Scritto: Venerdì, 05 Giugno 2015 05:18 Ultima modifica: Sabato, 06 Giugno 2015 21:16

Una mappa della Via Lattea dal pianeta Terra


Se fossimo esploratori in grado di viaggiare tra le stelle, il lavoro sarebbe più facile ma provate a creare la planimetria di una casa rimanendo fermi in una stanza! Si potrebbero cercare indizi sbirciando con lo sguardo attraverso porte e finestre ma alla fine le pareti e la mancanza di visibilità, limiterebbero molto il quadro generale. Bene, la mappatura della Via Lattea dal pianeta Terra, situato a circa due terzi dal centro galattico, è altrettanto difficile.

Rate this item
(0 votes)
Utilizzando i dat del telescopio  Wide-field Infrared Survey Explorer (WISE), gli astronomi stanno tracciando la forma dei bracci a spirale della Via Lattea. I punti indicano gli ammassi di giovani stelle avvolti dalla polvere, mentre le barre orizzontali rappresentano l'incertezza. I quasi 100 ammassi qui indicati, appartengono ai bracci di Perseo, Sagittario-Carina ed Orione-Cigno. Utilizzando i dat del telescopio Wide-field Infrared Survey Explorer (WISE), gli astronomi stanno tracciando la forma dei bracci a spirale della Via Lattea. I punti indicano gli ammassi di giovani stelle avvolti dalla polvere, mentre le barre orizzontali rappresentano l'incertezza. I quasi 100 ammassi qui indicati, appartengono ai bracci di Perseo, Sagittario-Carina ed Orione-Cigno. Credit: NASA/JPL-Caltech/Federal University of Rio Grande do Sul

Anche se la nostra percezione della casa cosmica in cui ci troviamo è notevolmente migliorata negli ultimi anni, le nuvole di polvere che permeano la Via Lattea bloccano la nostra visuale ed agli astronomi rimane l'arduo compito di riempire pazientemente gli spazi vuoti ad ogni nuova scoperta.

Ora, grazie ai dati raccolti dal telescopio spaziale Wide-field Infrared Survey Explorer (WISE), un team di ricercatori ha scoperto più di 400 vivai stellari che disegnano la forma dei bracci a spirale della nostra Galassia, sette dei quali sono stati descritti su un documento pubblicato il 20 maggio sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society.

Struttura della Via Lattea

Credit: NASA/JPL-Caltech/Federal University of Rio Grande do Sul

In un quadro che conferma il modello a quattro bracci, quindi, il team ha iniziato a posizionare qualche punto fisso sulla carta. Ovviamente, si fa per dire, ma questi giovani cluster, unitamente ad altri metodi di indagine visiva, rappresentano un ottimo strumento per determinare la struttura della Via Lattea perché le stelle appena nate ancora non hanno migrato dal loro luogo di origine.

 Tracing the Galactic spiral structure with embedded clusters [abstract]

In this work, we investigate the properties of 18 embedded clusters (ECs). The sample includes 11 previously known clusters and we report the discovery of seven ECs on WISE images, thus complementing our recent list of 437 new clusters. The main goal is to use such clusters to shed new light on the Galactic structure by tracing the spiral arms with cluster distances. Our results favour a four-armed spiral pattern tracing three arms, Sagitarius–Carina, Perseus, and the Outer arm. The Sagitarius–Carina spiral arm is probed in the borderline of the third and fourth quadrants at a distance from the Galactic Centre of d1 ∼ 6.4 kpc adopting R = 7.2 kpc, or d2 ∼ 7.2 kpc for R = 8.0 kpc. Most ECs in our sample are located in the Perseus arm that is traced in the second and third quadrants and appear to be at Galactocentric distances in the range d1 = 9–10.5 kpc or d2 = 9.8–11.3 kpc. Dolidze 25, Bochum 2, and Camargo 445 are located in the Outer arm that extends along the second and third Galactic quadrants with a distance from the Galactic Centre in the range of d1 = 12.5–14.5 kpc or d2 = 13.5–15.5 kpc. We find further evidence that in the Galaxy ECs are predominantly located within the thin disc and along spiral arms. They are excellent tools for tracing these Galactic features and therefore new searches for ECs can contribute to a better understanding of the Galactic structure. We also report an EC aggregate located in key italicthe Perseus arm.

Letto: 9970 volta/e Ultima modifica Sabato, 06 Giugno 2015 21:16
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 23 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista