Il 22 agosto, la NASA ha rilasciato qualche anticipazione sulla futura missione che prevede di trovare, catturare e portare vicino alla Terra, un asteroide da studiare.

In base al budget FY 2014, infatti, il presidente Obama aveva richiesto all'Agenzia Spaziale Americana lo sforzo tecnologico di pianificare una missione su un asteroide: ne avevamo parlato quando ancora la notizia era solo una voce di corridoio non confermata ("MISSIONE CONFERMATA: CATTUREREMO UN ASTEROIDE").

Anno 2020, Marte: un nuovo rover raggiungerà la superficie del pianeta.
Questo il tema della conferenza NASA di ieri sera, trasmessa in diretta alle 21:00 ora italiana.

Se da un lato le imprese private portano avanti programmi più avventurosi, come il flyby del 2018 proposto da Inspiration Mars Foundation di Dennis Tito e la colonia permanete per il 2023 del progetto Mars One guidato da Bas Lansdorp, la NASA invierà un nuovo rover nel 2020 alla ricerca di forme di vita passata e presente.

Una nuova rete per la ricerca dell'intelligenza aliena, Search for ExtraTerrestrial Intelligence (SETI), ha preso il via nel Regno Unito.

L'UK SETI Research Network (UKSRN) riunisce accademici da 11 istituzioni di tutto il paese e si dedicherà a diversi aspetti della ricerca.

Un interessante report è stato pubblicato ieri sul sito space.com: il pericolo delle radiazioni durante il viaggio verso Marte e sulla superficie del pianeta, non devono spaventare. Questo il parere di Bas Lansdorp, co-fondatore e CEO Mars One, che ha contribuito alla stesura dell'articolo.

Lanciato 14 maggio 2009 insieme al satellite Planck, dopo tre anni di lavoro, l'osservatorio spaziale ESA Herschel aveva terminato la sua riserva di elio liquido refrigerante proprio il 29 aprile scorso.

Il 17 giugno, alle 12:25, era stato inviato il comando finale per portare Herschel in un orbita eliocentrica, lontano da noi ma benché la missione sia finita, l'osservatorio orbitante è ancora un punto di interesse nei nostri cieli.

L'osservatorio solare IRIS (Interface Region Imaging Spectrograph) è stato lanciato questa notte, alle 4:30 ora italiana, a bordo del razzo vettore Pegasus XL dell'Orbital Science (Orbital), dalla Vandenberg Air Force Base in California.

Il perclorato, la sostanza che ricopre la superficie marziana, inizialmente ritenuto un nemico per eventuali forme di vita perchè molto ossidante, ora è considerato un'importante fonte di energia chemoautotrofica, che potrebbe sostenere la vita microbica nel sottosuolo.
Ma un aspetto negativo rimane: potrebbe infatti costituire un problema per i primi esploratori del Pianeta Rosso.

Ieri sera alle 20:30 ora italiana, è stato trasmesso su NASAtv un breve briefing di aggiornamento sulla missione Mars Science Laboratory. In particolare, sfruttando i risultati del Radiation Assessment Detector (RAD) a bordo del rover Curiosity, gli scienziati stanno ricavando le informazioni necessarie per progettare sistemi di protezione dalle radiazioni efficaci, in vista delle future missioni umane verso il Pianeta Rosso.

Ieri sera, alle 22:31 ora italiana, è partita dalla base di Baikonur la Soyuz TMA-09M con a bordo l'astronauta italiano dell'ESA Luca Parmitano (@astro_luca), la collega statunitense Karen Nyberg (@AstroKarenN) e il cosmonauta russo Fyodor Yurchikhin.

Essere un esperto agricoltore sarà un requisito fondamentale per essere scelto tra i primi coloni inviati su Marte: gli astronauti dovranno imparare a coltivare e a lavorare con impegno per avere una fonte di sostegno alla vita.

"Fino a diverse centinaia di anni fa questa attività occupava la maggior parte di noi e per la maggior parte del tempo", sottolinea Penelope Boston del New Mexico Institute of Mining and Technology.

Gli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale si stanno preparando ad una passeggiata di emergenza per riparare una piccola perdita di ammonica dal circuito refrigerante di un pannello solare individuata 9 maggio, quando l'equipaggio aveva notato piccoli fiocchi bianchi galleggiare nello spazio ed allontanarsi dal segmento P6.

Dopo tre anni di lavoro, l'osservatorio spaziale ESA Herschel ha terminato la sua riserva di elio liquido refrigerante: verrà messo a riposo su un'orbita solare.

Herschel ha portato a termine oltre 35.000 osservazioni scientifiche, accumulando più di 25.000 ore di dati.

Gli scienziati hanno rimbalzato con successo un fascio laser sul vecchio Lunokhod 1, il rover dell'Unione Sovietica che ha passeggiato sul suolo lunare più di quattro decenni fa.

Il Lunokhod 1 è stato il primo rover costruito dall'uomo che ha raggiunto un altro mondo al di fuori della Terra: partì alla volta della Luna a bordo del vettore Luna 17, atterrando nel Mare Imbrium il 17 novembre 1970.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 novembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 21 novembre [updated on Nov,19]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 23/11 - Sol 708] - Meteor...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 23 Novembre [Last upda...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 23 Novembre [Last upda...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista