Scritto: Giovedì, 02 Luglio 2015 20:20 Ultima modifica: Venerdì, 03 Luglio 2015 06:13

Ma quanti anni ha Saturno?


Potrebbe sembrare una domanda banale perché sappiamo che il nostro Sistema Solare ha 4,5 miliardi di anni ma Saturno è più caldo di quello che dovrebbe essere e questo calore inspiegabile causa una discrepanza di ben due miliardi di anni. Senza alcuna fonte di energia supplementare, infatti, i pianeti tendono a raffreddarsi con l'età, tranne questo, ovviamente. Un bel grattacapo per gli astrofisici!

Rate this item
(0 votes)
Saturn W00089492-93-94 (red grn bl) - on September 12, 2014 (Immagine originale: https://flic.kr/p/oXwoPD) Saturn W00089492-93-94 (red grn bl) - on September 12, 2014 (Immagine originale: https://flic.kr/p/oXwoPD) Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

"I modelli stimano correttamente Giove di 4,5 miliardi di anni ma Saturno sembrerebbe avere solo 2,5 miliardi di anni", spiega Thomas Mattsson del Sandia National Laboratories ad Albuquerque, in Nuovo Messico.

Z machine - Photo by Randy MontoyaLa Z machine (o macchina Z) il più grande generatore di raggi X del mondo, progettato per la sperimentazione sul comportamento dei materiali in condizioni estreme di temperatura e pressione, potrebbe aver risolto il mistero.

Nel 1935, Eugene Wigner e Hilliard Huntington avevano previsto che, sottoponendo un reticolo di molecole d'idrogeno ad enormi pressioni (circa 25 gigaPascal), i singoli atomi di idrogeno si spezzano, rilasciando elettroni liberi fluttuanti in grado di trasportare corrente. Ossia, a tali pressioni, avviene un cambiamento di fase della materia che trasforma l'idrogeno, un elemento elettricamente isolante, in idrogeno metallico.

Una intuizione che, secondo il ricercatore Mike Desjarlais dello Sandia, spiegherebbe la temperatura di Saturno perché quando l'idrogeno vulcanizza e si mescola con l'elio formando un liquido denso, può rilasciare una pioggia di elio che, a sua volta, rappresenta una fonte di energia in grado di alterare l'evoluzione di un pianeta.

"Essenzialmente, la pioggia di elio manterrebbe Saturno più caldo del previsto", ha detto Marcus Knudson, autore, insieme a Desjarlais, dell'articolo pubblicato il 26 giugno sulla rivista Science.

Direct observation of an abrupt insulator-to-metal transition in dense liquid deuterium [abstract]

Eighty years ago, it was proposed that solid hydrogen would become metallic at sufficiently high density. Despite numerous investigations, this transition has not yet been experimentally observed. More recently, there has been much interest in the analog of this predicted metallic transition in the dense liquid, due to its relevance to planetary science. Here, we show direct observation of an abrupt insulator-to-metal transition in dense liquid deuterium. Experimental determination of the location of this transition provides a much-needed benchmark for theory and may constrain the region of hydrogen-helium immiscibility and the boundary-layer pressure in standard models of the internal structure of gas-giant planets.

Questo processo, finora, non era mai stato osservato sperimentalmente.
Il team ha sfruttato quindi la capacità della Z machine di rilasciare impulsi elettrici di pochi sub-microsecondi, associati ad un campo magnetico. Questi sono stati usati per comprimere il deuterio, una variante più pesante dell'idrogeno, tramite una sorta d'onda d'urto a temperature relativamente basse (precedenti esperimenti avevano utilizzato cannoni a gas per ottenere l'effetto ma, aumentando la pressione, aumentava anche la temperatura oltre la gamma di interesse).

"Abbiamo iniziato a 20 gradi Kelvin [circa -253 gradi Celsius], dove l'idrogeno è liquido, mandando qualche scossa da un centinaio di kilobar per scaldare il liquido", ha spiegato Knudson. "Quindi abbiamo utilizzato il campo magnetico della Z per comprimere ulteriormente l'idrogeno, tenendolo proprio sopra la linea liquido-solido a circa 1.000 gradi Kelvin [circa 727 gradi Celsius]".

"Quando il liquido è stato compresso oltre 12 volte la sua densità di partenza, ha iniziato a diventare atomico piuttosto che molecolare", ha aggiunto Desjarlais.

La transizione, avvenuta a tre megabar, ora, dovrà essere inserita nei modelli astrofisici per confermare che è realmente responsabile per l'alterazione dell'età di Saturno. In ogni caso, la ricerca è riuscita a dimostrare, con osservazione diretta, che l'idrogeno può raggiungere la fase metallica, modificando le interazioni con l'elio

Read 3337 times Ultima modifica Venerdì, 03 Luglio 2015 06:13
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 29 Marzo

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 28 Marzo).

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 26 Marzo [Last update: 03/26/2020]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 5/3/20).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 26 Marzo [Last update: 03/26/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 28/3/20 - Sol 473] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS