Scritto: Martedì, 12 Maggio 2015 15:12 Ultima modifica: Martedì, 12 Maggio 2015 16:11

Altre conferme: la Via Lattea ha quattro bracci


La Via Lattea è una galassia a spirale ma quanti bracci ha? Due o quattro? Su questo gli astronomi hanno dibattuto a lungo.

Rate this item
(0 votes)
Zona di formazione stellare come quella utilizzata dal team per determinare la struttura della Via Lattea. Zona di formazione stellare come quella utilizzata dal team per determinare la struttura della Via Lattea. Credit: NASA, ESA, J. M. Apellániz

Immagini relativamente recenti del telescopio della NASA Spitzer avevano destabilizzato la convinzione più diffusa che la nostra fosse una galassia a spirale a quattro bracci. Ma nel 2013, gli scienziati mapparono le zone di formazione stellare sostenendo di aver trovato i due bracci mancanti.

Ora, quest'ultima strada sembra essere avvalorata dalle osservazioni di un gruppo di astronomi brasiliani che ha utilizzato gli ammassi nelle zone di formazione stellare, per ricostruire la sua struttura: "i nostri risultati favoriscono una galassia a spirale a quattro bracci, che include il Sagittario-Carina, Perseo e bracci esterni", ha dichiarato il team dell'Universidade Federal do Rio Grande do Sul.

Struttura a spirale della Via Lattea

Credit: Urquhart et al. 2013, R. Hurt, the Spitzer Science Center, R. Benjamin

"Nonostante gli sforzi volti a migliorare la nostra comprensione della struttura della Galassia, le domande restano. Non c'è consenso per quanto riguarda il numero e la forma dei bracci a spirale della Via Lattea", ha osservato D. Camargo, autore dello studio accettato per la pubblicazione dalla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society (MNRAS) e disponibile su arXiv, e la posizione del Sole all'interno del disco galattico di certo non aiuta dato che il nostro punto di vista periferico non è certo ottimale.
La squadra, però, ha notato che, a seguito della formazione stellare che può verificarsi dopo il collasso e la frammentazione delle nubi molecolari giganti all'interno bracci a spirale, emergono giovani ammassi di stelle, ottimi punti di riferimento per sondare la struttura della Galassia.

Il lavoro è partito dai dati del telescopio WISE della NASA che, osservando in infrarosso, ha permesso di scrutare oltre la polvere delle nursery stellari, identificando i giovani ammassi. Così, sono stati scoperti sette nuovi cluster integrati, alcuni dei quali dovrebbero appartenere ad un aggregato più ampio nel braccio di Perseo. Il team ha anche usato i dati nel vicino infrarosso del 2MASS (Two Micron All Sky Survey) per determinare le distanze degli ammassi, applicando un algoritmo innovativo per ridurre al minimo il margine di errore.

"I cluster considerati nel campione sono distribuiti lungo il Sagittario-Carina, Perseo ed i bracci esterni", hanno concluso Camargo e colleghi, secondo i quali la ricerca di nuovi ammassi sarà l'elemento chiave per comprendere la struttura della nostra Galassia.

Riferimenti:
http://www.universetoday.com/120183/astronomers-bypass-visible-light-to-map-the-galaxys-structure/

Letto: 2345 volta/e Ultima modifica Martedì, 12 Maggio 2015 16:11
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 17 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista