Scritto: Martedì, 06 Gennaio 2015 19:57 Ultima modifica: Mercoledì, 07 Gennaio 2015 05:52

Annunciati otto nuovi pianeti "Goldilocks"


Nel corso di una conferenza stampa in occasione del 225° meeting dell'American Astronomical Society, un gruppo di astronomi dell'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics (CfA) ha annunciato oggi di aver trovato otto nuovi pianeti extrasolari nella zona "Goldilocks" della loro stella, in orbita ad una distanza tale per cui può esistere acqua allo stato liquido sulla loro superficie.

Rate this item
(0 votes)
Annunciati otto nuovi pianeti "Goldilocks" Credit: David A. Aguilar/CfA

I nuovi mondi sono tutti piccoli pianeti, con diametri inferiore al doppio di quello terrestre e, due in particolare, Kepler-438b e Kepler-442b, possono essere considerati gli esopianeti più simili alla Terra scoperti finora.

"La maggior parte di questi pianeti hanno una buona probabilità di essere rocciosi come la Terra", ha detto Guillermo Torres del Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics (CfA), autore principale dello studio accettato per la pubblicazione sulla rivista The Astrophysical Journal.

Kepler-438b e Kepler-442b orbitano intorno ad una nana rossa, una stella più piccola e fredda del nostro Sole: Kepler-438b compie un'orbita completa in 35 giorni terrestri mentre Kepler-442b ogni 112 giorni.

Con un diametro appena il 12% più grande di quello della Terra, Kepler-438b ha una probabilità del 70% di essere roccioso, mentre Kepler-442b è circa un terzo più grande della Terra ma, secondo i calcoli del team, ha ancora una probabilità del 60% di essere roccioso.

Per essere nella cosiddetta "zona abitabile", un pianeta extrasolare deve ricevere tanta luce dalla sua stella più o meno quanta ne riceve la Terra: se ne arrivasse di più l'acqua si trasformerebbe in vapore; se ne arrivasse troppo poca, si congelerebbe.

Rispetto alla Terra: Kepler-438b riceve circa il 40% in più di luce (per un confronto, Venere ottiene il doppio della radiazione rispetto al nostro pianeta) e questo significa che ha un 70% di possibilità di essere nella zona abitabile; mentre Kepler-442b ne riceve circa due terzi in più che per gli scienziati corrisponde ad un incredibile 97%.

David Kipping del CfA sottolinea: "Non sappiamo con certezza se tutti i pianeti del nostro campione sono veramente abitabile".

Prima di questi, i due pianeti conosciuti più simili alla Terra erano Kepler-186F, che è 1,1 volte più grande della Terra e riceve il 32% in più di luce e Kepler-62f, che è 1,4 volte le dimensioni della Terra e ottiene il 41% in più di luce.

Il team ha studiato tutti i piccoli pianeti identificati con la missione Kepler della NASA.
Per determinarne la massa è stato utilizzato un software, chiamato BLENDER, sviluppato da Torres e Francois Fressin, un programma gà usato in precedenza per convalidare i primi due pianeti di dimensioni paragonabili alla Terra intorno ad una stella simile al Sole e il primo esopianeta più piccolo di Mercurio.

Dopo l'analisi con BLENDER, il team ha passato un altro anno raccogliendo osservazioni grazie alle quali è emerso che quattro degli otto mondi convalidati sono in sistemi con più stelle. Tuttavia, le stelle compagne sarebbero abbastanza lontane da non creare alcuna influenza.

Come spesso accade, però, i nuovi pianeti sono troppo lontano per studi più approfonditi: Kepler-438b si trova 470 anni luce dalla Terra, mentre Kepler-442b a 1.100 anni luce di distanza.

Read 2520 times Ultima modifica Mercoledì, 07 Gennaio 2015 05:52
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 30 Giugno [Last update...

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista