Scritto: Venerdì, 07 Novembre 2014 05:36 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Cantieri di pianeti extrasolari sosservati da Hubble


Grazie al telescopio spaziale Hubble della NASA, gli astronomi hanno completato la più grande e sensibile indagine nel visibile dei polverosi dischi di detriti intorno ad altre stelle, creati dalla collisione di oggetti dopo le fasi di formazione planetaria.
Questi dischi di polvere sono stati osservati sia intorno a giovani stelle di 10 milioni di anni che in stelle di 1 miliardo di anni ed oltre.

Rate this item
(0 votes)

Grazie al telescopio spaziale Hubble della NASA, gli astronomi hanno completato la più grande e sensibile indagine nel visibile dei polverosi dischi di detriti intorno ad altre stelle, creati dalla collisione di oggetti dopo le fasi di formazione planetaria.
Questi dischi di polvere sono stati osservati sia intorno a giovani stelle di 10 milioni di anni che in stelle di 1 miliardo di anni ed oltre.

"E' come guardare indietro nel tempo e vedere gli eventi distruttivi che una volta erano routine anche nel nostro Sistema Solare, dopo la formazione dei pianeti", ha detto il leader del sondaggio Glenn Schneider, dell'University of Arizona's Steward Observatory.

Lo studio è stato pubblicato sul numero del 1 ottobre della rivista The Astronomical Journal.

PROBING FOR EXOPLANETS HIDING IN DUSTY DEBRIS DISKS: DISK IMAGING, CHARACTERIZATION, AND EXPLORATION WITH HST/STIS MULTI-ROLL CORONAGRAPHY [abstract]

Spatially resolved scattered-light images of circumstellar debris in exoplanetary systems constrain the physical properties and orbits of the dust particles in these systems. They also inform on co-orbiting (but unseen) planets, the systemic architectures, and forces perturbing the starlight-scattering circumstellar material. Using Hubble Space Telescope (HST)/Space Telescope Imaging Spectrograph (STIS) broadband optical coronagraphy, we have completed the observational phase of a program to study the spatial distribution of dust in a sample of 10 circumstellar debris systems and 1 "mature" protoplanetrary disk, all with HST pedigree, using point-spread-function-subtracted multi-roll coronagraphy. These observations probe stellocentric distances ≥5 AU for the nearest systems, and simultaneously resolve disk substructures well beyond corresponding to the giant planet and Kuiper Belt regions within our own solar system. They also disclose diffuse very low-surface-brightness dust at larger stellocentric distances. Herein we present new results inclusive of fainter disks such as HD 92945 (Fdisk/F star = 5 × 10–5), confirming, and better revealing, the existence of a narrow inner debris ring within a larger diffuse dust disk. Other disks with ring-like substructures and significant asymmetries and complex morphologies include HD 181327, for which we posit a spray of ejecta from a recent massive collision in an exo-Kuiper Belt; HD 61005, suggested to be interacting with the local interstellar medium; and HD 15115 and HD 32297, also discussed in the context of putative environmental interactions. These disks and HD 15745 suggest that debris system evolution cannot be treated in isolation. For AU Mic's edge-on disk, we find out-of-plane surface brightness asymmetries at ≥5 AU that may implicate the existence of one or more planetary perturbers. Time-resolved images of the MP Mus protoplanetary disk provide spatially resolved temporal variability in the disk illumination. These and other new images from our HST/STIS GO/12228 program enable direct inter-comparison of the architectures of these exoplanetary debris systems in the context of our own solar system.

L'indagine ha rivelato una complessità inaspettata, segno che queste strutture di detriti polverosi sono gravitazionalmente perturbati da pianeti "invisibili" in orbita intorno alle rispettive stelle.

"Abbiamo scoperto che i sistemi non sono semplicemente piatti con superfici uniformi", spiega Schneider. "Questi sono in realtà sistemi di detriti tridimensionali piuttosto complicati, spesso con strutture più piccole incorporate. Alcune delle sottostrutture potrebbero essere segnaposti di pianeti invisibili".

Gli astronomi hanno utilizzato lo Space Telescope Imaging Spectrograph (STIS) a bordo del telescopio Hubble per studiare 10 dischi di detriti circumstellari già noti e quello intorno a MP Mus, un disco protoplanetario maturo di età paragonabile al più giovane dei dischi di detriti.
Uno in particolare, quello intorno alla stella HD 181.327, mostra un'espulsione di detriti nella parte più esterna del sistema, dovuta alla recente collisione di due corpi.

HUBBLE disco circumstellare HD 181327

Credit: NASA, ESA, G. Schneider (University of Arizona), and the HST/GO 12228 Team

"Questo spruzzo di materiale è abbastanza distante dalla stella ospite, circa il doppio della distanza tra Plutone è il Sole," ha detto il co-ricercatore Christopher Stark del NASA Goddard Space Flight Center, Greenbelt, nel Maryland. "La distruzione catastrofica di un oggetto di grande massa ad una così grande distanza è difficile da spiegare e dovrebbe essere piuttosto rara. Se quello che stiamo osservando è realmente frutto di una collisione, allora il sistema planetario invisibile dovrebbe essere molto caotico".

Un'altra interpretazione per queste irregolarità, potrebbe essere che il disco sia stato misteriosamente deformato dal passaggio di una stella attraverso lo spazio interstellare. "In entrambi i casi, la risposta è emozionante", ha detto Schneider. "Il nostro team sta attualmente esaminando le osservazioni di follow-up che ci aiuteranno a rivelare la vera causa".

Certo è che nel corso degli ultimi anni, gli astronomi hanno osservato una gran varietà di pianeti e sistemi extrasolari, con architetture molto diverse tra loro ed anche imprevedibili rispetto ai modelli.
"Stiamo assistendo ad una diversità simile anche nei sistemi di detriti", ha detto Schneider. "Come sono i pianeti che influenzano i dischi, e come sono i dischi che influenzano i pianeti? C'è una sorta di interdipendenza tra un pianeta e le macerie che accompagnano la sua formazione, che potrebbe influenzare l'evoluzione di questi sistemi di detriti planetari".

Gli astronomi dovranno continuare ad indagare per comprendere le influenze interne ed esterne in tali sistemi, come ad esempio i venti stellari e le interazioni con le nubi di materiale interstellare, il modo in cui sono influenzati dalla massa e dall'età della stella madre e l'abbondanza di elementi più pesanti necessari per costruire i pianeti.

Anche se dal 1995 ad oggi, sono stati scoperti circa 4.000 pianeti extrasolari candidati, per lo più con metodi di rilevazione indiretta, nello stesso periodo di tempo sono stati osservati solo circa due dozzine di dischi di detriti circumstellari. Questo perché i dischi sono in genere 100.000 volte più deboli e spesso molto vicini alle luminose stelle madri. La maggior parte sono stati visti proprio grazie ad Hubble ed alla sua capacità di riprendere immagini ad alto contrasto, bloccando la luce della stella per rilevare il debole disco che la circonda.

Questa indagine potrebbe far luce anche sulle origini del nostro Sistema Solare: quanto osservato intorno a HD 181327 potrebbe non essere molto diverso dalla formazione del sistema Terra - Luna o Plutone - Caronte di oltre 4 miliardi di anni fa.

Riferimenti:
http://hubblesite.org/newscenter/archive/releases/2014/44/

Read 3523 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 5 Aprile

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 6 Aprile sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 4 Aprile [Last update: 04/04/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 3 Aprile [Last update: 04/03/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 6/4/20 - Sol 483] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS