Scritto: Domenica, 26 Aprile 2015 10:15 Ultima modifica: Domenica, 26 Aprile 2015 11:21

Triturato da una nana bianca


La distruzione di un pianeta può sembrare uno scenario da film di fantascienza ma un gruppo di astronomi, utilizzando vari telescopi, ha trovato le prove che ciò possa essere realmente accaduto in un antico ammasso di stelle ai margini della Via Lattea. Colpevole dei fatti, una nana bianca.

Rate this item
(0 votes)

Le nane bianche sono stelle di piccole dimensioni, poco luminose, la cui massa però è simile o leggermente superiore a quella del Sole.
Ma come ha fatto una stella che ha più o meno le dimensioni della Terra, ad essere responsabile di un atto così estremo? Tutta colpa della sua gravità.
Quando una stella raggiunge lo stadio di nana bianca, quasi tutto il materiale che la compone viene confinato entro un raggio pari ad un centesimo della stella originale. Ciò significa che, in caso di incontro ravvicinato con un altro oggetto, l'attrazione gravitazionale della stella e le maree ad essa associate, causano una notevole differenza di trazione tra il lato vicino e quello più lontano del corpo. Basti pensare che la gravità sulla superficie di una nana bianca è oltre dieci milla volte superiore rispetto alla gravità sulla superficie del Sole.

Tramite l'INTErnational Gamma-Ray Astrophysics Laboratory (INTEGRAL) dell'Agenzia Spaziale Europea ESA, i ricercatori hanno scoperto una nuova sorgente di raggi X vicino al centro dell'ammasso globulare NGC 6388, dove osservazioni ottiche precedenti avevano fatto ipotizzare la presenza di un buco nero di massa intermedia, con massa pari a diverse centinaia Soli o più. I raggi X individuati da INTEGRAL hanno sollevato l'intrigante possibilità che fossero stati prodotti da turbinante gas caldo diretto verso il buco nero ma, le successive osservazioni di Chandra mostrarono che i raggi X non arrivavano dal centro di NGC 6388 ma da una posizione leggermente laterale.

NGC 6388 vista a raggi X

Escluso il buoco nero come potenziale fonte di emissione dei raggi X, è continuata la caccia alla ricerca della sorgente effettiva.
Il fenomeno è stato quindi monitorato con il telescopio a raggi X del Swift Gamma Ray Burst della NASA, per circa 200 giorni.
Durante tale periodo la fonte è variata in luminosità, decrescendo con un andamento che concorda con i modelli teorici della distruzione di un pianeta a causa dalle forze gravitazionali di marea di una nana bianca, in cui i detriti brillano in raggi X mentre cadono sulla stella.

Dalle stime, il pianeta distrutto doveva contenere circa un terzo della massa della Terra, mentre la nana bianca che ha seminato la distruzione ha circa 1,4 volte la massa del Sole.

The puzzling source IGR J17361–4441 in NGC 6388: a possible planetary tidal disruption event [abstract]

On 2011 August 11, INTEGRAL discovered the hard X-ray source IGR J17361–4441 near the centre of the globular cluster NGC 6388. Follow-up observations with Chandra showed the position of the transient was inconsistent with the cluster dynamical centre, and thus not related to its possible intermediate mass black hole. The source showed a peculiar hard spectrum (Γ ≈ 0.8) and no evidence of QPOs, pulsations, type-I bursts, or radio emission. Based on its peak luminosity, IGR J17361–4441 was classified as a very faint X-ray transient, and most likely a low-mass X-ray binary. We re-analysed 200 d of Swift/XRT observations, covering the whole outburst of IGR J17361–4441 and find a t−5/3 trend evident in the light curve, and a thermal emission component that does not evolve significantly with time. We investigate whether this source could be a tidal disruption event, and for certain assumptions find an accretion efficiency ϵ ≈ 3.5 × 10−4(MCh/M) consistent with a massive white dwarf, and a disrupted minor body mass Mmb ≈ 1.9 × 1027(M/MCh) g in the terrestrial-icy planet regime. These numbers yield an inner disc temperature of the order kTin ≈ 0.04 keV, consistent with the blackbody temperature of kTin ≈ 0.08 keV estimated by spectral fitting. Although the density of white dwarfs and the number of free-floating planets are uncertain, we estimate the rate of planetary tidal disruptions in NGC 6388 to be in the range 3 × 10−6–3 × 10−4 yr−1. Averaged over the Milky Way globular clusters, the upper limit value corresponds to 0.05 yr−1, consistent with the observation of a single event by INTEGRAL and Swift.

Letto: 2234 volta/e Ultima modifica Domenica, 26 Aprile 2015 11:21
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista