Scritto: Martedì, 04 Novembre 2014 06:09 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

VLTI rileva la luce eso-zodiacale intorno a 9 stelle vicine


Utilizzando la potenza del Very Large Telescope Interferometer (VLTI), un team internazionale di astronomi è riuscito ad osservare la luce eso-zodiacale di 9 stelle vicine, ossia la luce stellare riflessa dalla polvere creata dalla collisione tra asteroidi e dall'evaporazione di comete. La stessa all'origine della luce zodiacale nel Sistema Solare.

Rate this item
(0 votes)

Utilizzando la potenza del Very Large Telescope Interferometer (VLTI), un team internazionale di astronomi è riuscito ad osservare la luce eso-zodiacale di 9 stelle vicine, ossia la luce stellare riflessa dalla polvere creata dalla collisione tra asteroidi e dall'evaporazione di comete. La stessa all'origine della luce zodiacale nel Sistema Solare.

Attraverso il VLT, la squadra ha osservato 92 stelle nel vicino infrarosso per sondare le loro zone abitabili.
Questi dati, combinati con le osservazioni precedenti del CHARA, gestito dalla Georgia State University, hanno permesso di identificare, in 9 stelle vicine, la luce brillante creata sia dai grani incandescenti della polvere eso-zodiacale, che dalla luce stellare riflessa da grani stessi.

Nelle zone buie della Terra, la luce zodiacale si presenta come un debole bagliore bianco diffuso nel cielo notturno dopo il crepuscolo o prima dell'alba. E' creata dal riflesso della luce Solare su piccole particelle.
Il bagliore osservato dal VLT è una versione molto più estrema del fenomeno.

La squadra, a differenza delle volte precedenti, non ha osservato la polvere responsabile della formazione dei pianeti ma quella creata dalla collisione tra piccoli oggetti di pochi chilometri di diametro, detti planetesimi (oggetti rocciosi primordiali). Polvere di questo tipo è anche all’origine della luce zodiacale nel Sistema Solare.

"Se vogliamo studiare l'evoluzione dei pianeti simili alla Terra vicino alla zona abitabile, abbiamo bisogno di osservare la polvere zodiacale in questa regione intorno ad altre stelle", ha detto Steve Ertel, dell'ESO e dell'Università di Grenoble, in Francia, autore principale dello studio. "Rilevare questo tipo di polvere attorno ad altre stelle, è un modo per studiare l'architettura e l'evoluzione dei sistemi planetari".

Il rilevamento di questa debole luce vicino ad una sorgente abbagliate, richiede osservazioni ad alta risoluzione con contrasto elevato e l'interferometria, che combina la luce in infrarosso raccolta nello stesso momento da diversi telescopi, si è rivelata finora l'unica tecnica.
Il team ha spinto il VLTI fino al limite in termini di precisione ed efficienza, raggiungendo un dettaglio senza precedenti, riuscendo a risolvere completamente i dischi creati dalla polvere e separando il loro debole bagliore dalla luce dominante della stella. Queste osservazioni, tra l'altro, hanno portato anche alla scoperta di nuove compagne per alcune delle stelle del campione esaminato.

I risultati dimostrano che la maggior parte della polvere si trova intorno alle stelle più vecchie, un risultato piuttosto sorprendente che solleva alcuni dubbi sulla nostra comprensione dei sistemi planetari. Ad esempio, in teoria, la produzione di polvere causata dalla collisione dei planetesimi dovrebbe diminuirsi nel tempo, dato che il numero stesso di planetesimi diminuisce a mano a mano che vengono distrutti.

Il campione esaminato comprendeva anche 14 stelle già note per avere pianeti extrasolari nel loro sistema e dalle osservazioni è emerso che tutti si trovano nella stessa fascia in cui è presente anche la polvere che emette la luce eso-zodiacale. Questo potrebbe costituire un ostacolo nella ricerca e nello studio di altri mondi in quanto, anche emissioni minime, renderebbero molto difficile l'individuazione di pianeti simili alla Terra con immagini dirette.

La luce eso-zodiacale rivelata dal VLTI è 1.000 volte più brillante della luce zodiacale vista intorno al Sole. Per cui, il numero di stelle con livelli di luce zodiacale simili a quelli del Sistema Solare, potrebbe essere molto più elevato nel campione esaminato.

"La percentuale individuata con questo livello luminoso suggerisce che deve esserci un numero significativo di sistemi contenenti polvere più debole, ma ancora molto più luminosa della polvere zodiacale del Sistema Solare", spiega Olivier Absil, dell'Università di Liegi, co-autore dello studio. "La presenza di tale polvere in tanti sistemi potrebbe pertanto diventare un ostacolo per le osservazioni future, che mirano a rendere le immagini dirette di pianeti extrasolari simili alla Terra".

Press release:
http://www.eso.org/public/news/eso1435/#3

Letto: 1743 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista