Gli scienziati hanno rimbalzato con successo un fascio laser sul vecchio Lunokhod 1, il rover dell'Unione Sovietica che ha passeggiato sul suolo lunare più di quattro decenni fa.

Il Lunokhod 1 è stato il primo rover costruito dall'uomo che ha raggiunto un altro mondo al di fuori della Terra: partì alla volta della Luna a bordo del vettore Luna 17, atterrando nel Mare Imbrium il 17 novembre 1970.

Ieri, alle 23 ora italiana, la Orbital Sciences Corporation ha lanciato il razzo Antares per il primo volo di test, dalla pattaforma Pad-0A del Mid-Atlantic Regional Spaceport (MARS) del Centro NASA Wallops Flight Facility di Wallops Island, Virginia.

La missione fa parte del programma Commercial Orbital Transportation Services (COTS) della NASA.

Mentre si parla di razzi a fusione nucleare per raggiungere Marte e di un flyby turistico intorno al Pianeta Rosso per il 2018, un'associazione no-profit cerca quattro volontari per atterrare sul Pianeta Rosso nel 2023: parliamo del progetto Mars One, proposto e guidato dal ricercatore tedesco Bas Lansdorp

Voci di corridoio si sono susseguite nei giorni scorsi ed ora sembra che la notizia sia confermata: secondo Alan Boyle della NBC News, un alto funzionario dell'amministrazione Obama avrebbe confermato che 100 milioni di dollari del budget riservato alla NASA per il prossimo anno, verranno destinati alla costruzione di una nave robotica per la cattura di un piccolo asteroide da portare in orbita lunare.

Da anni gli uomini sognano di andare su Marte ma la tecnologia utilizzata nell'attuale esplorazione spaziale ha dei limiti che rendono il viaggio lungo ed insidioso. Ora gli astronauti potrebbero essere un passo più vicini al Pianeta Rosso grazie ad un nuovo motore a fusione nucleare, la stessa energia che alimenta il Sole e le stelle.

La Russia ha manifestato un rinnovato interesse per l'esplorazione della Luna: il programma è stato presentato Igor Mitrofanov dell'Institute for Space Research (IKI) di Mosca, durante il 54° Microsymposium, tenutosi in Texas il 16 e il 17 marzo, su "Lunar Farside and Poles — New Destinations for Exploration".

Il destino di molti veicoli spaziali è quello di far perdere le loro tracce nello spazio profondo ma le sonde gemelle della NASA GRAIL hanno avuto ben altra sorte: la loro missione si concluse con un impatto controllato sulla superficie lunare a dicembre 2012.

Due persone, un uomo e una donna, probabilmente marito e moglie, il 5 gennaio 2018, lasceranno la Terra ed intraprenderanno un viaggio di andata e ritorno verso Marte, con un veloce flyby: questo il programma dell'associazione no-profit Inspiration Mars Foundation presentato ieri dal miliardario americano Dennis Tito.

Giovedì, 21 Febbraio 2013 13:49

Una missione umana su Marte per il 2018?

In base ad un comunicato stampa pubblicato ieri 20 febbraio su spaceref.com e NASAWatch, Dennis Tito, il primo turista spaziale al mondo, ha in programma di inviare una missione umana su Marte per gennaio 2018.

Un viaggio della durata di 501 giorni, fruttando come finestra di lancio il momento in cui Marte e la Terra offrono la miglior traiettoria.

Ieri, 28 gennaio, l'Iran ha annunciato di aver lanciato con successo una scimmia nello spazio e di aver eseguito il recupero della capsula con l'animale ancora in vita.

Una mossa che ci riporta indietro nel tempo, ai primi anni del programma spaziale americano e russo e preannuncia il prossimo invio di uomini nello spazio, previsto entro il 2020.

Venerdì, 11 gennaio, la NASA ha ufficialmente firmato un accordo con la Bigelow Aerospace per agganciare il primo modulo privato alla Stazione Spaziale Internazionale.

La NASA pagherà 17,8 milioni di dollari per un nuovo laboratorio orbitante gonfiabile che verrà aggiunto alla configurazione attuale dell ISS.

Le sonde gemelle della NASA Gravity Recovery and Interior Laboratory (GRAIL), rinominate Ebb e Flow, hanno completato la loro missione, come previsto, alle 23:28:51 e alle 23:29:21 ora italiana del 17 dicembre 2012.
Solo qualche giorno fa erano stati resi noti i risultati della prima fase della missione, con la pubblicazione della mappa della gravità lunare ad alta risoluzione, la più dettagliata e precisa generata finora.

Mercoledì, 12 Dicembre 2012 05:27

NASA Grail: un gran finale per una grande missione

La prossima settimana, le sonde gemelle della NASA Grail si schianteranno intenzionalmente sulla superficie lunare, portando a termine la loro missione di mappatura del campo gravitazionale del nostro satellite.

Mercoledì, 05 Dicembre 2012 06:08

Dalla NASA un nuovo rover per Marte nel 2020

Mentre solo qualche giorno fa si è parlato di un accordo tra ESA e Russia per la missione ExoMars che inizierà nel 2016, sulla scia del successo della missione Curiosity, la NASA ha annunciato un nuovo massiccio programma di esplorazione spaziale dedicato a Marte, tra cui un nuovo rover che verrà lanciato nel 2020.

Mentre si discute sulle future missioni umane, un orbiter della NASA raccoglierà informazioni dettagliate sull’atmosfera del nostro satellite, nel corso del prossimo anno.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento:6 luglio 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 luglio ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 1 luglio. Statistiche sull...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora