite Swift a raggi X. Copre una porzione di cielo pari a circa la metà del diametro apparente della Luna piena. Credits: NASA's Scientific Visualization Studio (left), Andrew Beardmore (Univ. of Leicester); NASA/Swift (right)

L'animazione qui sotto, composta da tre frame ripresi rispettivamente il 30 giugno, il 2 e 4 luglio, mostra l'espansione e la dissolvenza graduale degli anelli.

V404 Cygni

Anelli concentrici di luce a raggi X intorno a V404 Cygni, ripresi dal telescopio a raggi X a bordo il satellite Swift della NASA dal 30 giugno al 4 luglio. Il colore indica l'energia dei raggi X: il rosso rappresenta la più bassa (da 800 a 1.500 elettronvolt, eV), il verde l'intermedia (1.500 a 2.500 eV), mentre il più energetico è il blu (2.500 a 5.000 eV). Per un confronto, la luce visibile ha energie che variano da circa 2 a 3 eV. Le linee scure che corrono diagonalmente attraverso l'immagine sono artefatti del sistema di imaging.
Credits: Andrew Beardmore (Univ. of Leicester) and NASA/Swift

Gli astronomi ritengono che gli anelli derivano da un "eco" di luce a raggi X.
I flare emessi dal buco nero emettono raggi X in tutte le direzioni. Parte di essi viaggia verso di noi: alcuni direttamente mentre altri seguono una strada più lunga perché vengono riflessi dagli strati di polvere. Questo ritardo crea echi di luce, sotto forma di anelli che si espandono nel tempo.

L'analisi di questi dati dimostra che tutti provengono da un unico grande evento, avvenuto il 26 giugno alle 17:40 UTC.

V404 Cygni si trova a circa 8.000 anni luce di distanza nella costellazione del Cigno.
Ogni 20 anni circa il buco nero del sistema binario sembra sfogare tutta la sua energia: la sua precedente eruzione si è conclusa nel 1989.

Il 15 giugno, Swift aveva identificato i primi segnali del risveglio ed il satellite dell'ESA Integral aveva continuato il monitoraggio a partire dal 17:

17 June 2015 Renewed hard X-ray flaring activity from V404 Cyg (GS 2023+338) triggered the Swift/BAT (GCN 17929), Fermi/GBM (GCNs 17932, 17935) and Konus-Wind (GCN 17938), which indicate the start of a new outburst from this source (ATels #7646, #7647). These observations have initiated a public ToO observation starting tonight, in Revolution 1554, from 17-19 June 2015.

Subito dopo, il MAXI (Monitor of All-sky X-ray Image), parte del Japanese Experiment Module a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), aveva osservato un flare di raggi X dalla stessa zona di cielo.

Dopo questi risultati V404 Cygni è stato tenuto costantemente sotto controllo dalla comunità astronomica mondiale con una massiccia campagna di osservazione.

Letto: 3295 volta/e Ultima modifica Giovedì, 09 Luglio 2015 21:31
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista