Scritto: Martedì, 23 Dicembre 2014 05:58 Ultima modifica: Martedì, 06 Gennaio 2015 07:44

Una nuova vicina di casa per la Via Lattea


La galassia in cui viviamo, la Via Lattea, fa parte di un gruppo di oltre 50 galassie, il "Gruppo Locale", a cui appartiene anche Andromeda e una serie di oggetti più piccoli.

Ora, un team di scienziati russi ed americani ha aggiunto un nuovo membro alla lista: una piccola galassia nana isolata a quasi 7 milioni di anni luce di distanza.

Rate this item
(0 votes)
Nana sferoidale KKs3 Nana sferoidale KKs3 Credit: D. Makarov

I loro risultati sono stati pubblicati sul Monthly Notices of the Royal Astronomical Society.

A new isolated dSph galaxy near the Local Group [abstract]

Observations of the highly isolated dwarf spheroidal galaxy KKs 3 = [KK2000] 03 with the Hubble Space Telescope Advanced Camera for Surveys are presented. We measured the galaxy distance of 2.12 ± 0.07 Mpc using the tip of red giant branch method. The total blue absolute magnitude of the galaxy is estimated as MB = −10.8 mag. We briefly discuss the star formation history of KKs 3 derived from its colour–magnitude diagram. According to our calculation, the total stellar mass of the galaxy is 2.3 × 107 M, and most stars (74 per cent) were formed at an early epoch more than 12 Gyr ago. A full description of the properties of the colour–magnitude diagram requires some extension of star formation in metallicity and age.

La squadra, guidata dal professor Igor Karachentsev del Special Astrophysical Observatory di Karachai-Cherkessia (Russia), ha identificato la nuova galassia, denominata KKs3, ad agosto 2014, grazie al Hubble Space Telescope Advanced Camera for Surveys (ACS).

KKs3 è visibile dall'emisfero sud in direzione della costellazione dell'Idra Maschio (Hydrus) e le sue stelle sono solo un decimillesimo della massa della Via Lattea.
E' una nana sferoidale (dSph), priva di caratteristiche come i bracci a spirale presenti nella Via Lattea.

Questi sistemi sono poco luminosi, a volte più deboli di una singola stella di grande massa, che anche Hubble fatica a vederli; sono privi di materia prima, come gas e polveri, probabilmente strappata dalle galassie vicine più massicce, necessaria per formare nuove stelle.
L'assenza di nebulose li rende ancora più difficili da individuare, così gli scienziati invece di cercare le galassie dSph, si concentrano sulle singole stelle che ne fanno parte.

Finora solo un'altra nana sferoidale era stata individuata nel Gruppo Locale, KKR 25, e la sua scoperta risale al 1999.

Il professor Dimitry Makarov, membro del team, sempre dello Special Astrophysical Observatory, ha commentato:
"Trovare oggetti come Kks3 è un lavoro meticoloso, anche con osservatori come il telescopio spaziale Hubble ma con tenacia, stiamo lentamente costruendo una mappa del nostro vicinato che risulta essere meno vuoto di quello che pensavamo. Potrebbero esserci un numero enorme di galassie nane sferoidali là fuori, qualcosa che avrebbe conseguenze profonde sulla nostra conoscenza dell'evoluzione del cosmo".

Read 1492 times Ultima modifica Martedì, 06 Gennaio 2015 07:44
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 3 Giugno

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 2 Giugno sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 2 Giugno [Last update: 06/02/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 1/6/20 - Sol 537] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 3 Giugno [updated on Jun,03]

HOT NEWS