Scritto: Sabato, 20 Dicembre 2014 17:35 Ultima modifica: Domenica, 04 Gennaio 2015 09:11

Sole ancora in attività


Un brillamento di classe X si è verificato la scorsa notte e, durante il weekend, si potrebbe avere una tempesta geomagnetica associata.

Rate this item
(0 votes)
I due gruppi di macchie AR2242 (a sinistra) e AR2241 (a destra) riprese in luce visibile da SDO I due gruppi di macchie AR2242 (a sinistra) e AR2241 (a destra) riprese in luce visibile da SDO Courtesy of NASA/SDO and the AIA, EVE, and HMI science teams

L'attuale ciclo solare è iniziato tardivamente e non accenna a diminuire: da oltre 10 giorni sono apparse due nuove regioni attive, denominate AR2241 e AR2242, caratterizzate da una configurazione magnetica di tipo "beta-gamma-delta", dunque fortemente instabile. 

Giovedì sera la zona attiva AR2241 ha generato un brillamento di classe M che ha causato, con le sue radiazioni ultraviolette ionizzanti, un temporaneo blackout delle trasmissioni radio sul Pacifico. La scorsa notte è toccato all'altra regione con uno spettacolare brillamento molto energetico, di classe X-1.8 (ovvero una luminosità di 1,8·10-4 W/m2 nella banda dei raggi X), come evidenziato dal seguente diagramma del flusso di raggi X:

Xray

Andamento dei raggi X duri (in blu) e molli (in rosso) registrato negli ultimi 5 giorni dal satellite - Courtesy of NOAA/SWPC, Boulder, Co

Di seguito una sequenza del brillamento ripresa dal'osservatorio spaziale SDO nell'estremo ultravioletto (andando da sinistra a destra, le immagini sono state riprese alle 00:24, 00:39 e 1:10 UT): 

Flare2242

Brillamento a una lunghezza d'onda di 30.4 nm - Courtesy of NASA/SDO and the AIA, EVE, and HMI science teams.

In base all'emissione radio prodotta dalle onde d'urto nell'atmosfera solare, al brillamento si accompagna a una grossa eiezione coronale (CME) che potrebbe anche investire la Terra nei prossimi 2-3 giorni. Il NOAA americano stima una probabilità del 60-65% di una tempesta geomagnetica durante la fine settimana.

Aggiornamento delle ore 22.25 - Sebbene ci sia effettivamente stato un CME, esso sembra diretto lontano dalla Terra e quindi non ci dovrebbe essere la temuta tempesta geomagnetica.

Riferimenti:
http://www.attivitasolare.com/category/sole/
http://sdo.gsfc.nasa.gov/data/
http://spaceweather.com/

Read 2608 times Ultima modifica Domenica, 04 Gennaio 2015 09:11
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Latest from Marco Di Lorenzo (DILO)

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 novembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/11 - Sol 710] - Meteor...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 21 novembre [updated on Nov,19]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 23 Novembre [Last upda...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 23 Novembre [Last upda...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista