Scritto: Mercoledì, 28 Gennaio 2015 20:20 Ultima modifica: Mercoledì, 28 Gennaio 2015 21:45

Intorno a Kepler-444 c'è il più antico sistema planetario conosciuto


Usando i dati del telescopio della NASA Kepler, un gruppo internazionale di astronomi ha scoperto il più antico sistema planetario conosciuto nella Galassia, formato da cinque più piccoli pianeti, di dimensioni variabili tra quelle di Mercurio e Venere e probabilmente rocciosi.
Orbitano intorno alla stella Kepler-444, simile al nostro Sole, a 117 anni luce dalla Terra, nata 11,2 miliardi di anni fa.

Rate this item
(0 votes)
Sistema Kepler-444 Sistema Kepler-444 Credit: Tiago Campante/Peter Devine

La scoperta, oltre che scientificamente interessante, ha importanti implicazioni nella ricerca della vita extraterrestre.

"E' straordinario che un antico sistema di pianeti terrestri si sia formato quando l'universo era agli inizi, ad un quinto della sua età attuale. Kepler-444 è due volte e mezza più vecchia del nostro Sole, che ha solo 4,5 miliardi di anni", ha detto il dottor Daniel Huber dalla School of Physics and Astronomy dell’Università di Birmingham, autore del documento.

Dr Tiago Campante, sempre dell'Università di Birmingham, ha aggiunto: "Ora sappiamo che i pianeti di dimensioni simili alla Terra si sono formati durante l’intera storia dell’Universo e questo potrebbe fornire una possibilità per l'esistenza di vita antica nella Galassia".

La scoperta è stata annunciata il 28 gennaio dalla rivista Astrophysical Journal.

Sistema Kepler-444

Credit: NASA

Per datare la stella, con un incertezza di appena il 9%, il team ha utilizzato l'asterosismologia, una tecnica nata due decenni fa che studia la struttura interna delle stelle attraverso le loro oscillazioni naturali, causate dalla propagazione delle onde sonore dall'interno verso la fotosfera. Queste portano a minuscoli cambiamenti o impulsi di luminosità che permettono di ricavare diametro, massa ed età. La presenza e la dimensione dei pianeti, invece, è stata determinata con il metodo del transito.

"Astrosismologia ci ha permesso di misurare con precisione il raggio di Kepler-444 e quindi le dimensioni dei suoi pianeti. Per il più piccolo del sistema Kepler-444, che è leggermente più grande di Mercurio, abbiamo misurato la sua dimensione con un'incertezza di soli 100 chilometri", ha detto il dottor Huber.
"E' stato chiaro fin da subito che avevamo scoperto qualcosa di molto insolito, cinque pianeti in orbita ad una stella molto luminosa, una delle più brillanti che Kepler abbia osservato".

Kepler-444

Kepler-444 - Keck II
Credit: Tiago Campante et al.

Kepler-444 è leggermente più fredda del Sole (circa 5000 K in superficie, rispetto a 5800 K) ma il sistema dei cinque pianeti è molto compatto e tutti orbitano attorno alla stella madre in meno di 10 giorni, entro 0,8 UA, mentre la zona abitabile, ossia, dove può esistere l'acqua allo stato liquido, si trova sei volte più lontano del quinto pianeta più esterno.

"Nel caso di Kepler-444 i pianeti orbitano intorno alla loro stella madre in meno di 10 giorni, a meno di un decimo della distanza della Terra dal Sole. La vicinanza alla stella ospite significa che sono inabitabili a causa della mancanza di acqua allo stato liquido e per gli alti livelli di radiazioni. Tuttavia, abbiamo fatto un altro passo in avanti verso la ricerca del Sacro Graal degli astronomi, un pianeta delle dimensioni della Terra con un'orbita di un anno attorno a una stella simile al nostro Sole", ha aggiunto Huber.

Read 4021 times Ultima modifica Mercoledì, 28 Gennaio 2015 21:45
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 30 Giugno [Last update...

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista