Scritto: Venerdì, 28 Novembre 2014 05:56 Ultima modifica: Mercoledì, 18 Febbraio 2015 17:40

AR2192 vista con gli occhi di Hinode


Vi ricordate di AR2192? Era un'enorme macchia solare emersa dal bordo orientale del Sole il 16 ottobre scorso. Con il ruotare del Sole, si era posizionata proprio di fronte alla Terra, per scomparire sul lato opposto il 30 ottobre.
Era talmente grande (66 volte la dimensione della Terra) da poter essere osservata ad occhio nudo, la più estesa degli ultimi 24 anni.

Rate this item
(0 votes)
AR2192 vista con gli occhi di Hinode Credit: "Hinode"(NAOJ/JAXA)

AR2192

Elaborazione di M. Di Lorenzo - Courtesy of NASA/SDO and the HMI science team

Il gruppo è stato tenuto sotto controllo dalla sonda giapponese Hinode, lanciata il 23 settembre del 2006 per studiare il comportamento magnetico della nostra stella, e dalle osservazioni terrestri del National Astronomical Observatory of Japan (NAOJ).

Qui sotto il percorso della macchia tra il 18 e il 24 ottobre 2014.

AR2192 - Hinode

Credit: Solar Flare Telescope of the Solar Observatory/NAOJ

A metà novembre, la rotazione del Sole ha portato il gruppo AR2192 di nuovo in vista sul lato est.

Le macchie solari appaiono scure perché sono zone in cui la temperatura è "inferiore" a quella circostante, dove i forti campi magnetici ostacolano i processi di convezione che trasportano il calore generato nel centro del Sole verso la superficie. Sono proprio questi forti campi magneti a causare i "flare" (brillamenti), enormi esplosioni che si verificano nell'atmosfera del Sole.
Hinode misura accuratamente i campi magnetici sulla superficie solare per comprendere il meccanismo delle eruzioni solari.

L'immagine in apertura mostra AR2192 ripresa il 24 ottobre 2014 in luce bianca a sinistra e una mappa dei campi magnetici della stessa, a destra.

Qui sotto una vista analoga ripresa da Hinode il 15 novembre 2014.

AR2192 - Hinode

Credit: "Hinode"(NAOJ/JAXA)

Normalmente, quando si verifica un flare, le particelle cariche ad alta energia raggiungono la Terra causando tempeste geomagnetiche. Tuttavia, nel mese di ottobre, nonostante questo mostro fosse proprio davanti a noi, abbiamo assistito a diversi brillamenti che hanno prodotto disturbi sulle comunicazioni radio su vasta scala ma nessuno accompagnato da importanti espulsioni di massa coronale (CME).

Questo fatto curioso è al momento sotto esame.
Una possibilità è che il campo magnetico nell'atmosfera superiore del Sole fosse così forte da sopprimere l'eruzione di particelle cariche.

Appare chiaro che l'evoluzione delle macchie solari necessità ancora molti studi.

Press release:
http://hinode.nao.ac.jp/news/141119Sun_Spot/index_e.shtml

Read 1743 times Ultima modifica Mercoledì, 18 Febbraio 2015 17:40
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 29 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 29 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 27 Maggio [Last update: 05/27/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS