Scritto: Martedì, 02 Dicembre 2014 21:09 Ultima modifica: Martedì, 06 Gennaio 2015 07:59

La Terra "sfiorata" da tre asteroidi


Sui notiziari degli ultimi giorni è rimbalzata la notizia di tre oggetti che starebbero per sfiorare la Terra: cosa c'è di vero?

Rate this item
(0 votes)

Intanto diciamo subito che non esiste alcun pericolo: si tratta di passaggi ravvicinati ma nessuno di questi oggetti rischia di caderci addosso in questi giorni e neanche entro i prossimi 70 anni!

Il primo si chiama 2014 WC201, è stato scoperto il 22 Novembre e nelle prime ore di ieri mattina è passato a 550000 km dalla Terra (1,4 distanze lunari).

Il secondo è 2014 WX202, è stato osservato per soli 5 giorni alla fine di Novembre e, Domenica prossima, dovrebbe raggiungere una distanza minima paragonabile a quella della Luna (376000 km).

Aggiornamento al 8/12/14: Adesso che 2014 WX202 è passato ci sono nuove informazioni disponibili: la minima distanza è stata 375650.0+9.5 km dal centro della Terra alle 20:09 UTC di ieri; 3 giorni prima era passato a 223000 km dalla Luna. Grazie anche ad osservazioni radar, la sua orbita è ora nota con ottima precisione e si può affermare con certezza che, in effetti, il 2/9/1979 ci fu un analogo passaggio ravvicinato mentre, fino al 2100, ci saranno numerosi altri passaggi ma nessuno così ravvicinato (e a maggior ragione non c'è rischio di impatto).

Il terzo (2014 WU200) è stato avvistato anch'esso il 22 Novembre e approccerà il nostro pianeta il giorno 10 a una distanza intermedia tra gli altri due: 1,2 distanze lunari.

Aggiornamento al 10/12/14: oggi pomeriggio 2014 WU200 passerà a 450640+40 km dal centro della Terra. C'è ancora il forte sospetto che sia di natura artificiale; le ultime osservazioni e i conseguenti modelli che tengono conto dell'effetto della pressione di radiazione indicano un rapporto superficie/massa pari a 0.016+0.016 m2/kg, compatibile con l'ipotesi che si tratti di uno stadio di un missile eventualmente lanciato nell'Aprile 1972 (Apollo16 ?) ma l'ipotesi che sia un oggetto roccioso, per ora, non può essere esclusa...

E' abbastanza insolito che tre asteroidi passino a una distanza relativamente piccola nel giro di poco più di una settimana, ma non è così improbabile: in fondo, circa una volta alla settimana un oggetto passa a meno di 1,5 distanze lunari (nell'ultimo anno è successo 48 volte) e, a volte, la distanza è molto più piccola: sempre nell'ultimo anno, per esempio, 10 oggetti sono passati a meno di 100mila km e uno di questi (2014 AA) è addirittura caduto sull'Atlantico poche ore dopo la sua scoperta, lo scorso Gennaio.

In comune questi tre oggetti hanno le dimensioni ridotte: in base alla loro luminosità, il primo misura 20-30m mentre gli altri due sono sotto i 10 metri e quindi, anche se un giorno dovessero venirci addosso, probabilmente verrebbero completamente disintegrati dall'atmosfera (questa possibilità effettivamente esiste per gli ultimi due oggetti ma solo verso la fine del secolo; tuttavia, la probabilità di impatto è molto bassa e probabilmente scenderà a zero appena le orbite verranno determinate con maggiore accuratezza).

Eppure, gli ultimi due oggetti hanno richiamato l'attenzione degli esperti perchè presentano una caratteristica molto peculiare: mentre generalmente gli oggetti NEO (Near Earth Asteroids) si muovono a velocità dell'ordine di 5-15 km/s rispetto alla Terra, questi sono decisamente lenti: 2,17 e 1,67 km/s rispettivamente. Una velocità relativa così bassa implica necessariamente un'orbita simile a quella della Terra e questo fa sospettare che si tratti di oggetti fortemente legati al sistema Terra-Luna, forse addirittura provenienti dalla Terra e di origine artificiale!

Nel caso di WX202, in particolare, il sospetto è caduto su uno stadio del vettore Lunga Marcia che ha recentemente lanciato la sonda cinese Chang'e-2 nel suo periplo lunare. Indagini più approfondite, tuttavia, hanno rivelato che la direzione di provenienza dell'oggetto non è compatibile con questa ipotesi mentre non è da scartare l'eventualità che si tratti di un altro pezzo di "spazzatura spaziale" lanciato molto prima, durante gli anni 70... 


Sempre a proposito di Near Earth Objects, la NASA ha da poco pubblicato una interessante mappa dei bolidi avvistati negli ultimi 20 anni: si tratta, in totale, di oltre 550 oggetti di dimensioni presumibilmente comprese tra 1 e 20 metri di cui conosciamo tempo e luogo di caduta e,approssimativamente, l'enegia liberata (rappresentata dalle dimensioni dei cherchi); quelli apparsi di giorno sono in giallo. L'evento più "energetico" è, naturalmente, quello avvenuto l'anno scorso a Chelyabinsk in Russia.

Bolidi

Credit NASA / JPL


Una ulteriore notizia sull'argomento è arrivata ieri dal Large Binocular Telescope (un telescopio gigante all'avanguardia con doppio specchio, situato in Arizona ma in parte italiano): INAF e ESA sono riusciti ad avvistare un NEO di circa 100m quando si trovava oltre l'orbita di Marte, con una magnitudine apparente di 26.3; un vero record!

NEO

L'oggetto 2014 KC46 osservato da LBT - credit: ESA/INAF


Riferimenti:
http://neo.jpl.nasa.gov/ca/
http://www.space.com/27809-asteroid-impact-early-warning-system.html
http://neo.jpl.nasa.gov/news/news186.html
http://neo.ssa.esa.int/

Read 3652 times Ultima modifica Martedì, 06 Gennaio 2015 07:59
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 9/7/20 - Sol 574] - Meteo...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista