Scritto: Mercoledì, 03 Dicembre 2014 20:56 Ultima modifica: Martedì, 06 Gennaio 2015 07:57

Vita su Marte: carbonio organico di origine biologica forse individuato in un meteorite


Un team internazionale di ricercatori, della Cina, del Giappone e della Germania, insieme ad un gruppo dell'École Polytechnique Fédérale de Lausanne (EFL), ha pubblicato un articolo sulla rivista scientifica Meteoritics e Scienze Planetarie che riaccende per l'ennesima volta un annoso dibattito: Marte ha ospitato e/o ospita ancora la vita?

Rate this item
(0 votes)
© Alain Herzog / EPFL © Alain Herzog / EPFL

Tutto è nato da un meteorite chiamato Tissint, caduto in Marocco il 18 luglio del 2011, con tanto di testimoni oculari nella valle Oued Drâa, a est di Tata.

La roccia spaziale è un pezzo del Pianeta Rosso, espulso dalla superficie a seguito di un impatto, avvenuto circa 700 mila anni fa.

Quando ha toccato Terra, si è frantumata in diverse parti, con massa da 1 a 987 grammi, per un totale di circa 7-11 kg. Ogni frammento era quasi completamente ricoperto da una crosta di fusione nera lucente ma racchiudeva a suo interno, preziose informazioni sulla geologia e l'atmosfera passata di Marte.

Tissint appartiene al gruppo delle shergottiti.

Le prime analisi avevano rilevato: olivina, maskelynite e pirosseno, elementi che si trovano nel mantello del pianeta. Ma quello che rende questo meteorite straordinario, sono delle piccole fessure piene di materia contenente carbonio.

Diversi gruppi di ricerca avevano già dimostrato che questo componente è di natura organica ma si stava ancora discutendo circa la sua provenienza.

La squadra ha eseguito una dettagliata analisi delle tracce di carbonio organico, concludendo che la loro origine è probabilmente biologica.
Gli scienziati sostengono che il carbonio si sarebbe depositato nelle fessure della roccia, quando era ancora su Marte, aiutato dalle infiltrazioni di una liquido ricco di materia organica.

Analisi chimiche, al microscopio e sugli isotopi potrebbero condurre a diverse possibili spiegazioni ma escludono categoricamente l'origine terrestre.
Sembrerebbe anche certo che il carbonio si sia depositato nelle fessure prima che la roccia lasciasse Marte.

Sfidando le soluzioni precedenti che ricollegavano le tracce di carbonio alla cristallizzazione del magma ad alte temperature, il nuovo studio ritiene più probabile che si sia formato per interazione con liquidi contenenti composti organici infiltrati nella roccia madre, Tissint, a basse temperature, in prossimità della superficie marziana.

"Sono completamente aperto alla possibilità che altri studi possano contraddire i nostri risultati, tuttavia, le nostre conclusioni sono tali da ravvivare il dibattito sulla possibile esistenza di attività biologica su Marte... almeno in passato", ha dichiarato Philippe Gillet, direttore dell'Earth and Planetary Sciences Laboratory presso l'EPF.

NanoSIMS analysis of organic carbon from the Tissint Martian meteorite: Evidence for the past existence of subsurface organic-bearing fluids on Mars [abstract]

Two petrographic settings of carbonaceous components, mainly filling open fractures and occasionally enclosed in shock-melt veins, were found in the recently fallen Tissint Martian meteorite. The presence in shock-melt veins and the deuterium enrichments (δD up to +1183‰) of these components clearly indicate a pristine Martian origin. The carbonaceous components are kerogen-like, based on micro-Raman spectra and multielemental ratios, and were probably deposited from fluids in shock-induced fractures in the parent rock of Tissint. After precipitation of the organic matter, the rock experienced another severe shock event, producing the melt veins that encapsulated a part of the organic matter. The C isotopic compositions of the organic matter (δ13C = −12.8 to −33.1‰) are significantly lighter than Martian atmospheric CO2 and carbonate, providing a tantalizing hint for a possible biotic process. Alternatively, the organic matter could be derived from carbonaceous chondrites, as insoluble organic matter from the latter has similar chemical and isotopic compositions. The presence of organic-rich fluids that infiltrated rocks near the surface of Mars has significant implications for the study of Martian paleoenvironment and perhaps to search for possible ancient biological activities on Mars.

Read 2533 times Ultima modifica Martedì, 06 Gennaio 2015 07:57
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 31 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 31 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS