Scritto: Venerdì, 12 Settembre 2014 19:54 Ultima modifica: Venerdì, 18 Marzo 2016 07:41

GAIA scopre la sua prima Supernova!


Un mese dopo l'inizio della missione scientifica, Gaia scova una Supernova a 500 miloni di anni luce.

Rate this item
(0 votes)

ESA GAIA scopre la sua prima supernova - rappresentazione artistica

Credit: ESA/ATG medialab/C. Carreau

L'evento, denominato Gaia14aaa, ha avuto luogo in una galassia 500 million di anni fa ma è stato rilevato da Gaia alla fine di Agosto, confrontando le immagini riprese un mese prima nella stessa zona di cielo; il satellite per l'atronomia Gaia, di cui si parla in una serie di articoli di approfondimento, ha iniziato la fase di "science scanning" lo scorso 25 Luglio, dopo un lungo periodo di "commissariamento" in cui si sono meticolosamente verificate le prestazioni di tutte le sue componenti e si è cercato di venire a capo di alcuni di problemi imprevisti (di cui parleremo negli approfondimenti).

Solo una settimana dopo, ha osservato la zona di cielo in cui si trova la galassia SDSS J132102.26+453223.8 e ha fotografato al suo interno una stellina di magnitudine 19.2, circa 200mila volte più debole di quelle visibili a occhio nudo. Il 30 Agosto, il satellite ha di nuovo inquadrato la stessa zona di cielo, facendo ripetute osservazioni che dimostrano inequivocabilmente un netto aumento di luminosità, quasi 2 magnitudini; questo significa che, nel giro di un mese, la stella era diventata circa 6 volte più luminosa; tutto questo è chiaramente visibile nell'immagine sottostante che riporta la curva di luce della stella osservata; la ripetizione delle osservazioni è stata possibile perchè Gaia fa una scansione continua di una striscia di cielo mentre ruota su se stessa ogni 6 ore; inoltre, anche l'asse di rotazione compie una rivoluzione completa ogni 2 mesi.
Questo conferisce a Gaia un'ottima capacità di rivelare fenomeni celesti variabili in un'arco di tempo che va da qualche ora a svariati mesi.ESA GAIA scopre la prima supernova

Credit: ESA/Gaia/DPAC/Z. Kostrzewa-Rutkowska (Warsaw University Astronomical Observatory) & G. Rixon (Institute of Astronomy, Cambridge)

Usando i dati di Gaia, compreso lo spettro a bassa risoluzione, gli astronomi hanno concluso che il "fenomeno transiente" è dovuto ad una supernova di classe Ia, la cui energia viene generata in un sistema binario dalla fusione termonucleare di materiale proveniente da una gigante rossa che precipita su una nana bianca.

La possibilità che si tratti di un cambiamento di luminosità nel nucleo attivo della galassia è esclusa anche perchè, nelle immagini Gaia, si vede chiaramente che le due sorgenti sono separate (immagine a sinistra nella figura sottostante); al centro si vede la galassia ripresa anni prima nel corso della survey SDSS (Sloan Digital Sky Survey) e, destra, la sottrazione tra le due immagini evidenzia la sola supernova:

ESA GAIA scopre la sua prima supernova

 Credit: M. Fraser/S. Hodgkin/L. Wyrzykowski/H. Campbell/N. Blagorodnova/Z. Kostrzewa-Rutkowska/Liverpool Telescope/SDSS

Riferimenti:
http://www.esa.int/Our_Activities/Space_Science/Gaia/Gaia_discovers_its_first_supernova

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 1842 volta/e Ultima modifica Venerdì, 18 Marzo 2016 07:41
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli ultimi articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista