Scritto: Martedì, 11 Settembre 2012 05:57 Ultima modifica: Mercoledì, 13 Agosto 2014 20:42

Nuova ricerca: nel passato di Marte poca acqua e più magma


Dagli studi degli ultimi anni la presenza di materiali argillosi su Marte ha sempre suggerito la presenza di grandi masse d'acqua nel passato del pianeta. Ora, una nuova ricerca indica che questi depositi potrebbero essersi formati dal magma e Marte alla fine, sarebbe stato molto meno "bagnato" del previsto.

Lo studio si basa su zone nella Polinesia Francese, con caratteristiche simili a quelle rilevate sul Pianeta Rosso, formatesi dal raffreddamento del magma piuttosto che dall'acqua.

Rate this item
(0 votes)

Dagli studi degli ultimi anni la presenza di materiali argillosi su Marte ha sempre suggerito la presenza di grandi masse d'acqua nel passato del pianeta. Ora, una nuova ricerca indica che questi depositi potrebbero essersi formati dal magma e Marte alla fine, sarebbe stato molto meno "bagnato" del previsto.

Lo studio si basa su zone nella Polinesia Francese, con caratteristiche simili a quelle rilevate sul Pianeta Rosso, formatesi dal raffreddamento del magma piuttosto che dall'acqua.

"E' stata la prima volta che le argille hanno dimostrato di provenire da un altro processo diverso da quello dell'acqua" ha detto in una mail a space.com il ricercatore Alain Meunier, dell' Université de Poitiers, Francia. "La conseguenza è che, anche se argille hanno bisogno di acqua per formarsi, questo non significa necessariamente acqua liquida."

Quattro anni fa, Meunier, lavorando con un gruppo di geologi all'atollo di Moruroa, nella Polinesia Francese, ha scoperto che le argille presenti si sono formate rapidamente dal raffreddamento del magma, piuttosto che lentamente per azione delle fredda acqua oceanica. Come nel magma raffreddato, i piccoli vuoti all'interno creano pressione, formando l'ultimo minerale, le argille. Le argille ricche di ferro che si trovano in questo atollo sono molto simili alle argille marziane e sono state confrontante con i campioni di meteoriti provenienti dal Pianeta Rosso, disponibili sulla Terra, come il meteorite "Lafayette".

In sostanza, l'acqua che ha portato alla formazione dei materiali argillosi, potrebbe provenire dai gas magmatici:

Processo di formazione delle argille dal magma

CREDIT: Meunier-Riffaut

La presenza di argille su Marte ha sempre fatto pensare che sul Pianeta Rosso un tempo, esistessero condizioni di pressione e temperatura tali per cui poteva esistere acqua allo stato liquido. Tuttavia queste nuove considerazioni potrebbero ridisegnare anche il passato di Marte.
Ma sul Pianeta Rosso ci sono segni evidenti di sistemi fluviali e di bacini idrici e lo stesso autore della ricerca afferma "L'acqua liquida è senza dubbio esistita su Marte in un epoca successiva".

Questo nuovo studio porta senza dubbio un contributo importante ma non modifica radicalmente il quadro generale che abbiamo oggi di Marte. Semplicemente, le argille su Marte come sulla Terra potrebbero essersi formate con procedimenti differenti: in particolare i punti della superficie marziana che sono caratterizzati da strati argillosi particolarmente spessi, potrebbero effettivamente avere un'origine magmatica ma altre argille marziane sono derivate realmente dall'iterazione con l'acqua liquida e Marte potrebbe essere stato sicuramente ospitale per la vita.

Letto: 9696 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 13 Agosto 2014 20:42
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista