Scritto: Domenica, 13 Luglio 2014 07:36 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:14

ESA hangout video: il surfing spaziale della sonda Venus Express


Giovedì scorso l'Angenzia Spaziale ESA ha organizzato un hangout per rispondere alle domande del pubblico sulle prossime fasi di un'altra memorabile missione, Venus Express, che dopo 8 anni di osservazioni scientifiche, ha iniziato un'intrapendende avventura finale.

Rate this item
(0 votes)

ESA Venus Express aerobraking

Credit: ESA–C. Carreau

Giovedì scorso l'Angenzia Spaziale ESA ha organizzato un hangout per rispondere alle domande del pubblico sulle prossime fasi di un'altra memorabile missione, Venus Express, che dopo 8 anni di osservazioni scientifiche, ha iniziato un'intrapendende avventura finale.

La sonda, ormai a corto di propellente, ha terminato le operazioni di routine il 15 maggio scorso ma prima di andare incontro al suo destino segnato, tenterà un tuffo nell'insidiosa atmosfera del pianeta, sfruttando una tecnica chiamata aerobraking (aerofrenaggio).

Questa manovra, già utilizzata per altri veicoli spaziali come il Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) della NASA, sfrutta l'attrito dell'atmosfera del pianeta per rallentare la sonda e regolarne l'orbita, risparmiando carburante.
In pratica, diminuendo la velocità al pericentro (ossia nel punto in cui l'orbita è più vicina al pianeta), si abbassa la quota all'apocentro (punto più lontano) e, se l'aerobraking prosegue per un certo periodo, la sonda raggiunge un'orbita circolare (Venus Express, invece, ha un'orbita altamente ellittica).

A partire dal 23 giugno, Venus Express è scesa di quota, mantenendosi mediamente tra i 131 e i 135 chilometri sopra la superficie del pianeta, restando poco al di sopra delle nuvole di acido solforico per circa 3 settimane.

Ora, è in procinto di risalire di nuovo fino a 460 chilometri.
Ma il team sembra che stia cercando in tutti i modi di mettere alla prova la resistenza della navicella che, durante la campagna, ha toccato i 129,1 chilometri al pericentro.
Nei passaggi attraverso l'atmosfera a 10 chilometri al secondo, i sensori di bordo hanno registrato un considerevole aumento della temperatura, quasi al limite di quanto Venus Express possa sopportare.

ESA Venus Express 1° campagna di aerobraking

Source: http://blogs.esa.int/rocketscience/2014/07/10/the-hottest-bumpiest-week-yet-for-venus-express/

Il grafico mostra le esperienze di decelerazione della sonda durante l'aerobraking, proporzionali alle pressioni dinamiche incontrate, a loro volta proporzionali alla densità atmosferica.
Passando dai 165 chilometri e i 130 chilometri di quota, Venus Express ha registrato una differenza di densità atmosferica circa mille volte superiore.
I dati mostrano che la velocità della navicella è diminuita ovunque tra 0,5 e 1,0 m/s (ossia tra 1,8 e 3,6 km/h) e la decelerazione è aumentata al diminuire della quota.
Il salto improvviso al pericentro 2986 corrisponde al 23 giugno, giorno in cui Venus Express si è abbassata di quota.

Questo primo tuffo sperimentale in realtà ha apportato solo un piccolo cambiamento nell'orbita della sonda ma sta fornendo maggiori informazioni sulla densità dell'atmosfera di Venere a livello locale e globale.

In ogni caso, ecco il video dell'hangout "ESAhangout: How to surf the Venus atmosphere", ricco di approfondimenti.

Hanno partecipato:
Host: Emily Baldwin
Håkan Svedhem - Venus Express Project Scientist
Adam Williams - Venus Express Spacecraft Operations Manager
Colin Wilson - Venus Express Science Operations Coordinator
Patrick Martin - Venus Express Mission Manager

e ovviamente il pubblico.

Anche io ho fatto la mia domanda, al minuto 26:12 del video.

Ho chiesto come venivano gestite le comunicazione durante questa fase particolarmente delicata della missione e se fosse stato possibile incrementare la frequenza, soprattutto del downlink, per preservare il più possibile i dati rilevati se qualcosa dovesse andare storto.

ESA Venus Express - riduzione del periodo orbitaleAl mio quesito ha risposto Adam Williams spiegando che Venus Express utilizza una grande antenna puntata verso la Terra e durante l'aerobraking si cerca di utilizzare la stazione in Spagna per i comandi in uplink. Ma per essere doppiamente sicuri di riuscire a mantenere il contatto con la sonda, nel caso ci fossero problemi in Spagna, viene utilizzata un'altra stazione dell'ESA nel Sud America, così da avere una doppia possibilità giornaliera per inviare comandi in uplink due volte alla settimana ma ricevere dati ogni giorno.

Questo però è abbastanza complicato perché l'orbita sta cambiando.
Oltre a ridurre l'altitudine dell'apocentro, infatti, l'aerobraking riduce il periodo orbitale, cioè il tempo necessario per completare un'orbita attorno a Venere e in questa prima campagna la velocità al pericentro è diminuita di circa 10 m/s (pari a 36 km/h), sufficiente a ridurre il periodo orbitale da 24 a 23 ore.
Di conseguenza si modifica anche l'orario in cui è possibile comunicare con la sonda.

Inoltre, potrebbe capitare che la comunicazione venga interrotta dalle operazioni tecniche perché, ad esempio, la sonda potrebbe attraversare un punto particolare dell'atmosfera del pianeta in quel momento. Quindi è essenziale raccogliere tutti i dati possibili quando la sonda è a vista!

Buona visione!

Letto: 3059 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:14
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista